Alieni, Insettoidi ed Elfi! Oh, mio dio! - Parte 1

Alieni, Insettoidi ed Elfi! Oh, mio dio! - Parte 1

Jon Hanna - Traduzione: Benway

“Dai della DMT a dieci persone. Queste non hanno mai avuto esperienza con la DMT prima e dici solo che potrebbero vedere qualcosa. Se nove su dieci tornano con descrizioni di elfi e quattro usano la parola elfi senza tentennamenti, pensiamo che dovresti indagare sul fenomeno degli elfi visti con la DMT.

- Zarkov “Coming Out of Left Field with Gracie and Zarkov”, High Frontiers 3 (1987)


Quando si scrive su questioni spirituali è importante essere precisi sui pregiudizi di uno sin dall'inizio. Sono cresciuto senza religione. Mio padre era ateo; mia madre agnostica. Posso contare su una mano il numero di volte che sono andato in chiesa da bambino. Nella mia adolescenza e nei primi anni venti sono rimasto affascinato dallo studio delle religioni del mondo, alla ricerca di indizi che potrebbero aiutarmi a comprendere meglio le mie esperienze psichedeliche. Anche se non ho mai adottato una religione specifica risuono maggiormente con le idee dell'induismo. C'è stato un tempo nella mia vita in cui probabilmente credevo in Dio, nell'idea che gli umani avessero un'anima, e nel concetto di karma. Ora sono un agnostico irriducibile e un sostenitore del diavolo.


In questo scritto eviterò ampiamente di proporre teorie personali sull'origine o sul significato delle esperienze di contatto con le entità. Non ho idea di quale sia la verità della questione in queste situazioni. Tali esperienze sono abbastanza potenti da influenzare cambiamenti di paradigma in alcune persone che le hanno avute. Nel corso degli anni si sono verificate speculazioni e dibattiti sugli incontri tra entità e ho raccolto alcuni articoli interessanti sull'argomento nei capitoli che seguono.


Nel corso della storia l'umanità ha descritto il contatto con "altri": angeli, demoni, spiriti, elfi, alieni, ecc. Una ragazza cresciuta coi racconti dei Fratelli Grimm può credere nelle fate; un ragazzo cresciuto con le storie di Edgar Allen Poe può credere nei fantasmi. I bambini delle famiglie indù possono adorare un pantheon di divinità, mentre i bambini musulmani o cristiani possono inchinarsi a un solo Dio. Gli atei stabili possono essere "rinati" nel cristianesimo. E così via. Le idee degli individui riguardo alla verità o alla "realtà" dell'esistenza di esseri non materiali, compresi gli Dei o Dio, possono cambiare più volte nel corso delle loro vite. Tali credenze possono svanire, scomparire del tutto o essere sostituite da credenze nell'esistenza di altri esseri non materiali.


Le piante psichedeliche sono state impiegate da migliaia di anni come strumenti spirituali a causa della percezione che possono fornire un'esperienza di regni non materiali - siano essi celesti, infernali o qualsiasi altra via di mezzo. L'uso etnografico tradizionale di queste piante per tali scopi ha ispirato il termine "enteogeno", una parola che significa "generare Dio dentro". Non è raro ascoltare storie di agnostici o atei che "trovano Dio" durante i loro viaggi psichedelici e successivamente cambiano le loro opinioni sulla realtà dei regni e degli esseri spirituali. L'esperienza diretta può essere molto convincente. Anche se quell'esperienza si svolge esclusivamente all'interno di un panorama mentale. Anche se uno era drogato all'epoca del fatto. Sotto l'influenza di piante o droghe psicoattive, gli utenti hanno riportato esperienze di osservazione, ricezione di messaggi, comunicazione e/o interazione con "esseri intelligenti non umani", di seguito descritti come "entità disincarnate".


Per alcuni la parola "disincarnato" può solo evocare fantasmi spettrali di forma indistinta. Qui la parola è usata per descrivere esseri percepiti che non hanno un corpo fisico all'interno della realtà consensuale, ma spesso hanno una forma che dà un aspetto fisico. Coloro che li percepiscono potrebbero essere in grado di descrivere l'aspetto e/o il suono e, in rare occasioni, anche il loro odore e/o sapore. Tuttavia, una videocamera non sarebbe in grado di registrarne immagini o audio. Le "entità" trasmettono solo per coloro che le percepiscono e sembrano essere esseri indipendenti.


Le "entità disincarnate" considerate includono angeli e alieni, demoni e draghi, fate e felini, elfi e insettoidi, fantasmi e goblin, arlecchini e umanoidi, piante maestre ed altre creature che sono non fisiche e sembrano senzienti.


