Alieni, Insettoidi ed Elfi! Oh, mio dio! - Parte 2

Alieni, Insettoidi ed Elfi! Oh, mio dio! - Parte 2

Jon Hanna - Traduzione: Benway

What is mind? No matter… What is matter? Never mind

Per definizione le entità disincarnate non hanno corpi fisici. Questo potrebbe significare che sono in grado di esistere solo nelle menti? È possibile che diverse intelligenze distinte abitino un singolo cervello? Le menti possono esistere senza materia? La curiosità fa crollare la probabilità in realtà materializzando la carne nella materia, seminando un substrato, creando coscienza, promulgando il processo paradossale per sempre? Bootstrap al suo meglio? Prima l'uovo o la gallina? Non ho risposte a tali domande. Tuttavia il mio agnosticismo non influisce negativamente sulla mia meraviglia, stupore e fascino per l'esperienza di entità disincarnate, sia che siano solo mentali o che abbiano delle basi esterne, in altre dimensioni o regni spirituali.


Terence McKenna sembrava propenso a credere che lo spazio DMT fosse una realtà indipendente popolata da entità intelligenti disincarnate. Anche Peter Meyer sembra essere giunto a questa conclusione. Sente che la sua raccolta di 340 DMT Trip Reports fornisce prove oggettive dell'esistenza di entità "all'interno di quella che sembra essere una realtà alternativa".


All'inizio del dialogo DMT, Meyer ha proposto che la DMT potesse fornire accesso a un regno post-morte. Dei 340 rapporti che ha raccolto, ne ha contrassegnati 226 (66,5%) con un tag "entità", a causa della loro menzione di "esperienza di uno o più esseri apparentemente indipendenti che interagiscono in modo apparentemente intelligente e intenzionale con l'osservatore” Meyer suggerisce che la gente dovrebbe leggere dieci rapporti ogni giorno, pensarci e alla fine di 34 giorni riflettere su ciò che la sua raccolta di racconti in prima persona implica sulla natura della realtà. Questo eccellente esercizio può provocare il rialzo delle sopracciglia da almeno alcuni scettici.


Te stesso, il suo ET ... L'elfo è tuo!

Mentre alcuni di coloro che "hanno avuto esperienze" si inclinano verso il punto di vista dell'"esistenza esterna" altri trovano tale prospettiva illogica e frustrante. Considera il massetto di Martin Ball, "Terence on DMT: An Entheological Analysis of the McKenna's Experiences in the Tryptamine Mirror of the Self", pubblicato da Reality Sandwich. L'ira di Ball contro McKenna - come un individuo imperfetto e come promotore di idee imperfette - è in gran parte un insieme di insulti, discussioni tra spaventapasseri ed egotismo ironico. (Il ritornello dogmatico di Ball si concentra sulle proiezioni dell'ego di McKenna, dolorosamente ignaro di quelle del suo). Nonostante la triste dialettica, Ball fa emergere un paio di punti su cui vale la pena riflettere. Il primo è che "tutti i contenuti delle esperienze enteogeniche sono proiezioni del sé" (l'osservazione di Ball potrebbe conquistare più sostenitori se fosse espressa come "tutti i contenuti delle esperienze enteogeniche potrebbero essere proiezioni del sé". Farò riferimento a Ball che cita Bill Maher "Il dubbio è umile"). Il secondo punto da considerare, sollevato da Ball solo di sfuggita, è il suo totale rifiuto del concetto di "anima". In un mondo in cui alcuni evangelisti enteogeni non vorrebbero niente di meglio che impostare i loro allarmi per iPhone per le 20:12 finali al tramonto e volare via attraverso i doppi arcobaleni indotti dalla DMT sui loro unicorni alati, il monismo di Ball è, almeno, una prospettiva alternativa rinfrescante.


