Lo studio delle onde cerebrali spiega perché il viaggio in DMT è come entrare in una realtà alternativa

Lo studio delle onde cerebrali spiega perché il viaggio in DMT è come entrare in una realtà alternativa

Emma Beutel - Traduzione: Benway

DMT, abbreviazione di N, N-dimetiltriptamina, ha un effetto così potente sul cervello umano che è stata soprannominata la "molecola di Dio". È famosa per indurre un'esperienza psicologica trascendente e alcuni hanno paragonato i loro viaggi in DMT ad un'esperienza pre-morte, completa di incontri con esseri mistici o di entrare in un "nuovo regno" onnicomprensivo.

Ora, gli scienziati potrebbero finalmente sapere perché questa sostanza chimica può spingere le persone verso dimensioni cognitive apparentemente nuove. Secondo una ricerca pubblicata martedì su Scientific Reports questa esperienza probabilmente deriva dalla capacità della DMT di creare schemi molto specifici di onde cerebrali.

Questi cambiamenti nella nostra attività cerebrale possono aiutarci a creare una nuova realtà estremamente realistica che esiste interamente nella mente, spiega Christopher Timmermann, con un dottorato di ricerca all'Imperial College di Londra e primo autore dello studio.

"Abbiamo trovato firme neurali legate a stati di coscienza in cui le persone si sentono completamente immerse in realtà alternative simulate", poi aggiunge

"Le persone sono impegnate in queste dimensioni alternative, che si percepiscono incredibilmente reali e significative, sentono di interagire con esseri ed entità che comunicano con loro, [e] hanno forti reazioni emotive ed effetti nei loro corpi".


Come la DMT crea "nuovi regni"

Questo studio si basa su un piccolo campione di 13 adulti a cui è stata somministrata una dose di DMT che ha portato ad un viaggio di circa 20 minuti. Quando l'esperienza raggiunse un picco di circa 2-3 minuti, i soggetti riferirono di sentirsi come se fossero entrati in una "realtà o dimensione diversa".

A loro volta, hanno visto motivi geometrici, facendo riferimento a "sensazioni corporee insolite". Hanno disegnato immagini che assomigliano a questa:


Mentre stavano sperimentando il picco, gli scienziati hanno preso letture EEG (attività cerebrale) dei soggetti del test. Alla fine il team è stato in grado di ridurre l'esperienza della DMT in interazioni tra quattro diversi tipi di onde cerebrali che di solito si vedono durante gli stati di coscienza, come il sonno o la veglia. Includono:

  • Onde delta: Onde di frequenza più bassa, comune durante il sonno profondo
  • Onde theta: trovate durante le prime fasi del sonno
  • Onde alfa: trovate durante stati rilassati come la meditazione
  • Onde beta, comuni durante la tipica veglia

Timmermann spiega che, in generale, il team ha visto grandi diminuzioni nelle onde alfa a frequenza più alta e grandi aumenti nelle onde delta e theta a bassa frequenza mentre i loro partecipanti erano sotto effetto della DMT. Questi effetti erano fortemente legati alle immagini visive, o allucinazioni, indotte dal composto.

Ciò è particolarmente interessante per Timmermann perché "questi effetti sono simili a ciò che vediamo quando si sogna".


Nel frattempo, hanno anche scoperto che specifiche combinazioni di onde durante il viaggio potrebbero spiegare le diverse sensazioni emotive e fisiche dell'esperienza DMT. Gli effetti visivi sembravano strettamente legati all'aumento delle onde theta e alla diminuzione delle onde alfa. Gli effetti corporei erano associati alla riduzione delle onde beta e gli effetti emotivi erano associati all'aumento della "diversità del segnale" - fondamentalmente schemi caotici o imprevedibili delle onde cerebrali.

Queste componenti fisiche ed emotive sono tutte parte dell'esperienza DMT tradizionale. Ma i dati di Timmermann indicano anche cosa succede nel momento esatto in cui le persone sentono che stanno "sfondando" e sono sull'orlo di un'esperienza molto più intensa.