Nel suo libro del 2001 DMT: The Spirit Molecule, l'autore Rick Strassman presenta resoconti in prima persona di soggetti che hanno partecipato ai suoi studi sulla DMT tra il 1990 e il 1995. Nel corso del suo lavoro in questi anni Strassman è stato sorpreso di scoprire che "almeno metà ”dei suoi soggetti ha avuto qualche modo di contatto con: “entità ”,“ esseri ”,“ alieni ”,“guide” e “aiutanti”[…]. Le "forme di vita" sembravano pagliacci, rettili, mantidi, api, ragni, cactus e figure stilizzate.


Sebbene Strassman trovasse brevi menzioni di entità in un paio di rapporti DMT della letteratura scientifica degli anni '50, riferì di essere stato: “… non in grado di individuare rapporti simili in soggetti di ricerca che assumessero altri psichedelici. Solo con la DMT le persone si incontrano con "loro", con altri esseri in un mondo non materiale."


Le osservazioni di Strassman sembrano strane dal momento che le visioni di entità disincarnate generate da numerosi altri psichedelici non sono certamente assenti dagli scritti in materia. In un capitolo intitolato "Il mondo dei non-umani" dal loro libro del 1966 The Varieties of Psychedelic Experience, gli autori Robert Masters e Jean Houston descrivono tali visioni: "Queste immagini sono di solito viste ad occhi chiusi. Sono quasi sempre vividamente colorate ed i colori sono in genere descritti come ricchi, brillanti, luminosi o "preternaturali", che superano nella loro bellezza qualsiasi cosa il soggetto abbia mai visto prima."


Le immagini sono più spesso di persone, animali, architettura e paesaggi. Strane creature della leggenda, del folklore, del mito e della fiaba compaiono in un ambiente meraviglioso. Masters e Houston continuano a fornire diversi esempi di visioni specifiche; uno proveniva da un soggetto maschio che aveva consumato il cactus peyote (Lophophora williamsii): “Una lumaca di platino alta circa dodici piedi e tempestata di rubini veniva trascinata sulle sue ruote da un nano molto più piccolo e dai colori vivaci scolpito nel legno. La curiosa coppia è stata seguita da vicino da una moltitudine di insetti metallici coperti di gemme: cavallette e scarafaggi, bombi e zanzare, tutti di dimensioni favolose e brillantemente scintillanti, scivolando o camminando o saltando con la precisione di giocattoli a molla. A questi seguirono poi strane creature di un bestiario selvaggiamente fantasioso, tutte convergenti su un'oasi lussureggiante nel deserto dorato dove il fogliame sembrava essere stato creato da Rousseau."


Un altro esempio è presentato da un bambino di quattro anni, "S", che aveva inconsapevolmente consumato un cubo di zucchero addizionato con LSD dal frigorifero di sua madre: "Tra le prime allucinazioni ad apparire c'erano un certo numero di crostacei, soprattutto granchi e aragoste. […] S ha anche visto tutta una serie di "mostri", apparentemente creature come elfi, nani e altri piccoli esseri deformi simili all'uomo. Inizialmente spaventato, ha acquisito sicurezza quando sua madre lo ha incoraggiato a "fare amicizia con i mostri" [...]. Dopo che alcune delle sue ansie furono eliminate, molti dei "mostri" arrivarono e si sedettero sulle ginocchia di S e nel palmo della sua mano e gli parlarono. Altri danzavano intorno a lui e facevano facce. Di tanto in tanto, le paure di S tornavano; poi, con l'aiuto di sua madre, avrebbe superato di nuovo le sue paure e si sarebbe divertito a giocare e parlare con gli esseri che vedeva nelle sue allucinazioni".


Masters e Houston paragonano l'esperienza di questo bambino a quella del filosofo Jean-Paul Sartre che prese la mescalina sotto la supervisione di uno psichiatra. A un certo punto Sartre descrisse che era come: “… combattere una battaglia persa con un pesce diavolo e [ha] menzionato una serie di altre esperienze inquietanti. Ha riferito che gli ombrelli si sono trasformati in avvoltoi e le scarpe si sono trasformate in scheletri, i volti sono diventati orribili simili a granchi e polipi che ha visto con la coda dell'occhio."


Anche dopo che la droga si era esaurita, alcune settimane dopo, Sartre si lamentò di essere "al limite di una psicosi allucinatoria cronica" e disse che era "seguito da aragoste e granchi" e altri "mostri assortiti".


Jerry Richardson, un assicuratore di San Francisco che ha partecipato alla ricerca sull'LSD di Bernard Aaronson negli anni '60, ha scritto: “Ho visto i folletti in verde, giallo e blu; diavoli rossi con facce sinistre e contorte; e poi corpi, volti, creature fantasmagoriche in bianco, che escono dal nulla, si precipitano verso di me, rotolano l'uno sull'altro e scompaiono nella parte posteriore della mia mente in una processione apparentemente infinita di immagini ridicolmente grottesche. […] Aprendo gli occhi ho fermato l'immaginazione mentale. Adesso tutto era immerso in una curiosa luminosità calda e giallastra. Una stanza ordinariamente piuttosto anonima, un po 'disordinata e brutta era stata trasformata in qualcosa da fiaba."