In "The Case Against DMT Elves" James Kent presenta una teoria neurologicamente basata sull'origine delle entità disincarnate. Kent propone che queste esperienze siano un prodotto delle singole menti umane piuttosto che un'interazione con intelligenze esterne indipendenti. Tuttavia Kent sostiene che "la -coscienza di Gaia- che permea l'esperienza è innegabile" e che offre la possibilità "che questa antica coscienza vegetale esista effettivamente e stia tentando di farsi conoscere attraverso il cervello dei mammiferi illuminato dalla DMT ". In seguito afferma: "Credo anche nel samsara [reincarnazione] e nella trasmigrazione delle anime, il che rende l'idea che queste entità potrebbero essere "anime disincarnate" che fluttuano nell'iperspazio". Non sono sicuro perché una "coscienza vegetale" teorica esterna sia più plausibile di una "coscienza elfica" teorica esterna e nei miei incontri con entità disincarnate non ho mai sperimentato nulla di lontanamente descrivibile come: "coscienza di Gaia" (anche se riconosco che alcune altre persone lo hanno segnalato). Sono pienamente d'accordo con l'osservazione successiva di Kent che "nessuna delle [cose che l'entità mi ha detto] indica definitivamente qualsiasi verità più profonda su ciò che sono o da dove provengono".


Mettendo da parte le speculazioni su "cosa sono o da dove vengono", una domanda più accessibile potrebbe essere: con quale frequenza il contatto con un'entità è il risultato di un particolare psichedelico?


Altre entità oltre la DMT?

Chiaramente l'affermazione di Strassman secondo cui questo fenomeno si verifica solo con la DMT non è accurata. Oltre ai pochi esempi forniti sopra i resoconti di viaggio contemporanei pubblicati e i numerosi esempi online testimoniano che questo non è solo un fenomeno che si verifica con il consumo della DMT. Ma la DMT ha maggiori probabilità di generare tali esperienze rispetto ad altri psichedelici?


Strassman ha dichiarato che almeno 30 dei suoi 60 soggetti hanno riferito di aver avuto tali esperienze. Meyer afferma che 266 dei 340 rapporti di viaggio della DMT che ha raccolto menzionano una sorta di entità disincarnata. Insieme queste due fonti suggeriscono che forse il 50-66,5% di coloro che consumano DMT potrebbe sperimentare un contatto con un'entità disincarnata. Ciò è sostanzialmente in linea con il 49-58% di Masters e Houston che hanno riferito di visioni di diavoli, demoni, Cristo, Buddha, santi, figure divine e figure di tipo William Blake. Tuttavia l'intervallo percentuale Masters e Houston non può essere confrontato direttamente con le percentuali di Strassman o Meyer per due motivi. In primo luogo, con un focus più ristretto su entità specificamente religiose, la figura di Masters e Houston potrebbe essere leggermente inferiore rispetto a quella che sarebbe stata se avessero incluso anche altre categorie di esseri. In secondo luogo, Masters e Houston raggruppano tutti i 206 utenti di psichedelici in un unico gruppo, senza alcuna distinzione basata sulla sostanza chimica specifica consumata da ciascuno di essi. Presumibilmente almeno alcuni dei loro soggetti hanno avuto esperienze di entità a seguito del consumo della DMT (in effetti in uno di questi rapporti incluso nel libro l'utente DMT descrive l'incontro con "il volto di Dio" come quello "di una scimmia molto saggia!"). Senza accesso a maggiori dettagli ai dati di Masters e Houston non è possibile sapere quanti dei loro 206 intervistati hanno sperimentato entità mentre erano sotto l'effetto della DMT e quanti di loro hanno sperimentato entità dopo aver preso altri psichedelici.


Al fine di sollecitare il contributo di "esperti" in questo capitolo, una manciata di persone è stata indirizzata a un sondaggio online. La partecipazione era anonima e circa la metà delle persone contattate ha risposto. Si riteneva che i potenziali partecipanti (1) avessero una solida esperienza personale con la DMT e/o (2) si fossero stati “sitter” per altri che vivevano viaggi con la DMT. Otto persone hanno completato il sondaggio. Tutti hanno risposto "sì" alla domanda se avessero mai sperimentato qualcosa che sembrava un contatto con un'entità disincarnata. Tuttavia, un potenziale partecipante, che ha rifiutato di compilare il sondaggio ha detto:

Ho visto ogni sorta di cose nei miei viaggi: scheletri danzanti, sacerdotesse giaguaro, api aliene, topi danzanti, personaggi dei cartoni animati e così via, per molti anni. Non ho mai pensato a loro come "entità disincarnate"; erano solo allucinazioni. Poi ho sentito Terence McKenna e ho iniziato a cercare "entità disincarnate" nei miei viaggi. E improvvisamente, ho iniziato a vedere "entità disincarnate" invece di allucinazioni. Il punto è che gli umani sono così suggestionabili che crederanno alle loro allucinazioni qualunque cosa tu dica loro di aspettarsi. Se mi aspetto cartoni animati, vedo personaggi dei cartoni animati. Se mi aspetto "entità disincarnate", improvvisamente quei personaggi dei cartoni animati hanno più "significato" o "valore" perché li chiamo "entità" anziché "cartoni animati". In altre parole, Terence era un maestro delle cazzate semantiche."


