Perché le attuali vaccinazioni di massa contro il Covid-19 sono da considerare un esperimento di salute pubblica? - Geert Vanden Bossche

Perché le attuali vaccinazioni di massa contro il Covid-19 sono da considerare un esperimento di salute pubblica? - Geert Vanden Bossche

L'Ancora


Perché le attuali vaccinazioni di massa contro il Covid-19 sono da considerare un esperimento di sanità pubblica di interesse internazionale?

In primo luogo, non vi sono precedenti all'uso di vaccini virali non replicanti nelle campagne di vaccinazione di massa condotte durante una pandemia, o addirittura un'epidemia, di un virus altamente mutabile. La sfida di una tale impresa diventa ancora più difficile poiché varianti antigeniche più infettive erano già in circolazione quando furono avviate le prime campagne di vaccinazione di massa (vale a dire varianti alfa, beta e gamma). La loro diffusione era caratterizzata da modelli temporali e geografici distinti, il cui meccanismo sottostante non era compreso. Prima dell'inizio di questo programma di vaccinazione universale non esisteva una singola pubblicazione che si avvicinasse anche solo a suggerire che le vaccinazioni di massa che utilizzano vaccini che consentono la trasmissione potrebbero avere successo nell'estinguere una pandemia di un virus altamente mutabile. Nessuna pubblicazione del genere esiste fino ad oggi, e l'idea diventa ancora più assurda se si considera che diverse varianti infettive si erano già espanse in prevalenza al momento del lancio dei vaccini. Vi sono ampie prove di virus a RNA altamente mutabili come Influenza virus ed Enterovirus per le quali l'espansione nella prevalenza delle varianti antigeniche è guidata dalla pressione immunitaria selettiva sull'infettività virale esercitata dagli anticorpi e che la variazione antigenica diminuisce o addirittura abolisce la capacità di neutralizzazione protettiva dei vaccini contro il virus dell'influenza o Enterovirus diretti a una specifica linea antigenica (1 , 2). Di conseguenza, i vaccini enterovirali monovalenti non replicanti, ad esempio, vengono utilizzati solo su larga scala nelle campagne di vaccinazione di gruppi target vulnerabili (ad es. bambini) impiegati per combattere epidemie ricorrenti di infezioni da enterovirus potenzialmente letali (ad es. EV-A71) nella regione dell'Asia Pacifico (3). È interessante notare che la FDA statunitense non ha approvato questi vaccini a causa di 'preoccupazioni circa l'efficacia contro diversi ceppi pandemici , di sicurezza , e controllo di qualità della produzione di vaccini '(3).

I programmi di vaccinazione di massa precedentemente condotti per combattere le epidemie/pandemie virali (ad es. vaiolo, poliomielite, morbillo, febbre gialla), non hanno nulla in comune con le attuali campagne di vaccinazione di massa in quanto tali virus sono molto diversi in termini di patogenesi, trasmissibilità, via di infezione, potenziali serbatoi, meccanismi effettori predominanti coinvolti nell'immunità antivirale, suscettibilità di segmenti di popolazione, nonché per quanto riguarda i vaccini utilizzati (tutte le precedenti campagne di vaccinazione hanno coinvolto virus vivi attenuati).

Inoltre, l' efficacia del vaccino valutata durante gli studi clinici è diversa dall'efficacia virale, che riflette le prestazioni di un vaccino sul campo. L'efficacia virale pertanto, dipende dal livello di pressione infettiva esercitata dalla popolazione virale e dal livello di pressione selettiva immune esercitata dalla popolazione ospitante (tra gli altri fattori). Questi possono essere molto diversi da quelli prevalenti durante gli studi clinici. Ciò vale in particolare quando il vaccino viene utilizzato in campagne di vaccinazione di massa lanciate nel mezzo di una pandemia di varianti più infettive. A causa di interventi umani su larga scala (ad es. vaccinazioni di massa) e non farmaceutici (ad es. misure di prevenzione delle infezioni), possono verificarsi improvvisamente cambiamenti significativi nella pressione infettiva virale e nella pressione immunitaria a livello di popolazione e accelerare o rallentare drasticamente le dinamiche evolutive di una pandemia, soprattutto se sono in circolazione più varianti infettive .

Considerando che la popolazione target finale dovrebbe avere lo stesso profilo di quella arruolata negli studi sui vaccini, gli attuali vaccini Covid-19 (C-19) sono ora somministrati a diversi segmenti della popolazione che non hanno fatto parte degli studi clinici cardine che hanno permesso l'autorizzazione per l'uso in emergenza (ad es. bambini, anziani, donne in gravidanza, donne in età fertile, individui precedentemente guariti dalla malattia da Covid-19). Inoltre, il follow-up dei partecipanti allo studio nelle sperimentazioni cliniche non si è protratto oltre i 3 mesi in quanto l'OMS aveva dichiarato la pandemia un'emergenza sanitaria di portata internazionale. Risultati a breve termine di studi clinici sui vaccini condotti su un piccolo sottoinsieme di una specifica popolazione target durante il breve periodo di una pandemia, causata da uno specifico ceppo SARS-CoV-2 (in particolare il ceppo originale di Wuhan), non possono nemmeno essere considerati informativi per l'efficacia del vaccino delle campagne di vaccinazione di massa distribuite a livello globale in quasi tutti i segmenti della popolazione per un periodo prolungato di una traiettoria di pandemia, coinvolgendo diverse ondate di infezione causate da diverse varianti virali più infettive. Ad esempio, una maggiore propagazione e predominanza di varianti più infettive si verifica a seguito di una pressione di selezione immunitaria diffusa (cioè a livello di popolazione) sull'infettività virale e il corrispondente impatto sull'efficacia dei vaccini si evolve rapidamente in funzione dell'aumento delle aliquote di copertura vaccinale. Detto più schiettamente, i risultati a breve termine degli studi sull'efficacia dei vaccini su piccola scala sono tutt'altro che rappresentativi dell'impatto sulla salute pubblica di questi vaccini imperfetti (*) quando utilizzati nelle campagne di vaccinazione di massa durante una pandemia di varianti più infettive. Questo da solo illustra chiaramente che l'uso degli attuali vaccini nelle campagne di vaccinazione di massa in corso è puramente sperimentale ed empirico dal punto di vista dell'efficacia sulla salute pubblica.

