UK: La curva contagi sale per i vaccinati e scende per i non vaccinati.

UK: La curva contagi sale per i vaccinati e scende per i non vaccinati.

L'Ancora


Le infezioni stanno raggiungendo il picco a livello nazionale mentre cadono nei non vaccinati, afferma il professor Tim Spector

I test Covid positivi segnalati hanno raggiunto ieri un nuovo massimo recente di 48.553, a conferma per molti che inizierà una nuova grande ondata.

Tuttavia, Tim Spector, scienziato capo dell'app ZOE Covid Study e professore di epidemiologia genetica al King's College di Londra, ha avuto un altro messaggio : secondo i suoi dati, le infezioni stanno già raggiungendo il picco.


I dati ZOE per l'11 luglio (i dati dell'app sono sempre indietro di quattro giorni) hanno mostrato 32.920 infezioni sintomatiche nel Regno Unito, e queste sembrano aver raggiunto il picco (la R è attualmente stimata intorno a 1) e potrebbero già iniziare a diminuire (vedi sopra ).

Perché questo dato è così diverso dai nuovi 'casi' quotidiani segnalati dal governo, che non mostrano segni evidenti di picco?

Test positivi nel Regno Unito per data riportata ( HMG )

Una possibilità è che i dati di ZOE siano una falsa alba e l'aumento dei numeri di infezione segnalati negli ultimi quattro giorni arriverà su ZOE nei prossimi giorni. Tuttavia, la dashboard del governo sta già mostrando nuove infezioni in calo in Scozia , suggerendo che il picco nazionale potrebbe essere vicino.

Un'altra possibilità è che potrebbe trattarsi di un artefatto del ritardo nella segnalazione. Se osserviamo i numeri dei "casi" in base alla data del campione (sotto), sembra che ci siano più prove di un rallentamento verso un picco.

Test positivi nel Regno Unito per data del campione ( HMG )


I dati ZOE forniscono una ripartizione per stato vaccinale, che mostra che le infezioni sintomatiche nei non vaccinati sono diminuite dall'inizio del mese, mentre quelle nei vaccinati (con almeno una dose) continuano a salire, anche se forse ora stanno rallentando verso un picco .


Il professor Spector osserva che "i nuovi casi nelle persone vaccinate stanno ancora aumentando e presto supereranno i casi non vaccinati". Suggerisce che questo è "probabilmente perché stiamo esaurendo le persone suscettibili di infezione non vaccinate mentre sempre più persone si vaccinano". Un altro modo per dirlo è che i non vaccinati si stanno avvicinando all'immunità di gregge.

Stranamente, il professor Spector non mostra alcun interesse evidente nell'esplorare ulteriormente le implicazioni della sua osservazione. In particolare, se i vaccinati aumentano mentre i non vaccinati diminuiscono, come può essere attribuita l'una o l'altra tendenza alle restrizioni? Chiaramente le restrizioni non impediscono la diffusione, e il calo è il risultato del raggiungimento dell'immunità di gregge (come riconosce efficacemente Tim). La popolazione non vaccinata ha già visto questo crollo, ovviamente, sia a dicembre che a marzo 2020, quindi non è una novità. Sembra suggerire che l'immunità di gregge sia stata raggiunta in due precedenti occasioni e che questo sia più che altro un supplemento, presumibilmente a causa della parziale evasione immunitaria della variante Delta.

Il professor Spector sottolinea che "sebbene le cifre sembrino preoccupanti... i vaccini hanno ridotto in modo massiccio le infezioni gravi e il Covid post-vaccinazione è una malattia molto più lieve per la maggior parte delle persone".

“La preoccupazione principale ora è il rischio di Long Covid”, dice – come se questo potesse giustificare tutte le restrizioni sociali, i vincoli di viaggio, le vaccinazioni forzate e così via che saranno ancora con noi dopo il 'Freedom Day'.

Con il Chief Medical Officer Chris Whitty che ha avvertito ieri che le restrizioni potrebbero tornare il mese prossimo , a Lockdown Skeptics terremo d'occhio i dati.

Di Will Jones  / 16 luglio 2021


https://lockdownsceptics.org/2021/07/16/infections-are-peaking-nationwide-as-they-fall-in-the-unvaccinated-says-professor-tim-spector/


Telegram t.me/lancoraitalia