"Quello che non ammazza, ingrassa", sarà sempre così?

"Quello che non ammazza, ingrassa", sarà sempre così?

C.Li.Va. Toscana

1944 - Alexander Fleming riceve il premio Nobel per la scoperta dell'antibiotico che salvò milioni di vite. Dopo la Penicillina, si scoprirono sempre più antibiotici i cui usi e prescrizioni divennero sempre più compulsivi, tanto "Quello che non ammazza ingrassa".

70 anni dopo

2014 - Il Primo Ministro del Regno Unito ha commissionato un rapporto sulla AMR (Resistenza antimicrobica), stimando, sulla base dell'uso sporadico e incosciente attuale, 10 milioni di morti nel 2050.

Morale? Tutti gli eccessi in medicina sono/saranno dannosi. Le eccezioni non esistono, abbiate fede solo nel principio di precauzione.

Lavoiser 3 secoli fa diceva "Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma". Le azioni di oggi determinano una responsabilità civile del mondo di domani.

ABUSO DI ANTIBIOTICI: In Toscana il New Delhi ha fatto 32 morti, ma il vero "Killer" non è il batterio, ma l'abuso di antibiotici assunti direttamente (con diagnosi e prescrizioni spesso telefoniche) sia indirettamente inquinando l'ambiente e l'uomo, che ha trasformato il problema in qualcosa di irrimediabile, che l'Assessore Saccardi ed il Presidente della Regione Enrico Rossi hanno tenuto pericolosamente sotto silenzio, lasciando a rischio la popolazione fra cui immunodepressi, donne in gravidanza bambini ed anziani transitanti negli ospedali toscani.

29 settembre 2014 - Washington, Italia nominata capofila delle strategie vaccinali nel mondo. Col sorriso Beatrice Lorenzin firma un accordo quinquennale proprio in questi giorni scaduto.

31 luglio 2017 - Roma, la legge Lorenzin 119/17 saltella in Gazzetta Ufficiale come i virus, ricattando la fascia 0/6 anni con l'esclusione scolastica e rendendo obbligatori 10 vaccini, anche se l'emergenza (5 morti anche adulti) era solo per il morbillo.

Riprendiamo un attimo il report sopra, stilato sempre nel 2014, anno in cui Lorenzin torna in Italia consegnando una direttiva globalista (non italiana badiamo bene, infatti ci son voluti 3 anni per capire come applicarla) a Ricciardi.

"Questa è la stima dello scenario se non si interviene subito", lo dichiara la Dott.ssa Andrea Ammon, Presidente ECDC (Centro di Controllo Europeo Malattie Prevenibili) nel dossier Presadiretta - Malati di farmaci che vi consigliamo di vedere.

Non è che la psicosi mediatica e di partito ci sta distraendo dalle vere emergenze irrimediabili per le persone più fragili?

Dopo 70 anni l'uso inappropriato degli antibiotici li ha resi inutili ed ha rafforzato i batteri Killer.

ANCHE I VACCINI DIVENTERANNO COMPLETAMENTE INUTILI? LA SCIENZA HA FATTO STUDI A SUFFICIENZA PER EVITARLO?

L'AUMENTO INTANTO E' INNEGABILE

1999:

20 ANNI DOPO 2019:

L'ABUSO DI VACCINI CHE CONSEGUENZE AVRA'?

Non abbiamo 70 anni per capire che l'uso inappropriato dei vaccini (nella speranza di non esser "No responder" e di non aver reazioni avverse) può rafforzare/modificare le stesse malattie o scatenarne altre, dati i componenti e dato che neanche l'uso per le donne incinta è testato.

Tutto sotto la nostra responsabilità, perchè i vaccini son talmente sicuri che nessun medico si prende la responsabilità delle conseguenze dopo la somministrazione.
Tutto sotto ricatto sociale, educativo ed anche professionale: perchè i medici NON possono parlar male altrimenti son radiati.
Tutto sotto una grande promozione finanziaria di Big Pharma ai medici che potete verificare qui.

Per efficienza professionale ed economica, non sarebbe meglio premiare i medici che hanno i pazienti più sani?

Come qualsiasi farmaco anche il vaccino necessita di consenso libero ed informato: come può essere così se gli esecutori son sotto ricatto informativo e sul libro paga di Big Pharma, mentre i tutori son ricattati dal sistema scolastico e sociale?

Morale? Ciò che ammazza il vero spirito deontologico del dottore, ingrassa solo le tasche, non la salute dei pazienti, ma non sarà sempre così, il risveglio è iniziato, perchè

la Salute è il bene più prezioso dell'essere umano e non appartiene a nessun altro, un grazie ai costituenti che lo hanno voluto imprimere nella nostra cara Costituzione.