Per preservare l'anonimato le domande su genere ed età non sono state incluse in questo sondaggio. Gli intervistati hanno espresso una varietà di credenze spirituali, incluso l'ateismo. Le risposte a una domanda circa il numero di volte in cui hanno avuto contatti con entità variavano da 2 a più di 100. L'anno della prima esperienza di contatto è stato di 46 anni, dal 1961 al 2007. Il primo contatto di quattro persone è risultato dalla DMT, uno da LSD, uno da funghi contenenti psilocibina, un altro da funghi in combinazione con Peganum harmala e per la persona finale si è verificata all'età di quattro anni in seguito a un trauma cranico.


Quando è stato chiesto di nominare qualsiasi sostanza che avesse portato a esperienze di contatto con le entità, sono stati menzionati i seguenti farmaci (numero di menzioni indicate tra parentesi): DMT [7], ayahuasca [6], funghi contenenti psilocibina [5], mescalina [2] e Salvia divinorum [2]; 5-MeO-DMT, Brugmansia, Cannabis, ketamina, LSD, protossido di azoto, funghi contenenti psilocibina con Peganum harmala, S. divinorum e P. harmala sono stati tutti menzionati una sola volta.


Il numero di volte in cui ogni intervistato ha fumato/vaporizzato/iniettato DMT variava da "forse 6" a "probabilmente meno di mille". Agli intervistati è stato anche chiesto quante volte avevano introdotto altri alla DMT fumata/vaporizzata/iniettata; tre degli otto hanno risposto nel range 3-5, due dicono centinaia e il resto si è posizionato nel mezzo. Alla domanda su quante persone a cui avevano fatto provare DMT avevano menzionato una sorta di "entità disincarnata" le risposte erano: da 1%, a meno del 10%, 15%, 30-40%, 50%. Al 75% si è verificata una mancata risposta. Sono state poste diverse domande sulla possibile realtà esterna di entità disincarnate. Esprimendo un'opinione condivisa da alcune persone un intervistato ha risposto: "Mi ha fatto mettere in discussione la mia visione razionale e scientifica del mondo; Ho dovuto ammettere che ci sono molte cose che non sappiamo; è necessaria una mente aperta senza abbandonare il pensiero critico".


Facendo eco all'osservazione della persona che ha rifiutato di completare il sondaggio un altro intervistato ha chiesto: "Cosa si intende per "entità" e come viene definita? Ho incontrato persone per le quali tutte le voci nella loro testa appartengono a qualcuno o qualcos'altro e per le quali quasi tutto ciò che vedono dopo aver usato DMT è un'entità McKennchesqua. Principalmente perché hanno letto McKenna che dice che questo è ciò che [si vede] quando [si fuma] DMT. […] Per me pensare a qualcosa come a un'entità ci deve essere un chiaro senso di “altro” e un chiaro senso che sia qualcosa di pienamente consapevole e interattivo”.


È indiscutibilmente vero che persone diverse avranno standard diversi per ciò che costituisce il contatto con entità disincarnate. Tra le risposte a questo piccolo sondaggio la DMT e l'ayahuasca erano spesso associate ad esperienze di contatto con entità, seguite da vicino da funghi contenenti psilocibina, con mescalina e Salvia divinorum.


Un set di dati più grande

In Erowid Experience Vaults il contatto dell'entità è associato a quasi un centinaio di sostanze diverse, sebbene oltre la metà di tali sostanze abbia solo uno o due rapporti relativi all'entità.