Nel suo discorso del 12 maggio 1955 "Mescalina e l'Altro mondo", presentato alla riunione annuale dell'American Psychiatric Association, Aldous Huxley commentò le entità disincarnate che potrebbero popolare la geografia mentale dell'umanità:

Attraverso questi paesaggi e tra queste architetture viventi vagano strane figure, a volte di esseri umani (o persino di quelli che sembrano essere esseri sovrumani), a volte di animali o mostri favolosi. Dando una semplice descrizione in prosa di ciò che vedeva nelle sue visioni spontanee William Blake riferisce di aver visto spesso degli esseri, ai quali ha dato il nome di Cherubim. Questi esseri erano alti trenta metri e si erano impegnati (questo è caratteristico dei personaggi visti nella visione) nel non fare nulla che potesse essere considerato simbolico o drammatico. Da questo punto di vista, gli abitanti degli Antipodi della mente differiscono dalle figure che abitano il mondo archetipico di Jung; poiché non hanno nulla a che fare né con la storia personale del visionario, né con i secolari problemi della razza umana. Letteralmente, sono gli abitanti dell'Altro Mondo.

Questo mi porta ad un punto molto interessante e, credo, significativo. L'esperienza visionaria, spontanea o indotta da droghe, ipnosi o qualsiasi altro mezzo, ha una sorprendente somiglianza con "l'Altro Mondo", come la troviamo descritta nelle varie tradizioni della religione e del folklore. In ogni cultura la dimora degli dei e delle anime in beatitudine è un paese di straordinaria bellezza, splendente di colore, inondato di luce intensa. In questo paese si vedono edifici di indescrivibile magnificenza ed i suoi abitanti sono creature favolose, come i serafini a sei ali della tradizione ebraica, o come i tori alati, gli uomini dalla testa di falco, i leoni dalla testa umana, o personaggi con la testa di elefante della mitologia egizia, babilonese e indiana. Tra queste favolose creature si muovono angeli e spiriti sovrumani, che non fanno mai nulla, ma si godono semplicemente la visione beata”.


John Lilly, il famoso ricercatore che ha lavorato con i delfini e inventore della vasca di deprivazione sensoriale, racconta la sua prima esperienza con l'LSD: “Ho visto Dio su un alto trono come un gigante, saggio ed antico uomo. Era circondato da cori di angeli, cherubini e serafini, i santi si muovevano dal suo trono in una maestosa processione. Ero lì in Paradiso, adorando Dio, adorando gli angeli, adorando i santi nel pieno e completo trasporto dell'estasi religiosa”.


In esperienze successive, aiutate e non aiutate dal consumo di droghe, Lilly contattò un paio di entità disincarnate che gli dissero che erano i suoi guardiani e che sembravano dargli alcune istruzioni sulla natura dell'universo. Nel contemplare queste esperienze, Lilly ha osservato: “Nelle mie esperienze nella vasca di deprivazione sensoriale con LSD e nelle mie brevi NDE, ho trovato le due guide. Queste due guide possono essere due aspetti del mio funzionamento a livello sovrasuperiore. Possono essere entità in altri spazi, altri universi rispetto alla nostra realtà consensuale. Possono essere costrutti utili, concetti utili che utilizzo per la mia evoluzione futura. Possono essere rappresentanti di una scuola esoterica nascosta. Possono essere concetti che funzionano nel mio biocomputer umano a livello di sovraspecie. Potrebbero essere membri di una civiltà centomila anni circa prima della nostra. Possono essere sintonizzati su due reti di comunicazione di una civiltà ben oltre la nostra, che irradia informazioni in tutta la galassia."


Durante alcune delle successive esperienze Lilly, sotto l'influenza della ketamina, credeva di comunicare con entità disincarnate che condividevano con lui la conoscenza del futuro dell'umanità, un tempo in cui il pianeta sarebbe stato preso da una malevole "entità a stato solido" ”. In un'intervista del 14 maggio 1998, il ricercatore della ketamina Karl Jansen chiese all'83enne Lilly dei suoi contatti con le entità:

"Jansen: Molte persone non incontrano Esseri quando assumono ketamina. Come lo spieghi in termini di teorie?

Lilly: Non devi avere alcun concetto di Esseri. Quando prendi la droga entri nella loro coscienza. Non devi vederli o conoscerli come Esseri. Coinvolgono la tua mente. Prima della materia, dell'energia, c'era la coscienza senza un oggetto. Da ciò derivarono gli Esseri."


