🔵 Manifesti e Mozioni di Cittadini e Associazioni | Appello alla Dignità

🔵 Manifesti e Mozioni di Cittadini e Associazioni | Appello alla Dignità





È importante che ognuno si prenda carico di comunicare personalmente il fatto che debba essere comunicato personalmente, il muoversi, l'agire sono in prima persona.

È essenziale recuperare il contatto umano: sia come strumento di difesa, sia come struemento di rinascita. > Appello alla Dignità | Manifesto d'intenzione, azione pratica, resistenza e rinascita.





🔵 Comunicato - L'allarme di psicologi e psichiatri

Il nostro fine, coerente con il nostro lavoro e le nostre ricerche, è quello di promuovere, tutelare e proteggere il benessere psico-fisico individuale e sociale.

Le segnalazioni, le riflessioni e le richieste contenute in questo documento hanno lo scopo di rendere consapevoli i nostri governanti e la popolazione intera degli effetti collaterali e dei pericoli che certe azioni hanno e potranno avere sulla salute mentale e sul benessere della comunità a 360 gradi.

https://comunicatopsi.org | Apri e scarica il Comunicato in pdf.


🔵 Comunicato AMPAS dei Medici di Segnale (21/04/2020)

Con serenità, ma anche con determinazione, i medici del gruppo della medicina di segnale (735 iscritti all’AMPAS, la nostra associazione, di cui tanti impegnati in prima linea), preoccupati per le possibili derive autoritarie in atto, desiderano fare chiarezza circa la possibilità che siano lesi dei diritti costituzionalmente garantiti per i cittadini.

1. Lesione libertà costituzionalmente garantite / 2. Conflitti di interesse / 3. Libertà di espressione e contraddittorio / 4. Vaccino: soluzione a tutti i mali? / 5. Bambini e movimento fisico / 6. Danni economici del lockdown: un disastro epocale / 7. Le cure / 8. Test sierologici ritardati o non autorizzati / 9. Qualche numero / 10. Altri Paesi europei e non: lockdown molto diversi / 11. Sostegno al sistema immunitario: i sani proteggono / 12. Le richieste

https://www.medicinadisegnale.it/?p=1052


🔵 Istanza al ministro della istruzione: ritorno a scuola con didattica “in presenza” | Per la salute di bambini, famiglie ed il rispetto della legittimità costituzionale.

Con il presente manifesto di azione civica ad adesione libera e volontaria (da parte di liberi cittadini, comitati ed associazioni), noi genitori sottoscrittori vogliamo farci promotori di una istanza al Ministro della Istruzione ai sensi del principio di sussidiarietà orizzontale (art. 118, IV comma Costituz.), per affiancarci alla pubblica amministrazione statale ed opporci ad una politica che vuole ridurre il sistema scolastico ad un insieme di didattiche virtuali e miste, ancora a distanza oltre la fase emergenziale acuta vissuta recentemente, con grave pregiudizio di classi già formate e dello sviluppo psicofisico, relazionale ed affettivo di bambini e bambini già da troppo tempo lontani dai banchi di scuola e dai loro compagni e compagne, a causa delle misure estreme di contenimento adottate dalle Autorità italiane nel gestire la emergenza epidemiologica del nuovo coronavirus SAR-CoV-2 (malattia similinfluenzale "COVID-19"), sin dalla deliberazione da parte del Governo dello stato di emergenza sanitaria nazionale, a decorrere dal 31 gennaio 2020 e di sei mesi di durata.

Noi siamo per il ritorno dei bambini - sgombrando il campo dall'alibi od il pretesto della lotta ad una epidemia di una malattia "a decorso benigno" per quanto riguarda l'età pediatrica (cfr. ilpediatranews.it, 30 marzo 2020) e da tempo in fase calante come diffusione di contagio - alla normale socialità ed in "classe" nell'aula scolastica, e ad una "attività educativa ordinaria" il prima possibile.

A questo scempio del vivere civile, sociale, formativo ed educativo che rischia di "uccidere i sogni dei nostri figli" (cfr. Lettera a Paolo Crepet da una madre) - e che nega il contatto fisico, la vicinanza, l'imparare in presenza con l'altro, confinando il mondo della infanzia ed adolescenza in un universo di distanzialmento sociale e modalità virtuali di apprendimento permamenti, ove perenne è la paura dell'ignoto e del compagno di banco "untore" - noi diciamo no.