Il numero totale di segnalazioni per una determinata sostanza può, in una certa misura, rappresentare la popolarità (e la disponibilità) di quella sostanza. Tuttavia è ragionevole presumere che le persone abbiano maggiori probabilità di essere ispirate a scrivere rapporti a seguito di una potente esperienza piuttosto che una banale. Ad esempio esiste un gran numero di fumatori giornalieri di tabacco, ma solo un piccolo numero di rapporti sul tabacco su Erowid. Nessuno suggerirebbe che l'LSD sia consumato da un numero dieci volte superiore al numero di persone che usano il tabacco nonostante il fatto che i Vault Experience contengano dieci volte più rapporti sull'LSD rispetto ai rapporti sul tabacco. Al momento della stesura di questo capitolo i cinque farmaci con il maggior numero di rapporti di esperienza erano funghi contenenti psilocibina, cannabis, Salvia divinorum, MDMA e LSD.


A metà ottobre 2012, c'erano 22.640 rapporti di esperienza pubblicati su Erowid. Di questi, 1.159 sono stati classificati da Erowid come citando Entità/Esseri (che rappresentano circa il 5% di tutti i rapporti).


Correlare l'uso di ogni singolo farmaco psicoattivo alle esperienze delle entità all'interno dei Vault si pone immediatamente in una sfida: gli psiconauti consumano spesso più di un farmaco alla volta. I farmaci "add-on" comuni, come cannabis, alcol, tabacco e caffeina, potrebbero non contribuire in modo sensibile a molte esperienze di entità. Ma che dire dell'esperienza di un'entità che si è verificata sotto l'influenza di funghi, methoxetamine e 4-idrossi-N, N-etil-metiltrittamina contenenti psilocibina? O uno indotto da protossido di azoto, Salvia divinorum e 5-MeO-DMT? O MDMA, destrometorfano, GHB, cocaina e funghi (oltre, ovviamente, cannabis e alcool)?


Nell'esaminare i rapporti sull'esperienza che menzionano il contatto con un'entità, sono stati esclusi quelli con più di una singola sostanza. A causa della loro chimica simile, sono stati combinati i rapporti per le specie Brugmansia e Datura. Il numero di rapporti sulle singole sostanze per ciascuna delle dieci sostanze che sono state analizzate variava da circa 150 a circa 1.300. Queste sostanze, ordinate in base al numero di rapporti che menzionano entità [annotate tra parentesi], sono: Salvia divinorum [314], DMT [76], Brugmansia/Datura [74], funghi contenenti psilocibina [68], ayahuasca [66], LSD [25], cactus contenenti mescalina [16], difenidramina [15], ketamina [14] e dimenidrinato [11].


Dividere il numero di rapporti di contatto di entità per una data sostanza per il numero totale di rapporti per quella sostanza fornisce una stima approssimativa della frequenza di contatto di entità per sostanza: DMT [38%], ayahuasca [36%], Brugmansia/Datura [29%], Salvia divinorum [25%], cactus contenenti mescalina [10%], difenidramina [9%], ketamina [9%], dimenidrinato [7%], funghi contenenti psilocibina [5%] e LSD [3 %].


Vi sono limitazioni a qualsiasi interpretazione di questi dati. Le persone potrebbero essere più inclini a scrivere delle loro esperienze DMT perché gli effetti sono sia potenti che brevi. Dopo un viaggio estenuante con DOB, ad esempio, si potrebbe essere meno ispirati a sedersi e scrivere un romanzo su ciò che si è vissuto. Inoltre il contatto con le entità può svolgere un ruolo minore in un viaggio psichedelico più lungo e potrebbe essere che - per lo psiconauta - altri aspetti della loro esperienza sembrino più importanti da registrare. Ci sono anche certamente pregiudizi nella pubblicazione; rapporti con parole chiave particolari o per determinate sostanze possono essere pubblicati prima di altri, oppure è più probabile che i revisori di Erowid si concentrino su argomenti che trovano personalmente interessanti.


