American Gods

American Gods

Neil Gaiman

Оглавление

Спасибо, что скачали книгу в бесплатной электронной библиотеке Royallib.ru Все книги автора Эта же книга в других форматах Приятного чтения! Neil Gaiman American Gods

Avvertenza per i viaggiatori

Mi sono sempre chiesto che cosa succeda agli esseri di natura divina quando gli emigranti lasciano la terra natale. Gli americani di origine irlandese ricordano le fate, quelli di origine norvegese i nisser, quelli di origine greca le vrykólakas, ma soltanto in relazione a eventi legati al paese d’origine. Un giorno, quando domandai perché in America non si avessero notizie di questi esseri, le mie fonti ridacchiarono confuse, prima di rispondere: «Hanno paura di attraversare l’oceano, è troppo lontana, l’America», e poi mi fecero notare che qui, in fondo, non erano venuti nemmeno Cristo e gli Apostoli. RICHARD DORSON, "A Theory for American Folklore", in American Folklore and the Historian, University of Chicago Press, 1971.

Parte prima Le ombre

1 I confini del nostro paese, signore? Ebbene, signore, a nord confiniamo con l’aurora boreale, a est con il sole nascente, a sud con la processione degli equinozi e a ovest con il Giorno del Giudizio. The American Joe Miller’s Jest Book

2 La portarono al cimitero in una vecchia e grande Cadillac La portarono al cimitero e ve la lasciarono. Canzone popolare

3 Ogni ora fa male. L’ultima uccide. Vecchio adagio

4 Il treno speciale di mezzanotte mi illumina come la luna Mi illumina con la sua luce d’amore il treno-luna di mezzanotte. The Midnight Special, vecchia canzone popolare

5 La vita è una signora in boccio la morte un segugio a caccia: la prima abita la stanza, la seconda è la canaglia che l’insegue sulle scale. W.E. HENLEY, Madam Life’s a Piece in Bloom

6 Spalancati e indifesi i nostri cancelli Lasciano passare una moltitudine variopinta e sfrenata. Uomini del Volga e delle steppe tartare. Creature indistinguibili dall’Hoang-ho, Malesi, sciti, teutonici, celti e slavi, In fuga dalla povertà e dal disprezzo patiti nel Vecchio Mondo. Qualcuno porta con sé dèi e riti sconosciuti, Qualcuno è violento come una tigre pronta a tirar fuori gli artigli, Nelle strade e nei vicoli quali strani idiomi sono mai questi, Accenti minacciosi ai nostri orecchi, Voci che un giorno risuonarono nella Torre di Babele. THOMAS BAILEY ALDRICH, The Unguarded Gates, 1882

7 Poiché sono "immortali" soltanto in un senso molto particolare — infatti nascono e muoiono — gli dèi del pantheon induista conoscono quasi tutti i grandi dilemmi umani e spesso sembrano distinguersi dai mortali soltanto per alcuni dettagli insignificanti… e ancora meno si differenziano dai demoni. Tuttavìa sono considerati dagli induisti una categoria di esseri per definizione completamente diversa da qualsiasi altra; la loro natura simbolica non è alla portata dei comuni mortali, per quanto "archetipica" possa essere la loro vita. Gli dèi sono attori che interpretano ruoli reali soltanto ai nostri occhi; sono le maschere dietro cui ciascuno intravede il proprio volto. WENDY DONIGER O’FLAHERTY, Introduzione a Hindu Myths, Penguin Books, 1975

8 I morti hanno un’anima, disse, ma quando gli domandai Com’era possibile — pensavo che i morti fossero anime, Mi risvegliò dal sogno. Non ti insospettisce, disse, Il fatto che i morti tacciano qualcosa? Sì, c’è qualcosa che ci tengono nascosto. ROBERT FROST, Two Witches

Parte seconda Il mio Ainsel 9 Per non parlare delle mitiche creature tra le macerie… WENDY COPE, A Policeman’s Lot

10 Ti dirò tutto di me ma tacerò il passato perciò mandami a letto per sempre. TOM WAITS, Tango Till They’re Sore

11 Tre uomini possono tenere un segreto, se due di loro sono morti. BEN FRANKLIN, Poor Richard’s Almanack

12 L’America ha investito religione e morale in azioni ad alto rendimento. Ha adottato la posizione inattaccabile di una nazione che è benedetta perché merita di esserlo, e i suoi figli, indipendentemente da quali teologie riconoscono o disprezzano, sottoscrivono senza riserve il credo nazionale. AGNES REPPLIER, Times and Tendencies

13 Ehi, vecchio amico. Come dici, vecchio amico? Tutto a posto, vecchio amico. Dai fiato a una vecchia amicizia. Perché così cupo? Andiamo avanti per sempre. Tu, io, lui Ci sono troppe vite in gioco… STEPHEN SONDHEIM, Old Friends

Parte terza La tempesta 14 La gente è al buio, non sa cosa fare Avevo una lanterna, oh ma si è spenta anche quella. Tendo una mano. Spero che la tenderai anche tu. Come vorrei stare al buio con te. GREG BROWN, In the Dark With You

15 Impiccami, O impiccami, e sarò morto e sepolto, Impiccami, O impiccami, e sarò morto e sepolto, Non mi dispiace essere impiccato ma è essere morto, e sepolto così a lungo che non mi va. Vecchia canzone popolare

16 Lo so che barano. Ma è l’unico tavolo da gioco in città. CANADA BILL JONES

17 In questo paese tutto è su larga scala. I fiumi sono immensi, il clima estremo, le possibilità sconfinate, i tuoni e i fulmini terrificanti. I disordini fanno tremare le istituzioni del paese. Errori, cattiva condotta, perdite, disgrazie, rovina, tutto è su larga scala. LORD CARLISLE a George Selwyn, 1778

18 Cercarono di fermare i soldati, ma i soldati fecero fuoco uccidendoli entrambi. Perciò la canzone sbaglia, quando parla della prigione, è una licenza poetica. La realtà non corrisponde sempre alla poesia. La poesia non corrisponde sempre alla verità. Spesso è questione di metrica. Commento di un cantante a The ballad of Sam Bass, in A Treasury of American Folklore

Parte quarta Epilogo: Quello che i morti ci tengono nascosto 19 Il modo migliore per descrivere una storia è raccontarla. È chiaro? La si descrive, a se stessi o al mondo, raccontandola. Raccontare è un atto compensatorio, un sogno. Quanto più dettagliata è la mappa, tanto più somiglia al territorio. La mappa più accurata possibile diventa il territorio, quindi perfettamente dettagliata e perfettamente superflua. Il racconto è la mappa che è il territorio. Non bisogna dimenticarlo. Dal taccuino del signor Ibis

20 è primavera e il capripede palloNaro fischia da lon tanis simo. E.E. CUMMINGS

Post scriptum

Ringraziamenti