Nel corso della sua vita, come autore e docente, Terence McKenna ha spesso discusso l'argomento del contatto con le entità in combinazione con gli effetti mentali di alte dosi (cinque grammi) di funghi contenenti psilocibina: "Sì, prima arrivano i topi danzanti, le piccole caramelle, le griglie colorate, e così via e così via. Ma ciò che alla fine accade, rapidamente, è che c'è un'entità nella trance, nella visione. C'è una mente lì, in attesa, che parla un buon inglese e ti invita nella sua stanza. [...] E quello che è, è una voce nella testa [...]. Vado in un posto. È difficile da descrivere. È una sensazione. E il contenuto del sentimento è: "ora gli elfi sono vicini". Ma non appariranno se non li invoco."


Con quale frequenza gli psiconauti vedono o interagiscono con le entità? Nell'ambito della documentazione del tipo e della frequenza delle immagini "religiose" che si sono verificate tra i loro 206 soggetti, Masters e Houston hanno riferito che il 58% ha visto figure come Cristo, Buddha, santi, figure divine e figure nello stile di William Blake, mentre Il 49% vide diavoli e demoni e il 7% vide angeli.


Incontri personali

L'argomento del "contatto" indotto da psichedelici mi ha interessato dal 1987 quando ho avuto il mio incontro iniziale con un'entità disincarnata durante un paio di successi con l'LSD. Frequentavo il college a Stratford-upon-Avon attraverso un programma gestito dal San Francisco City College, dove avevo studiato arte. Per una strana possibilità, mi è capitato di incontrare un amico di San Francisco che stava attraversando l'Inghilterra mentre si recava in Germania. Mi ha dato due gelatine di LSD. Una notte le ho prese entrambe e sono uscito a piedi con alcuni nuovi amici di scuola. In mancanza di una prescienza di come si sentivano i miei compagni sul consumo illecito di droghe, ho mantenuto segreto il fatto che stavo inciampando su me stesso. L'acido è arrivato, e mi sono goduto la nostra passeggiata e discussioni, durante le quali è emerso che una delle donne con noi era una Wiccan praticante. 

Dopo aver imboccato una vecchia strada romana deserta il nostro gruppo è rimasto in silenzio per un momento. Era tardi la sera e l'unico suono era lo scricchiolio delle foglie d'autunno sotto i nostri piedi. Mentre camminavamo un vento soffiò lungo la strada rilasciando più foglie dagli alberi e facendole roteare in una sorta di tunnel sopra le nostre teste. La donna Wiccan iniziò a cantare in gaelico, una lingua che non avevo mai sentito prima. Nonostante non potessi capire le parole, i toni minori della sua canzone erano incredibilmente belli. Alla prima nota del cantato alcune delle foglie sospese nell'aria si trasformarono in una dozzina di fate - esattamente il tipo di creature alate simili a folletti dipinte dall'artista Brian Froud. Non avevo mai visto nulla di simile prima dell'acido. Luminosi e scintillanti, apparivano piuttosto solidi e ognuno sembrava avere un'esistenza indipendente, mentre sfrecciavano giocosamente tra le foglie vorticose. È stato davvero magico. 

Sono stato trafitto. Mentre suonava la nota finale della canzone ho visto tutte le fate trasformarsi in foglie spazzate dal vento. Essendo l'unico di noi in acido in quel momento (per quanto ne so), ho presunto che nessun altro avesse sperimentato la visione profondamente commovente che avevo visto. Il nostro gruppo è rimasto rispettosamente silenzioso per un momento. Quindi qualcuno ha chiesto alla nostra cantante il nome della canzone che aveva appena cantato, e lei ha risposto: "Oh, quella è conosciuta come - La canzone per chiamare nelle fate."


Circa un decennio dopo ero in campeggio con tre amici a Island Lake vicino a Nevada City, in California. Una coppia di noi ha deciso di assumere dosi eroiche di funghi Psilocybe una sera. Presi quattro grammi, mi ritirai nella mia tenda, chiusi gli occhi e mi misi in orizzontale sul materasso ad aria. Mentre gli effetti dei funghi si manifestavano, la mia visione interiore rivelava quella che sembrava una sala d'aspetto d'emergenza verde muschio umido. Mi sembrava di essere seduto su una panchina in questa stanza e mi venne in mente che era strano che non ci fossero pazienti che venivano spinti dentro o fuori. Un pò troppa tranquillità per un pronto soccorso. Dopo qualche tempo, ho notato alcune larve biancastre delle dimensioni di un pallone che galleggiavano a tre o quattro piedi da terra in vari punti. Seguendo uno di questi con i miei occhi, ho visto un'entità insettoide delle dimensioni di un piccolo cane, la cui schiena era rivolta verso di me. 