Sondaggio sui visitatori di Erowid

Per ottenere un'altra prospettiva sull'argomento del contatto con entità ho condotto tre brevi sondaggi su Erowid.org. Tutti e tre i sondaggi hanno chiesto sesso ed età. Dopo aver rimosso le risposte non valide, c'è stata una variazione del 3% o meno tra i sondaggi: l'84% degli intervistati era di sesso maschile e il 15% era di sesso femminile, con l'1% di transgender. Le fasce di età erano: 18-22 [47%], 23-29 [23%], 15-17 [14%], 30-39 [9%] e 40-79 [7%]. Poiché genere ed età erano abbastanza coerenti da un sondaggio all'altro, si potrebbe immaginare il rispondente medio come un maschio di 18-29 anni, che ha accesso al computer e interesse per le droghe psicoattive. Fin dall'inizio, ciò fornisce una distorsione identificabile per quanto riguarda i dati generati: gli intervistati provengono da una nicchia specifica che non rappresenta la popolazione generale, sebbene i dati demografici siano coerenti con i dati demografici visti in diversi precedenti sondaggi su Erowid.org.


L'idea con il Sondaggio n. 1 era quella di vedere quanto spesso viene riportato il contatto tra entità per alcuni noti farmaci psicoattivi. La prima domanda è stata: "Hai mai (sobrio, sotto effetto di sostanze o in qualsiasi stato) avuto contatti con un'entità non umana, intelligente e disincarnata (angelo, fatina, alieno, spirito)?" Ciò ha consentito agli intervistati di indicare la frequenza con cui si sarebbe verificato tale contatto. La seconda domanda offriva la scelta di otto farmaci specifici su cui il rispondente avrebbe potuto trovarsi al momento del contatto dell'entità; gli intervistati potevano anche selezionare "altri farmaci", "sostanze multiple", "occasioni multiple con sostanze diverse", "nessun farmaco/sobrio", "non so/non sono sicuro" o "preferisco non rispondere". L'ultima domanda era sull'inclinazione religiosa dell'intervistato.


Tra 4.910 risposte valide, quasi il 37% ha riferito di aver avuto contatti con entità disincarnate, mentre poco più dell'8% ha dichiarato di non sapere o di non essere sicuro che avessero avuto esperienze idonee. Gli atei e gli agnostici avevano maggiori probabilità di riferire "mai" di aver avuto un contatto di entità, mentre la più alta percentuale di contatto di entità è stata riportata tra le persone che hanno espresso la loro inclinazione religiosa come "altro/mistico/spirituale".


Tra coloro che hanno riferito di aver avuto un incontro con un'entità (sobrio o dopo aver assunto un farmaco) e hanno avuto la possibilità di scegliere otto farmaci tra cui scegliere il farmaco in cui si trovavano quando si è verificato il contatto con l'entità, gli intervistati hanno riferito: DMT [11,7% ], funghi contenenti psilocibina [9,8%], LSD [9,0%], Salvia divinorum [7,4%], Cannabis [5,7%], ayahuasca [1,5%], ketamina [1,1%], mescalina [0,6%], altri farmaci [9,5%]. Inoltre, il 15,4% ha riferito di essere stato sobrio durante l'esperienza, il 20% ha affermato che le proprie esperienze si sono verificate in più occasioni con sostanze diverse e l'8,4% ha riferito di un'esperienza con più sostanze.

Una sfida immediata a questo sondaggio è che i risultati non tengono conto di quanto l'uso comune di una determinata sostanza sia all'interno del gruppo oggetto del sondaggio. L'ayahuasca, ad esempio, è ampiamente segnalata in occasione del contatto di un'entità. Un recente studio condotto su 131 utenti nordamericani di ayahuasca, che hanno avuto un totale combinato di oltre 2.267 sessioni, ha scoperto che il 74% riteneva di avere una relazione personale con "lo spirito dell'ayahuasca", che era "il più delle volte descritto come un insegnante saggio, nonna o guaritrice di una dimensione e intelligenza spirituale superiore”; alcuni utenti dell'ayahuasca hanno anche riferito di "credere nella sensibilità nelle piante e nelle entità spirituali di altre realtà". Tuttavia, a causa della sua rarità relativa, solo l'1,5% di coloro che hanno riportato un'esperienza di contatto di un'entità nel Sondaggio n. 1 ha menzionato l'ayahuasca come fonte d'ispirazione per quel contatto. Allo stesso tempo, la propensione della Cannabis a indurre il contatto con entità disincarnate è senza dubbio abbastanza bassa, mentre deve certamente essere la singola droga più usata di quelle citate dal sondaggio. Pertanto, il dato del 5,7% per la cannabis è almeno in parte il risultato di un numero notevolmente maggiore di consumatori rispetto all'ayahuasca.