Cosa succede durante un'esperienza di "Breakthrough"

L'esperienza del "Breakthough" è spesso descritta come "cadere" all'interno di un altro regno. Molti artisti hanno provato a rappresentare quell'attimo, ma per quanto spettacolari siano i loro lavori si avvicinano di poco alla magnificenza della visione. I dati di Timmermann suggeriscono che il passaggio all'esperienza del "Breakthough" potrebbe essere definito da un "collasso" delle onde alfa e beta e l'inizio di un nuovo tipo di ritmo che è dominato dalle onde theta e delta.

Una volta che ciò accade, l'esperienza è sostenuta da cambiamenti nei tre principali tipi di attività cerebrale che definiscono le componenti sociali, emotive e corporee dell'esperienza DMT: una diminuzione delle onde alfa, un aumento delle onde theta e un picco nella "diversità del segnale “. Ognuno di questi cambiamenti aiuta a spiegare perché ci si sente così onnicomprensivo.

In parte, è a causa di un calo "massiccio" delle onde alfa. Quando le persone non sono in DMT, questo tipo di abbandono si verifica quando si aprono gli occhi e si interagisce con il mondo esterno. Stranamente, i soggetti DMT avevano gli occhi chiusi per tutto il tempo - ma i loro cervelli si comportavano come se fossero ad occhi aperti.

L'aumento delle onde theta è in realtà simile a ciò che accade durante i sogni vividi che si verificano durante il sonno REM, mentre l'aumento della "diversità del segnale" probabilmente spiega le "esperienze ricche e insolite che le persone hanno".

Questo è solo un piccolo studio su 13 persone e ci sono ancora molte domande senza risposta sull'esperienza DMT. Ma alla fine Timmermann spera che questo tipo di ricerca possa essere un modo migliore per comprendere la coscienza in generale.

"Comprendere come siamo in grado di costruire esperienze così elaborate mentre siamo distaccati dalla normale coscienza di veglia è assolutamente necessario se vogliamo avere una visione globale di cosa sia la coscienza umana", sostiene.

Da quel punto di vista, la DMT potrebbe essere un modo per illuminare come funziona la nostra coscienza. Per ora questo lavoro indica come un cervello allucinato può costruire un mondo vibrante interamente all'interno della mente.

"Studiare le transizioni dentro e fuori lo stato di coscienza alterato causato dalla N (N) dimetiltriptamina per via endovenosa (IV) (DMT - una triptamina psichedelica ad azione rapida) offre un mezzo sicuro e potente per far avanzare le conoscenze sulla neurobiologia degli stati coscienti. Qui abbiamo cercato di studiare gli effetti della DMV IV sullo spettro di potenza e sulla diversità del segnale dell'attività cerebrale umana (6 femmine, 7 maschi) registrata tramite EEG multivariato e tracciare le relazioni tra esperienza soggettiva, attività cerebrale e concentrazioni plasmatiche di droga nel tempo. Rispetto al placebo, la DMT ha notevolmente ridotto la potenza oscillatoria nelle bande alfa e beta e ha aumentato notevolmente la diversità del segnale spontaneo. Analisi neurofenomenologiche riferite nel tempo hanno rivelato strette relazioni tra i cambiamenti in vari aspetti dell'esperienza soggettiva e i cambiamenti nell'attività cerebrale. È importante sottolineare che l'emergere dell'attività oscillatoria all'interno delle bande di frequenza delta e theta è risultata correlata con il picco dell'esperienza, in particolare la sua componente visiva a occhi chiusi. Questi risultati evidenziano marcati cambiamenti nell'attività oscillatoria e nella diversità del segnale con la DMT che mettono in parallelo componenti ampie e specifiche dell'esperienza soggettiva, facendo avanzare la nostra comprensione delle basi neurobiologiche degli stati di coscienza immersivi".


Di seguito riportiamo il paragrafo DISCUSSIONE della ricerca scientifica originale omettendo gli altri paragrafi, sicuramente molto interessanti, ma destinati ad un pubblico specialistico.