La vaccinazione di massa con vaccini imperfetti è incline a promuovere la propagazione di varianti di fuga immunitaria naturalmente selezionate e dirette da spike (S) nella popolazione e le campagne in corso stanno facendo sì che la popolazione eserciti ancora più pressione sull'infettività virale. È quindi probabile che ciò acceleri la già preoccupante evoluzione dei mutanti in varianti di fuga immunitaria che resistono ulteriormente alla neutralizzazione degli Ab vaccinali mentre presentano anche altre caratteristiche problematiche come una maggiore infettività o virulenza (4, 5). Va da sé che tali "super varianti", come tendono a chiamarle gli epidemiologi molecolari, hanno un potenziale pericoloso per la vita sia degli individui non vaccinati che di quelli vaccinati.

Inoltre, la riesposizione alle varianti virali circolanti in presenza di anticorpi a bassa affinità (**) potrebbe potenzialmente provocare un potenziamento anticorpo-dipendente pericoloso per la vita della malattia C-19 (ADE). Chiaramente, i risultati degli studi clinici non consentono di trarre conclusioni sull'impatto dell'esposizione virale in presenza di anticorpi a bassa affinità. Di conseguenza, rimangono grandi interrogativi sulla probabilità di ADE, o se altri eventi avversi correlati all'immunogenicità possano verificarsi come risultato indiretto della vaccinazione (6). È importante notare che i precedenti sforzi per sviluppare un vaccino SARS-CoV-1 (***) erano stati abrogati a causa della comparsa di ADE nei modelli preclinici (7).

Dati emergenti hanno dimostrato che la stessa proteina S è un elemento cruciale responsabile della patologia vascolare dell'infezione da virus SARS-CoV-2 (8). Pertanto, i vaccini C-19 che inducono le cellule umane a produrre la stessa proteina coinvolta nella patogenicità virale dovrebbero essere accuratamente testati per assicurarsi che tale proteina non sia espressa sistemicamente nell'organismo dopo la vaccinazione, altrimenti gli effetti della vaccinazione potrebbero provocare una patologia simile alla stessa malattia C-19. Tuttavia, i dati sulla biodistribuzione nel corpo umano di de novola, ad esempio, sono carenti e non sono stati condotti studi preclinici sugli animali per valutarlo. Fino ad oggi, non è stato chiarito in modo definitivo, e stanno emergendo risultati preoccupanti, quali tessuti producono la proteina S dopo la vaccinazione con vaccini a base di acido nucleico. Il numero sproporzionatamente elevato di eventi avversi gravi e comuni osservati dopo la somministrazione di vaccini C-19 a base di acido nucleico, come trombosi venosa profonda, ictus, miocardite, morte e altri (9), suggerisce che la proteina S può essere espressa in una varietà di tessuti del corpo, dove esercita effetti patogeni in soggetti che manifestano eventi avversi. Molte domande rimangono senza risposta riguardo al meccanismo patogeno alla base degli eventi avversi associati al vaccino osservati, mentre la vaccinazione di massa continua.

Sulla base di tutto quanto sopra, l'ampia diffusione degli attuali vaccini Covid-19 nelle campagne di vaccinazione su larga scala dovrebbe essere considerata prima di tutto altamente sperimentale ed empirica in termini di risultati di efficacia e sicurezza (****), nonché in termini di l'impatto sulla salute individuale e pubblica. Poiché l'uso sperimentale degli attuali vaccini Covid-19 solleva serie preoccupazioni riguardo alla loro efficacia e al loro potenziale di causare gravi danni sia agli individui che alle perosne in generale, si può solo concludere che gli obblighi di vaccinazione sono completamente immorali.


(*) Il vaccino "imperfetto" si riferisce a un vaccino che non ha capacità di bloccare la trasmissione virale

(**) Il legame a bassa affinità degli anticorpi anti-S può verificarsi quando i titoli degli anticorpi vaccinali contro le varianti virali diminuiscono o come risultato di un'infezione asintomatica di persone non vaccinate.

(***) SARS-CoV-1 è un altro beta-coronavirus; è emerso nel 2003 (nella provincia del Guangdong, in Cina) e ha causato la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus (SARS-CoV).

(****) Un'ampia descrizione dei problemi di sicurezza segnalati associati a uno o più vaccini Covid-19 è disponibile all'indirizzo: https://docs.google.com/document/d/1AD0lL3Rm4lDExo4q7McBxeeHOqO8bCWWerlGu7YJubQ/edit


References

  1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5861807/pdf/khvi-14-03-1373228.pdf
  2. https://journals.plos.org/plospathogens/article?id=10.1371/journal.ppat.1008857
  3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7997495/
  4. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33688681/
  5. https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0250780
  6. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33717193/
  7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6178114/
  8. SARS-CoV-2 Spike Protein Impairs Endothelial Function via Downregulation of ACE 2 - PubMed (nih.gov)
  9. VAERS Summary for COVID-19 Vaccines through 10/1/2021 – VAERS Analysis



https://www.geertvandenbossche.org/post/why-are-the-current-covid-19-mass-vaccinations-to-be-considered-a-public-health-experiment


Telegram t.me/lancoraitalia