Il Sondaggio n. 2 ha cercato ulteriori informazioni su quali dei suddetti farmaci siano più popolari tra gli utenti di Erowid. Delle 11.464 risposte valide, il 96% aveva usato Cannabis, il 70% di funghi, il 60% di LSD, il 28% di DMT, il 26% di ketamina, il 17% di mescalina e il 6% aveva usato l'ayahuasca. Questo sondaggio ha anche chiesto il numero approssimativo di casi d'uso per ciascuna di queste sostanze. Ad esempio, i consumatori di cannabis, che rappresentavano circa il 96% degli intervistati, avevano maggiori probabilità di riferire (48,6%) di averlo usato "1.000 o più" volte; mentre solo il 6% degli intervistati ha riferito di aver mai provato l'ayahuasca e, di questi, metà ha dichiarato di averlo usato una sola volta e circa un terzo "2-5 volte". Con la DMT c'erano 1.067 persone [9,3%] che hanno affermato di averla usata “una volta”, 1.203 persone [10,5%] che hanno dichiarato di averla usata “2-5 volte” e 370 persone [3,2%] che hanno detto l'avevano usata "6-10 volte". Si tratta di un totale di 4.767 viaggi DMT suddivisi tra 2.640 persone, nemmeno due viaggi a persona in media.


Come notato in precedenza, il 15,4% degli intervistati non era alterato al momento dell'esperienza di contatto con la propria entità, una percentuale maggiore di quella riportata per ogni singolo farmaco. Per capire meglio il tipo di situazioni sobrie che portano al contatto con entità disincarnate il Sondaggio n. 3 ha evitato del tutto di menzionare le droghe psicoattive. Comprendeva un campo di commenti aperto, per sollecitare le descrizioni degli utenti dei loro contatti con entità disincarnate.


La domanda è stata: "Hai mai sperimentato un contatto con un'entità non umana, intelligente e disincarnata (angelo, fatina, alieno, spirito)?" Tra le 5.717 risposte valide, il 26,9% ha dichiarato di aver avuto almeno un contatto con un'entità, mentre un altro 11,7% ha dichiarato di non sapere o di non essere sicuro di avere esperienze che potrebbero qualificarsi. Rispetto al Sondaggio n. 1, si tratta di una segnalazione inferiore del 10% degli incontri tra entità con un aumento dell'incertezza del 4%. Il numero tra parentesi mostra quante persone lo hanno menzionato, in base alla valutazione manuale dei commenti in campo aperto.


Nell'ambito del Sondaggio n. 3 le entità disincarnate nelle forme di alieni [105] e UFO [32] sono state menzionate più spesso e l'idea che l'interazione con questi ha fornito l'accesso a nuove informazioni è emersa ripetutamente: “A dosi elevate di psilocibina, ottengo contatto e comunicazione con un'entità che appare aliena. Possiede conoscenze al di là della mia immaginazione e utilizza concetti di vasta portata."


Il contatto con Dio/Dei/Dee [104] è stato menzionato a un livello simile agli alieni: “La mia conversazione più intensa e direttamente rivelatrice con Dio è stata la mia prima, ed era ispirata dall'LSD. Ho chiesto a Dio perché ha creato l'universo. La risposta è stata -L'uno è diventato molti, in modo che io possa conoscere me stesso-. Sei anni dopo, questa è ancora la pietra angolare della mia fede."


I fantasmi (i propri cari defunti/case infestate) [93] sono stati riportati leggermente meno frequentemente degli Dei; tali esperienze si sono verificate spesso quando l'individuo era un bambino piccolo o le esperienze erano legate al contatto fatto attraverso il sogno. Talvolta il contatto avveniva immediatamente prima, durante o subito dopo il sonno [79], con paralisi del sonno, terrori notturni, esperienze fuori dal corpo, incubi e sogni lucidi. Circa una dozzina di rapporti menzionavano la proiezione astrale. A volte più di una di queste condizioni correlate al sonno è stata presentata come causale: "Nei miei sogni, quando ho l'OBE o quando sono lucido durante la paralisi del sonno".