Aveva una lunga proboscide simile a una zanzara che potevo vedere solo parzialmente. Improvvisamente si voltò e, rendendosi conto di averlo visto, emise un suono/urlo acuto (ho avuto l'impressione che stesse inviando un allarme di avvertimento). L'entità ha quindi iniziato una comunicazione telepatica con me, spiegando che era abbastanza sorpreso che potessi vederlo, poiché di solito non si verificava. Diceva che viveva estraendo il pensiero/emozione umana. I pensieri umani erano sia la valuta della sua specie, sia la loro fonte di sostentamento/energia (la proboscide aghiforme sembrava meno amichevole di minuto in minuto). Mi ha dato l'impressione che - come moneta nel suo genere - diversi tipi di pensiero/emozione fossero valutati in modo diverso; quelli con una carica energetica più intensa, come la paura o l'amore, valevano di più. 

L'entità mi ha spiegato che esisteva in un'altra dimensione in modo da nutrirsi senza gli ostacoli del pensiero umano (ho avuto la sensazione che la relazione non fosse simbiotica; forse questi "drenatori di pensieri" in qualche modo succhiano energia vitale dagli umani, insieme all'energia mentale). Ha affermato che era l'equivalente psichico di un vero insetto che si nutre di sangue, pelle, ecc., per quanto riguarda l'entità di eventuali danni che potrebbe arrecare a coloro di cui si è nutrito. Eppure avevo la sensazione assillante che potesse non dirmi tutta la verità. Forse queste creature hanno avuto una certa influenza sull'incitamento a guerre o disastri nel regno umano? L'esperienza mi ha lasciato inquieto per qualche tempo dopo. In effetti, la diversità di "esseri" incontrati nello spazio DMT porta a pensare che tutti non possano davvero descrivere le stesse "creature"...


Spostandomi ancora di più nei reami di contatto con entità spiacevoli c'è stato il mio (e unico) viaggio con 3 mg di DOB (2,5-dimetossi-4-bromoamphetamine). Ero al Burning Man dove io e mia moglie avevamo sistemato la nostra tenda vicino a un campo chiamato Disturbia. Col senno di poi, il nome del campo avrebbe dovuto essere un segno che indicava di non essere il posto giusto per provare la prima volta una potente fenetilammina che può durare fino a 24 ore. La gente di Disturbia aveva gentilmente predisposto un theremin fortemente amplificato per uso pubblico. Il theremin è uno strumento musicale elettronico che viene suonato portando le proprie mani in varia vicinanza alle sue antenne metalliche senza toccarle. Manipolato da un principiante (e, beh, tutti i playa sembravano essere nuovi nello strumento), sembra un alveare sinuoso. 

Fu approssimativamente subito dopo che il DOB era salito che mi resi conto del theremin, quando qualcuno iniziò a "giocarci", attirando così più persone che volevano "giocarci" - per ore e ore. Mi stava facendo impazzire. A un certo punto, quando mia moglie è riuscita a dire che non stavo andando così bene, ha cercato di confortarmi: "Sono qui, tesoro. Concentrati solo su di me e starai bene”. Mentre guardavo negli occhi la persona che amo di più al mondo ho visto gli scarafaggi strisciare da sotto le palpebre e sciamare sul suo viso. Sostenuto dal ronzio theremin, il tema "bug" è continuato. Sono stato rapito da diverse entità chitinose di dimensioni umane che hanno trascorso il resto della serata a sondarmi e ad eseguire invasivi esperimenti "fisici" sul mio corpo immobile e infelice. Era praticamente il classico scenario del rapimento alieno, senza la nave spaziale. Dopo una lunga notte vi fu almeno un'alba bellissima (e tranquilla!) la mattina successiva.


La maggior parte delle mie esperienze psichedeliche negli ultimi trent'anni non hanno evidenziato alcun tipo di contatto di entità disincarnata. A New Orleans una volta ho visto una strana cosa nana spettrale usando una combinazione di funghi contenenti psilocibina e Peganum harmala. L'ossido di azoto ha rivelato doppelganger dimensionali e robot in stile WALL-E. La ketamina ha sedotto uno sciamano pigmeo, creature simili a scimmie proto-umane e alcuni cefalopodi tentacolati. la DPT (dipropiltriptamina) ha fornito minuscole creature insettoidi simili a cartoni animati. Una volta con la combinazione di ketamina e DPT, ho assistito per la prima volta a due entità disincarnate nettamente diverse apparentemente conficcate nei rispettivi regni. Entrambi questi alieni erano infusi da un atteggiamento da coglione che ricorda gli abitanti della Mos Eisley Cantina in Star Wars. Hanno negoziato un accordo - uno dei quali ha passato un piccolo oggetto non identificabile nella mano dell'altro mentre mi lanciava mentalmente un avvertimento che avevo un'idea di cosa stava succedendo - e mi è rimasta la forte impressione che dovrei considerarmi fortunato che mi hanno lasciato andare, dal momento che era stato il mio cocktail chimico che ci aveva attirati insieme. Con il 2C-B, a volte, ho incontrato piccoli insettoidi. Con l'ayahuasca ho visto grandi insettoidi. E sì, con la DMT fumata, sono entrato nella dimensione aliena trans-linguistica popolata dagli elfi mitragliatori mercuriali e birichini di McKenna. Secondo McKenna: "È vero che quando fumi DMT, ad esempio, in una dose sufficientemente alta e preparata, vedi elfi - a tutti lo fa. Tutto quello che devi fare è inalare profondamente tre volte e sai ... Vuoi un contatto? Vuoi elfi? Vuoi intelligenza aliena? Le avrai nel kazoo".