Gli autori della ricerca è dell'articolo scientifico sono:


Discussione

Questo documento presenta i risultati della prima indagine mai effettuata con controllo-placebo sugli effetti della DMT sull'attività cerebrale umana spontanea. L'immersione nello stato DMT è stata accompagnata da marcate diminuzioni della potenza spettrale totale nelle bande alfa e beta parallelamente a marcati aumenti della diversità del segnale spontaneo e l'emergere di oscillazioni theta e delta durante gli effetti di picco. Questi effetti sono significativamente correlati agli effetti visivi caratteristici della DMT e rappresentano nuove scoperte per la neuroscienza psichedelica. Gli aumenti delle oscillazioni delta e theta erano più chiaramente evidenti quando il componente oscillatorio era separato dal componente frattale, suggerendo che il primo è il componente più funzionalmente rilevante del segnale - almeno in relazione a queste bande di frequenza inferiori (registrabili con EEG) .

La riduzione della potenza alfa è una scoperta particolarmente coerente nella ricerca sul neuroimaging con psichedelici. L'alfa è il ritmo più importante del cervello a riposo, in particolare negli esseri umani e in particolare nell'età adulta. L'Alfa è stata collegata con un funzionamento psicologico di alto livello, un'elaborazione predittiva dall'alto e una connettività di feedback correlata, che si sono rivelati interrotti da psichedelici serotoninergici. Gli studi di pretrattamento con antagonisti del recettore della serotonina 2 (ketanserina) che coinvolgono sia la psilocibina che l'ayahuasca hanno supportato il principio secondo cui le riduzioni della potenza alfa indotte da psichedelici dipendono dall'attivazione dei recettori 5-HT2A. Qui abbiamo trovato forti correlazioni tra diminuzioni della potenza alfa, variazioni minuto per minuto dell'intensità soggettiva e livelli di DMT nel plasma.

Le scoperte del presente studio sulla soppressione alfa profonda, combinate con delta e theta normalizzati/aumentati sotto DMT possono riferirsi all'esperienza di sentirsi profondamente immersi in un altro mondo. L'emergere di oscillazioni theta/delta, in particolare nelle fonti del lobo temporale mediale, è stata classicamente associata al sogno del sonno REM e agli stati "visionari" correlati. Proponiamo che l'emergenza osservata della ritmicità theta/delta combinata con il caratteristico "collasso" della ritmicità alfa/beta sotto DMT possa essere correlato all'esperienza di Breakthrough - un meccanismo percettivo attraverso il quale il cervello passa dall'elaborazione di informazioni in arrivo esogene a uno stato in cui l'elaborazione guida è endogena, come nel classico sogno del sonno REM. Ciò è ulteriormente supportato dalla correlazione positiva osservata tra le valutazioni dei partecipanti sulla qualità visiva delle loro esperienze e gli aumenti del potere theta e delta, nonché le diminuzioni in alfa. Sebbene speculativo, è interessante considerare che la ritmicità theta/delta emergente sotto DMT (osservata anche in uno studio sul campo non controllato) possa avere una fonte profonda (ad esempio lobo temporale mediale) e riflettere il reclutamento di un circuito evolutivamente antico che è stato associato in modo classico con il sonno REM e la stimolazione del lobo temporale mediale, entrambi noti per presentare fenomeni visionari complessi.

Gli aumenti della diversità del segnale riscontrati qui, poiché altrove possono essere considerati il ​​complemento positivo della ridotta potenza alfa e sono coerenti con la cosiddetta "ipotesi cerebrale entropica" che propone un intervallo limitato di stati (cioè all'interno di una zona critica) e di ricchezza di contenuti di ogni dato stato cosciente, può essere significativamente indicizzata dall'entropia della sua attività cerebrale spontanea. Sulla base dei risultati del presente studio di una relazione forte e completa tra la diversità del segnale spontaneo (una misura intimamente correlata all'entropia) e l'evoluzione temporale di diversi aspetti degli effetti soggettivi della DMT, riteniamo che le misure relative all'entropia siano effettivamente indici informativi della qualità di un dato stato di coscienza. Utilizzando una varietà di metriche e farmaci un numero crescente di studi ha riportato un aumento della complessità del segnale, della diversità o dell'entropia sotto psichedelici. Gli aumenti della diversità del segnale osservati qui sono stati associati all'intensità percepita dell'esperienza, ai livelli di DMT nel plasma e ad una gamma di effetti soggettivi. L'aumento della diversità del segnale era inversamente proporzionale alla potenza alfa, ma presentava una topografia EEG diversa, ovvero l'aumento delle LZ era più pronunciato negli elettrodi occipitali, mentre le riduzioni alfa erano più forti nei canali centrali. Questi risultati confermano ulteriormente l'opinione secondo cui l'aumento delle LZ è correlato alla severa qualità visiva dell'esperienza DMT (vedere le figure 3A e 5B) ed è un complemento informativo alle tradizionali analisi della potenza spettrale, in particolare quando si studiano stati psichedelici.