Molte persone hanno menzionato di aver visto una figura in piedi vicino al letto. Tali resoconti relativi al sonno a volte descrivevano fantasmi, alieni, demoni e angeli, sebbene gli esseri fatati fossero menzionati raramente.


Un piccolo numero di intervistati ha espresso la propria opinione sul fatto che il focus del sondaggio era sviante (ovvero, "nessuna di queste cose esiste"), o almeno in parte i loro commenti suonavano così: "I termini angelo e fata rendono questa domanda meno credibile. Gli alieni esistono oggettivamente, tuttavia; basta chiedere al governo. "Spirito" o "entità" sarebbe sufficiente per gli altri termini."


Nonostante questa minoranza vocale di negligenti, fate (elfi, gnomi, ecc.) [59], angeli [52] e demoni [41], tutti hanno ricevuto una serie di menzioni: “Ho visto un angelo con un OG e un pene di fango eretto e lungo 64 miglia” era meno tipico di “Quando avevo cinque anni un angelo mi portò nel sonno fuori dal mio corpo e mi mostrò il mondo. Poi mi lasciò di nuovo a letto e mi salutò."


Diverse persone [26] hanno espresso la sensazione che le entità fossero custodi o guide che permettessero loro di accedere a un quadro più ampio: "Era un essere fatto di luce, che definirei una guida spirituale. Stavo fluttuando nel tessuto dell'esistenza e questo mi portò ad un punto di vista dal quale potevo osservare tutto il tempo/spazio. Ho visto le mie pornostar preferite fare la doccia."


Sebbene meno comuni, le persone menzionavano anche rettili/anfibi [25] e sfere colorate/sfere di luce [25], con ancora meno descrizioni di insetti/insettoidi [15], cefalopodi [11] e persone ombra [11]. Le rimanenti entità disincarnate categorizzabili erano: spiriti di alberi o piante [10], esseri frattali [9], pagliacci, giullari, arlecchini [9], felini/gatti [9], Satana/Lucifero [8], Gesù [7], esperienze di luce bianca [7], Buddha [6], draghi [6], Gaia [5], spiriti antenati [4], entità che indossano tute [4], esseri senza volto [3], e Machine Elves [3]. Molte delle entità descritte non si adattavano facilmente a nessuna categoria.


La meditazione [35] ha avuto un ruolo nelle esperienze di alcune persone e alcune persone [8] hanno affermato che una tavola Ouija ha facilitato la loro esperienza di contatto. Diverse persone hanno ritenuto importante esprimere che erano attualmente atei: “Non penso che nessuno di loro sia reale, ma ho visto e parlato con Dio, alieni, demoni, demoni sexy, Frankenstein di 300 piedi e una volta ho visto il cadavere in decomposizione del mio amico morto dietro di me allo specchio. Nonostante tutto, non credo ancora negli alieni o negli UFO o in Dio o in qualcosa di soprannaturale. Adoro gli allucinogeni, ma so anche che è uno spettacolo chimico nella tua mente, niente di più. Umorizzo su me stesso e interagisco con il mio mondo inventato sotto l'influenza della sostanza, ma capisco che è irreale e senza conseguenze. Conoscere tutto ciò mi fa stare al sicuro; non importa quanto acido prendo, sbattere le braccia e volare è impossibile. C'è qualcosa di strano?"


Anche se il punto di vista agnostico non mancava del tutto: "Avevo una visione del Dio del dubbio, che diceva che avevo troppa fiducia in Lui. Il suo messaggio era:-Dubita di me-".