Alcuni descrivono gli elfi DMT simili alle tradizionali creature fatate. Ma molti utenti li descrivono in modo diverso. In effetti la diversità degli "esseri" incontrati nello spazio DMT porta a pensare che tutti non possano davvero descrivere le stesse "creature" e che lo spazio debba essere popolato da una moltitudine di entità disincarnate: tipici extraterrestri della fantascienza, sono stati menzionati umanoidi, meduse, insettoidi, pagliacci/pierrot, rettili, robot, polpi e altri tipi di esseri. D.M.Turner aveva catalogato almeno nove tipi distinti di entità che aveva incontrato. Nel discutere questi con uno psiconauta della DMT, Turner scoprì che il suo amico aveva sperimentato quattro delle stesse identiche entità, più altre due che Turner non aveva mai visto. Con una revisione rigorosa si potrebbe creare un Bestiarum che mostra quali entità compaiono e con quale frequenza in risposta al consumo di vari psichedelici.


McKenna ha avuto il dono di dipingere un quadro delle entità DMT e di proporre teorie su cosa potrebbero significare:

"Cercare di descriverli non è facile. Ad un certo livello li chiamo elfi macchina auto-trasformanti; metà macchina, metà elfo. Sono anche come palloni da pallacanestro auto-dribblanti, circa la metà di quel volume, si muovono molto rapidamente e cambiano. In qualche modo stanno aspettando. Quando irrompi in questo spazio, c'è un allegria! Una canzone dei Pink Floyd s'intitola "The Gnomes Have Learned a New Way to Say Hooray". Poi si fanno avanti e ti dicono: "Non lasciare spazio allo stupore. Non abbandonarti." Sei incredibilmente stupito. La spiegazione più conservatrice per questi elfi, dal momento che queste cose parlano inglese e sono intelligenti, è che sono una specie di esseri umani. Ovviamente non sono come te e me, quindi sono la fase prenatale o postmortale dell'esistenza umana, o forse entrambi […].

Stanno insegnando qualcosa. Il loro è un linguaggio di dimensione superiore che si condensa come sintassi visibile. Per noi, la sintassi è la struttura del significato; il significato è qualcosa di sentito o percepito. In questo mondo la sintassi è qualcosa che vedi. Lì i significati sconfinati del linguaggio fanno sì che trabocchi i normali canali audio ed entri nei canali visivi. Vengono rimbalzando, saltellando verso di te, e poi è come — tutto ciò è metafora, non hanno le braccia — è come se raggiungessero il loro intestino e ti offrissero qualcosa. Ti offrono un oggetto così bello, così intricato, o qualcos'altro che non si può descrivere in inglese. Guardando questa cosa, ti rendi conto che un tale oggetto è impossibile. Il miglior confronto sono le uova Faberge. [...]

L'archetipo della DMT è il circo a tre anelli. Il circo è tutto luci brillanti, donne in costume spangled e animali selvatici. Ma proprio sotto c'è un'espressione abbastanza oscura di eros, mostri, sradicamento e mistero. La DMT è la quintessenza di quell'archetipo. Il farmaco sta cercando di dirci la vera natura del gioco. La realtà è un'illusione teatrale."


Nel suo articolo pionieristico "Apparent Communication with Discarnate Entities induced by Dimethytryptamine (DMT)" l'autore Peter Meyer presenta una serie di possibili teorie sulla vera natura di queste esperienze. Nel novembre 1989, un anno prima che Strassman ottenesse l'approvazione finale del governo per iniziare i suoi studi sulla DMT, Meyer inviò una bozza del suo articolo a Strassman, innescando una discussione sul tema della comunicazione con entità aliene DMT che alcune persone hanno riportato nelle loro visioni. Nella sua risposta Strassman ha concordato sull'importanza di valutare il significato della "comunicazione aliena", osservando: "Ho intervistato circa 15 persone che hanno fumato DMT e ne ho trovate diverse che descrivono un "contatto alieno ". Non sono sicuro di cosa fare di tali rapporti."


Mentre Strassman sentiva che il fenomeno aveva bisogno di un'indagine molto più approfondita, in una lettera seguente ha osservato: “Rispetto al fenomeno del contatto alieno mi chiedo quale sia il potere della suggestione. Le idee di McKenna sono state così ampiamente divulgate che è difficile trovare qualcuno che non abbia sentito parlare di lui o delle sue idee prima di fumare DMT. D'altra parte, ci sono molti che conoscono bene McKenna e le sue idee, hanno fumato DMT molte volte e non hanno avuto esperienze di contatto alieno.”