Luca Scantamburlo & Valentina De Guidi


🔵  CReLDiS | genitori, insengnanti, dirigenti appello contro la didattica a distanza

CReLDiS, il Coordinamento Regionale Lombardia Diritti e Salute, grazie al prezioso lavoro del team legale coordinato dagli avvocati Linda Mestriner e Flavia Ferro che ha lavorato per la tutela della privacy, della salute dei minori e la loro difesa, ha finalizzato un documento che contiene tutte le argomentazioni per cui dire SI al rientro a scuola in sicurezza, ma un forte NO alle condizioni che si stanno prospettando e che vorrebbero imporre per tornare a scuola secondo quello che il CTS pensa sia l’unica modalità per farlo.

Ma sono smentiti sui fatti, e per questo è necessario che i genitori, a gran voce, facciano proprio questo documento e lo inviino alla propria dirigenza scolastica, al sindaco di competenza, e allo stesso ufficio scolastico regionale.

https://telegra.ph/CReLDiS--Scuola---Genitori-insengnanti-dirigenti-06-06



🔵  Scuola reale - la scuola può ripartire solo con relazione, vicinanza e contatto

I bambini, i ragazzi e i giovani non conoscono e non dovrebbero conoscere il distanziamento sociale, che implica una lontananza non solo fisica, ma anche UMANA dagli altri. Una distanza innaturale, che non fa parte di ciò che caratterizza ogni essere umano.


La scuola che accoglie - azioni e guide per la tutela delle libertà

Siamo noi: cittadini, genitori, studenti, alunni, bambini, pedagogisti, psicologi, educatori, insegnanti, dirigenti scolastici, professori universitari.

Dalle ceneri della didattica dell’emergenza nascerà una nuova didattica della vita e delle relazioni umane.

Abbiamo il dovere di aprire le scuole lasciando la libertà di scegliere se indossare oppure no le mascherine e respingendo con coraggio il distanziamento dei bambini, dei ragazzi e l’abuso delle tecnologie a discapito delle relazioni umane.

La didattica a distanza, anche se utile, non può avviarsi a divenire strutturale prevaricando sulla didattica in presenza, la sola che possa garantire le relazioni interpersonali necessarie alla crescita umana e cognitiva degli studenti.



🔵  Mozione assembleare sulla salute pubblica del Comitato Rodotà (04/2020)

https://generazionifuture.org/docs/Mozione_Presidenza_assemblea_nazionale_online_Comitato_Rodota_24-03-2020.pdf



🔵  Manifesto del Patto per la Libertà di Espressione (04/2020)

Di fronte a questa pericolosa deriva autoritaria, forme di protesta individuali non sono più sufficienti. È necessario che i cittadini che ancora ricordano il significato autentico dell’Articolo 21 della nostra Costituzione si riuniscano in un fronte comune, trasversale e apartitico, per tracciare la linea che non va oltrepassata, organizzando forme di tutela collettiva e di pressione organizzata che possano preservare, e consegnare ai nostri figli, la libertà più grande di tutte: quella di esistere in quanto persone coscienti, in grado di immaginare e concepire il mondo e i suoi fenomeni in maniera coerente con la loro capacità di analisi e le loro attitudini. E soprattutto, quella di comunicare tra di loro.

https://www.byoblu.com/firma-il-manifesto-del-patto-per-la-liberta-di-espressione/





⭕️  Appello alla Dignità | Manifesto d'intenzione, azione pratica, resistenza e rinascita - 28 Maggio 2020

image credit #CLET

Quest'emergenza è qui per restare. Chiunque abbia capito almeno un po’ deve in primo luogo contattare chiunque altro abbia capito almeno un po’. Ciascuno deve attivare una reazione fuori dalla bolla in cui siamo chiusi e deve poi prendersi carico della sua porzione di mondo e parlare e informare dal vivo, chi si incontra, i propri cari, i propri colleghi - nessuno è estraneo.

Non è solo questo manifesto a dover diventare virale, è sopratutto il modo di fare e quindi di essere - vincolo / opportunità: il passaparola con il prossimo, dal vivo.

Non è più il tempo di delegare - se siamo in questa situazione è perché abbiamo delegato. Non è solo questo manifesto a dover diventare virale, è sopratutto il modo di fare e quindi di essere - vincolo / opportunità: il passaparola con il prossimo, dal vivo.

È importante che ognuno si prenda carico di comunicare personalmente il fatto che debba essere comunicato personalmente, il muoversi, l'agire sono in prima persona.

È essenziale recuperare il contatto umano: sia come strumento di difesa, sia come struemento di rinascita.