Mentre in numerosi casi le esperienze sono state descritte come avvenute mentre l'intervistato era sobrio, le descrizioni specifiche di alcuni farmaci erano più comuni: con i vari preparati ayahuasca/anahuasca, le entità sembrano essere (1) guardiani della porta che decidono se si è pronti a procedere ulteriormente , (2) entità casuali benigne o birichine che sembrano entrare per dare un'occhiata curiose della propria presenza nello “spazio” oltre la porta, (3) insegnante o entità guida all'interno dello spazio dell'ayahuasca. Le entità dell'ayahuasca possono essere qualsiasi cosa, dall'arlecchino spaventoso-clown, ai folletti ridenti che tentano di rilassare [l'osservatore], agli esseri angelici eterei, ai serpenti/ragni che sembrano essere lì sullo sfondo, alle forme aliene e indescrivibilmente complesse simili ad insetti . Usando le foglie masticate di Salvia divinorum, le entità possono sembrare conosciute fin dall'infanzia; c'è la sensazione di "averli sempre conosciuti" e possono essere simili agli elfi o assumere qualità bizzarre per le quali non ci sono parole/concetti. Con la psilocibina, ci sono entità occasionali con essenze simili ad elfi ma una forma futuristica simile a metallo e tendono ad essere di tipo guida o insegnante. Ci sono poi molte altre forme, è il sentimento soggettivo della loro esistenza al di fuori del solo essere una creazione della mente, che è la caratteristica comune di tutti gli incontri di entità.


I farmaci citati nel campo dei commenti del Sondaggio n. 3, senza richiesta, includevano DMT [233], LSD [87], Salvia divinorum [87], funghi contenenti psilocibina [81], destrometorfano [35], ayahuasca [29], ketamina [22], Cannabis [17], methoxetamine [15] e mescalina/cactus [13].


Mentre potremmo avere un'idea generale del tipo di farmaci che potrebbero produrre tali effetti contando quali farmaci sono nominati più spesso, come discusso sopra, un tale approccio non verifica il fatto che alcuni farmaci potrebbero semplicemente essere più popolari, più frequentemente consumati o più disponibili di altri.


Il Sondaggio n. 3 ha anche posto la domanda "Sai chi è Terence McKenna?". Ciò per testare se le idee di McKenna abbiano influenzato il tipo o l'interpretazione delle visioni. Quasi la metà degli intervistati aveva 6-10 anni al momento della morte di McKenna nel 2000. I campioni audio delle sue lezioni sulla musica elettronica popolare e la sua forte influenza sugli autori contemporanei rendono difficile valutare quanta influenza hanno le sue opinioni sugli attuali utenti psichedelici. Il libro sulla DMT di Strassman, che ha venduto oltre 102.000 copie ed è stato trasformato in un documentario, potrebbe ora influenzare maggiormente le generazioni che diventano maggiorenni dopo la morte di McKenna.


Includere una domanda su McKenna ha ispirato alcuni commenti di persone poco più che innamorate delle sue idee, così come alcuni commenti dei suoi fan. Alcune persone hanno osservato in merito alla propria entità che "la [sua] conoscenza precede quella di McKenna e delle sue entità".


In effetti, il 54% degli intervistati ha dichiarato di avere una certa conoscenza di Terence McKenna. Delle persone che non avevano mai sentito parlare di McKenna, il 73% ha anche affermato di non aver mai avuto contatti con un'entità disincarnata. Del 27% degli intervistati che hanno dichiarato di aver avuto contatti con un'entità disincarnata, quasi il 69% aveva sentito parlare di McKenna. Alla fine, non è chiaro se questo ci dica qualcosa di sensato.


È opportuno chiudere questo capitolo con del testo tratto dalla descrizione di un intervistato del suo unico incontro "entità":

"Ero nel bosco con due amici e raccontavo una storia che avevo appena sentito da Terence McKenna. Era la storia di un albero nel suo cortile con una vite che cresceva su di esso. Aveva notato che la vite non sarebbe cresciuta su uno dei rami morti dell'albero. Mentre lo osservava, il ramo morto cadde. Era quasi come se la vite sapesse che questo doveva succedere, quindi è rimasto lontana da quel ramo. Ma proprio mentre stavo raccontando la parte esatta della storia di come il ramo era caduto dall'albero mentre Terence ci stava pensando, un ramo dell'albero vicino a noi cadde simultaneamente. Credo che sia stato lo spirito di Terence a far cadere questo ramo, per dirmi che ha apprezzato il fatto che stavo condividendo la sua storia".

A McKenna piaceva citare il genetista britannico J.B.S. Haldane, che scrisse nel suo libro del 1927, Possible Worlds (immagina ora, il twang nasale di Terence che ripete quanto segue): "Ora, il mio sospetto è che l'universo non sia solo più strano di quanto supponiamo, ma più strano di quanto possiamo supporre."


Concordo con tutto il cuore.


Link alla Parte 1

Link all'originale