In superficie è facile concordare con il sentimento di Strassman. Il commento di McKenna, "ottieni elfi, lo fanno tutti", non è chiaramente una verità universale, come evidenziato dal seguente dialogo sull'esperienza DMT tra il comico/attore Joe Rogan e l'autore Daniel Pinchbeck:

"Rogan: Descriverlo a parole sembra sempre così falso. È come se non ci fossero parole inventate che possano descrivere quell'esperienza, sai?

Pinchbeck: Non ti piaceva "elfi di macchine iper-trasformanti"?

Rogan: Non è stato così per me, sai ...

Pinchbeck: Neanche per me è stato così.

Rogan: Ho sentito [loro dire] alcune cose che McKenna ha detto, come "guarda questo". Dicono "guarda questo" molto. E li ho sentiti dire: "Non cedere allo stupore". Ma mi chiedevo è perché sapevo che McKenna [lo aveva] detto e ...

Pinchbeck: Vero, vero, vero. Ha impostato il modello. [...]

Rogan: Ma non mi sembrava di essere iper ... come li chiamava, uhm ... elfi di macchine che si trasformano da soli. [...] Non mi sembravano elfi. Sembravano ... li descrivo sempre come complessi motivi geometrici che sono fatti di amore. È così che li descrivo, lo sai. E questo non significa niente. Quelle sono solo un mucchio di parole. Sai cosa intendo? Ma sai, [nella] realtà, che cosa sono? Ci sono solo alcuni schemi incredibili che non puoi nemmeno guardare. È come se fossero troppo belli da contemplare e cambiano continuamente."


Ho conosciuto numerose persone che non hanno mai avuto alcun tipo di contatto con entità disincarnate in DMT. Sebbene non conosca la familiarità di queste persone con le descrizioni dell'esperienza di McKenna, alla fine degli anni '80, mi ero certamente imbattuto in menzioni di "entità DMT". È davvero difficile immaginare che molti dei soggetti "obbligati ad aver avuto esperienze con psichedelici" che si offrirono volontari per prendere la DMT negli studi di Strassman non fossero già a conoscenza del "fenomeno elfo" che era stato –come lo caratterizzava Strassman- "così ampiamente promulgato" a quel tempo. E in questi giorni, con l'accesso a Internet onnipresente, sembra sempre più improbabile che un utente DMT non abbia mai sentito frammenti sonori di McKenna sull'argomento. La convinzione che le idee di McKenna abbiano influenzato direttamente o indirettamente il tipo di visioni che le persone hanno, in ogni caso, sembra abbastanza comune.


Tuttavia, dopo che Strassman iniziò a somministrare DMT alla fine del 1990, cambiò idea sulla portata della consapevolezza delle idee di Terence McKenna e sul potere della suggestione come fattori che influenzano i rapporti di incontro con entità disincarnate tra i suoi soggetti di ricerca: “[…] i volontari erano uniformemente timidi e a disagio a discutere dei loro strani incontri. Né le lezioni e gli scritti di Terence McKenna sono stati particolarmente apprezzati quando abbiamo iniziato a sentire questi rapporti insoliti dai nostri argomenti di ricerca. Ho spesso chiesto ai volontari di familiarizzare con i racconti popolari degli incontri mediati dalla DMT con elfi o alieni insettoidi. Pochi se ce ne fossero. Pertanto, non credo che questi rapporti fossero un tipo di isteria di massa o una profezia che si autoavvera."


In DMT: The Spirit Molecule, Strassman presenta una serie di intriganti speculazioni sull'origine e sul significato delle entità disincarnate. Nel discutere il contatto con le entità, Masters e Houston hanno osservato che: "I mostri delle allucinazioni sono i mostri dell'infanzia, le forme che la paura assume quando si regredisce a sentimenti di impotenza infantile".

[…] Arrivo in un posto pieno di intensa luce bianca dove entità orribili, senza corpo, dalle orecchie a punta, viola e verdi si piegano verso di me e ridono e mi deridono; queste grottesche caricature di elfi, burloni o clown si precipitano su di me una alla volta e in gruppi; dove arricciano le loro orribili bocche da clown e mi scuotono la lingua in faccia; dove rivivo ogni umiliazione reale e immaginata che ho sofferto durante l'infanzia; un grande dolore e delusione mi riempiono mentre mi vengono incontro sempre più velocemente; comincio a sgretolarmi sotto il loro assalto quindi apro gli occhi, ma continuano a venire; mi rendo conto di doverli affrontare, quindi chiudo gli occhi e mi concentro sul respiro e le forze demoniache si allontanano […].