L'approccio neurofenomenologico e le correlazioni psicometriche qui impiegate, usando misure in tempo reale e interviste micro-fenomenologiche, rappresentano un passo positivo verso l'integrazione dei rapporti neuronali ed in prima persona. Le analisi e i risultati pertinenti ci hanno permesso di stabilire relazioni solide e specifiche tra effetti soggettivi - vale a dire nei settori visivo, somatico e metacognitivo/affettivo - e diversi aspetti dei dati EEG. La combinazione dell'imaging cerebrale multimodale con tali progressi nell'analisi dei dati soggettivi può aiutare ulteriormente la nostra comprensione dei correlati neurali dell'esperienza psichedelica - e in effetti di altri stati coscienti interessanti.

Infine, i risultati attuali possono far luce sui meccanismi alla base del potenziale antidepressivo dei composti correlati alla DMT. È stato riscontrato un aumento della potenza alfa e una riduzione della delta nelle popolazioni di individui depressi e sono state osservate associazioni tra la diversità del segnale e le fluttuazioni dell'umore, compresi gli stati depressivi. È ragionevole considerare che gli enormi effetti osservati qui sotto DMT possono avere implicazioni per la modellistica, e forse il trattamento, della psicopatologia.

Abbiamo affrontato alcune limitazioni: per motivi di sicurezza e di ricerca della dose, ai partecipanti sono state somministrate quattro diverse dosi di DMT. Ciò ha creato una non uniformità tra le esperienze dei partecipanti, ma probabilmente ha aiutato le analisi correlazionali. La progettazione ad ordine fisso potrebbe essere considerata una limitazione. Tuttavia, il nostro precedente lavoro di neuroimaging psichedelico che utilizzava progetti di ordine fissi ed equilibrati ha prodotto risultati coerenti con quelli visti qui. Inoltre, i progetti a ordine fisso aggirano il problema degli effetti di riporto, che sono probabilmente dati dagli effetti psicologici permanenti degli psichedelici.

Per concludere, questo è il primo rapporto sugli effetti cerebrali a riposo della DMT endovenosa nell'uomo. Le registrazioni EEG hanno rivelato una diminuzione della potenza spettrale nelle bande alfa/beta, accompagnata da aumenti diffusi nella diversità del segnale. La dinamica temporale di questi cambiamenti rispecchiava da vicino l'intensità soggettiva degli effetti della DMT. Un romanzo ritmico delta/theta emerse durante il potente periodo di "Breakthrough", caratterizzato da complesse esperienze visionarie. Sono ora necessari ulteriori lavori per esaminare più da vicino questo esempio di "ordine apparente" nel contesto del disordine - che è una caratteristica più riconosciuta dello stato psichedelico. I risultati del presente studio migliorano significativamente la nostra comprensione delle basi cerebrali di uno degli stati di coscienza alterati più insoliti e intensi conosciuti, precedentemente paragonati al sogno e all'esperienza di pre-morte. Osservando ciò che si perde e si guadagna quando la coscienza si altera in modo estremo, la neuroscienza psichedelica promette di arricchire la nostra conoscenza e l'apprezzamento delle relazioni mente-cervello nella più ampia gamma di contesti, ispirando applicazioni ancora non prese in considerazione.


Link all'originale