Primarie democratiche USA: i caucus in Iowa

Primarie democratiche USA: i caucus in Iowa

Luca De Cristofaro


Oggi iniziano le elezioni primarie americane in vista delle elezioni presidenziali del 3 novembre di quest'anno. Si comincia con i caucus dell'Iowa, seguiranno poi le elezioni primarie del New Hampshire.

L'Iowa è uno dei pochi Stati a riproporre i caucus anche nel 2020, quando la stragrande maggioranza degli Stati ha optato per le elezioni primarie. Le elezioni primarie sono simili alle altre elezioni ed anche a quelle cui siamo abituati noi in Italia per quanto riguarda le elezioni primarie organizzate da un partito o da una coalizione di partiti: gli elettori si recano ad un seggio ed esprimono su una scheda un voto per il loro candidato preferito.

Ma l'Iowa ha scelto un metodo diverso: il caucus. Un caucus è un'assemblea di elettori che si riuniscono tutti allo stesso orario per scegliere il candidato da sostenere alle elezioni presidenziali. Quindi una prima differenza con le elezioni primarie è che l'elettore non può scegliere quando andare a votare ma si deve presentare al caucus all'orario stabilito.

Dove si vota?

Queste assemblee si riuniscono in vari luoghi: chiese, biblioteche, palestre delle scuole o anche case private. Saranno in totale 1678 caucus regolari distribuiti su tutto il territorio dello Stato e 87 caucus satellite di cui 60 in Iowa in luoghi e orari diversi dagli altri in modo che vi possa partecipare anche chi non non riesce a tornare al proprio luogo di residenza e/o recarsi al caucus all'orario stabilito, 24 in 13 Stati USA per i cittadini dell'Iowa "fuorisede" e tre in Europa per i cittadini dell'Iowa all'estero (a Parigi, a Glasgow in Scozia e a Tblisi in Georgia)

Chi può votare?

Si definiscono chiusi in quanto vi possono partecipare soltanto i cittadini registrati come elettori del Partito Democratico ma chi non fosse già registrato può presentarsi comunque e registrarsi sul momento (altrove le elezioni primarie possono essere anche aperte o semichiuse).

Come si svolgono?

Una volta riuniti tutti gli elettori, alle ore 19 un rappresentante per ogni candidato terrà un comizio in supporto del proprio candidato. Al termine di tutti i comizi, i partecipanti si dividono in gruppi in diversi angoli o zone della sala sulla base del candidato scelto. A questo punto si fa un primo conteggio dei sostenitori di ciascun candidato e si stabilisce quali candidati superino la soglia di sbarramento locale per l'ammissione alla seconda fase. La soglia varia a seconda del numero di delegati assegnato ad ogni caucus: se il caucus elegge due delegati la soglia è del 25%, se ne elegge tre è del 16,67% (un sesto), se ne elegge quattro o più la soglia è del 15%. I caucus più piccoli che eleggono un solo delegato non hanno una seconda fase ma eleggono il loro unico delegato con il 50%+1 dei voti.

Nella seconda fase i sostenitori dei candidati che non hanno superato la soglia possono scegliere se sostenere uno degli altri candidati, unirsi tra di loro per superare la soglia sostenendo insieme uno dei candidati precedentemente esclusi, oppure ritirarsi. In questa fase i sostenitori dei candidati che hanno superato la soglia non possono cambiare idea e spostarsi in un altro gruppo. Alla fine di questa fase viene fatto il conteggio definitivo del supporto ai candidati rimasti "in gara" e si eleggono in proporzione i delegati del caucus alla convenzione di contea. Inoltre aggregando i dati del secondo conteggio a livello statale si calcolano i delegati che spettano a ciascun candidato per la convenzione nazionale usando un metodo proporzionale tra i candidati che superano a livello statale il 15% dei consensi.

Cosa succede dopo?

I delegati eletti dai singoli caucus si riuniscono il 21 marzo nelle convenzioni di ognuna delle 99 contee dell'Iowa per eleggere i delegati che andranno alle convenzioni distrettuali e alla convenzione statale dell'Iowa.

Il 25 aprile si terranno quindi le convenzioni distrettuali nei 4 distretti in cui è diviso lo Stato per eleggere i rappresentanti alla Camera. Le convenzioni distrettuali eleggeranno in totale 27 dei 41 delegati dell'Iowa alla Convenzione Nazionale Democratica sulla base dei risultati aggregati dei secondi conteggi dei caucus di ciascun distretto.

Il 13 giugno la Convenzione statale dell'Iowa eleggerà i rimanenti 14 delegati da mandare alla Convenzione nazionale sempre sulla base dei risultati aggregati dei secondi conteggi dei caucus e nominerà formalmente gli 8 "delegati automatici" non vincolati a nessun candidato (5 membri del Comitato nazionale democratico, il massimo organo dirigente del Partito Democratico, e i 3 deputati, o meglio, rappresentanti democratici, tutti delegati di diritto) conosciuti anche come "superdelegati"

Dal 13 al 16 luglio, infine, si terrà la Convenzione Nazionale Democratica con tutti i delegati provenienti dai 50 Stati e dagli altri territori USA, da Washington DC e dei Democrats Abroad, i democratici all'estero, che eleggerà i candidati presidente e vicepresidente del Partito Democratico alle elezioni del 3 novembre. In base alle nuove regole i superdelegati non saranno ammessi a votare al primo scrutinio ma solo eventualmente dal secondo nel caso in cui nessun candidato arrivasse alla Convenzione con una maggioranza di delegati.

Quanto pesano i delegati dell'Iowa?

In realtà molto poco sulla carta. L'Iowa elegge 41 delegati su 3979, poco più dell'1%. Tuttavia vincere in Iowa e/o negli altri Stati che votano presto è importante per l'immagine dei candidati, che si mostrano vincenti mentre chi perde le prime elezioni primarie ed i primi caucus difficilmente riesce poi a vincere la nomination, con l'eccezione di John McCain che nel 2008 riuscì a diventare il candidato Presidente dei repubblicani pur arrivando quarto ai caucus repubblicani dell'Iowa

Quando sapremo i risultati?

Essendo i risultati statali basati sui risultati dei caucus non occorrerà aspettare la convenzione statale del 13 giugno. I risultati dovrebbero arrivare tra le 20 e le 22 ora locale, in Italia tra le 3 e le 5 nella notte tra il 3 ed il 4 febbraio. Il Partito Democratico dell'Iowa comunicherà i risultati delle prime preferenze (primo conteggio), definitivi (secondo conteggio) ed il numero di delegati che spettano ai candidati