I ricercatori psichedelici Bernard Aaronson e Humphry Osmond hanno affermato che questi farmaci "rendono disponibili paesaggi esotici e proibiti. In questi paesaggi le immagini dell'incubo, da cui siamo fuggiti dall'infanzia, si muovono e prendono forma”. Se fosse vero questo potrebbe in qualche modo spiegare la corrente preponderanza di visioni caratterizzate da esseri extraterrestri e tecnologia avanzata. Dagli anni '80 le storie spaventose dei paesi fatati sono state solidamente integrate con rapimenti alieni e racconti di Transformers. La fantascienza è ampiamente accettata come un genere più plausibile della fantasia. Le paure della società contemporanea sono state catturate in film come la serie Alien (1979-2012), They Live (1988), The Lawnmower Man (1992), eXistenZ (1999), The Matrix series (1999-2003) e programmi TV come come Doctor Who (1963-2013) e The X-Files (1993-2002).


Più volte, Strassman menziona un "tema di asilo nido/sala giochi" vissuto dai suoi soggetti di ricerca e i giocattoli a molla, come il perennemente popolare Jack-in-the-box, possono essere collegati alla comune paura infantile dei clown. La paura degli artropodi (aracnidi, crostacei e insetti) è diffusa e comprensibile a vari livelli. Dal punto di vista sfocato dei mammiferi a sangue caldo, gli artropodi sembrano duri, freddi, insensibili, parassiti, robotici e alieni. Un simbolo universale per la morte è il cranio umano: tutto ciò che rimane quando il tessuto che riflette ciascuna delle nostre vite uniche è stato rimosso. Con i loro esoscheletri senza carne, gli artropodi portano intrinsecamente una intimazione della morte così spaventosa da indurre alcuni umani alla reazione viscerale nel vedere un ragno, una formica o qualche altro piccolo artropodo, di distruggerlo e ucciderlo. Al di là della loro simbolica "alterità", abbiamo una lunga storia di combattimenti contro i raccolti che abbiamo coltivato per cibo, vestiti e alloggio. La battaglia della nostra specie contro gli artropodi è così diffusa che siamo arrivati a riferirci a qualsiasi piccolo microrganismo potenzialmente dannoso (come un virus o batteri) come un "insetto", il nostro nome comune per piccoli artropodi. Anche i rettiliani e i cefalopodi a sangue freddo sono molto "altri" per noi, quindi la comparsa di entità disincarnate che ricordano tali forme di vita non sarebbe sorprendente come ulteriori "forme che la paura prende".


Eppure le paure non sono l'unica ispirazione visionaria ad esplodere in modo sconvolgente nei nostri campi mentali; la geografia mentale è uno spazio olografico complesso, frattale, in cui la "memoria" inconscia serve continuamente fantastiche realtà. Crediamo comunemente di vedere il mondo così com'è, ma - in realtà - molte delle nostre percezioni del "mondo là fuori" sono solo approssimazioni riempite dalla memoria inconscia della nostra mente. Il "double take", uno spostamento della percezione basato sul capovolgimento da un "riempimento" a una percezione più accurata della realtà esterna (o viceversa), può avvenire con uno qualsiasi dei nostri cinque sensi.


Consideriamo il punto di vista espresso in "Virtuality" da Teafaerie, in cui propone una possibilità per le sue visioni DMT che è "contemporaneamente la spiegazione più noiosa e più eccitante" che potrebbe trovare:

La mente ha una potenza di elaborazione indicibile e può immediatamente generare da zero un'astronave aliena su larga scala, completa di tutte le guarnizioni. Può inoltre creare e animare simultaneamente un certo numero di personaggi non giocanti completamente interattivi, che sono spesso descritti come dotati di un senso di "presenza" incredibilmente intenso (qualunque cosa significhi). In questo modello il mio fantastico cervello può fare tutto questo mentre droghe molto potenti lo stanno rimescolando e può farlo senza alcuna consapevolezza o deliberazione da parte del programma frontman irrimediabilmente non sofisticato che interpreta il ruolo dello stupito psiconauta . In superficie questa suona come l'ipotesi più parsimoniosa e tendo a tornare a questa visione nei lunghi intervalli tra i grandi viaggi. Non è poi così diverso dal sognare, credo, e non ho troppi problemi a credere che la mia mente inconscia disegna la maggior parte dei miei sogni. Però finisco sempre per denunciare questo punto di vista dall'alto; da qualche parte penso di avere effettivamente una registrazione di me stesso che dice qualcosa del tipo: “Sto guardando questa roba in questo momento e ti sto dicendo che non c'è ... nessun possibile modo ... che la persona a cui penso come me potrebbe in un milione di anni generare tutto questo contenuto così velocemente. Sarebbe come dire che potrei produrre tutta l'arte più sorprendente di tutto il mondo in ogni singolo millisecondo senza nemmeno pensarci ...".


Continua nella parte 2....


Link all'originale