L'affare del secolo

L'affare del secolo

@RUteca

La Giordania ha un ruolo importante nell'imminente "accordo del secolo" tra Israele, America e Arabia Saudita, pressato da Trump. Lo scopo dell'accordo è risolvere la questione palestinese trasferendo la maggior parte del territorio della regione occidentale della Giordania, con la successiva formazione di una federazione tra quest'ultima e Palestina. Allo stesso tempo, Gerusalemme e alcune aree della Cisgiordania, dove si trovano molti insediamenti ebraici, rimarranno israeliani.

I sauditi ed altri paesi del Golfo, come gli Emirati Arabi Uniti, trarranno beneficio dal porre fine al conflitto arabo-israeliano e chiudere il tema palestinese per cooperare con Israele e Stati Uniti contro il crescente Iran e la sua mezzaluna sciita (Iraq, Siria, Libano). A causa della crescita dell'Iran, il conflitto arabo-iraniano sta venendo alla ribalta, forzando il conflitto arabo-israeliano. Pertanto, i sauditi e un certo numero di paesi arabi vogliono una volta per tutte chiudere il tema palestinese che scatena la transizione verso una cooperazione aperta e ampia con Israele.

Panorama di Amman


Da parte sua, anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è interessato a tale decisione. Negli Stati Uniti, l'amministrazione più filo-israeliana della storia è al potere ed è impegnata a mettere insieme un blocco anti-iraniano. Ma Trump, tra le altre cose, vorrebbe passare alla storia come il presidente con una brillante politica estera che è riuscito a risolvere il conflitto arabo-israeliano.


Tuttavia, la Giordania sta resistendo all '"accordo del secolo". Questo paese con una popolazione di sei milioni di persone, è politicamente, economicamente ed etnicamente instabile. Nell'estate del 2018, ci sono state grandi proteste a causa dell'aumento delle tasse e del rincaro dei prezzi di benzina, elettricità e cibo.


3 milioni su 6 nella popolazione della Giordania sono palestinesi, molti dei quali non amano la dinastia reale hashemita che governa nel paese (in effetti, un regime autoritario con elementi di parlamentarismo è stato stabilito in Giordania). In passato, i palestinesi avevano già tentato di rovesciarlo ("Settembre nero" 1970, quando gli USA e l'Israele salvarono la dinastia hashemita). Se ci fossero altri 3 milioni di palestinesi della Cisgiordania in Giordania, ciò potrebbe seriamente minare il regime. Pertanto, la Giordania sta resistendo all' "accordo del secolo".


Tuttavia, questo paese dipende economicamente molto dagli Stati Uniti e dai sauditi, dalla loro assistenza economica, ed è sottoposto a pressioni da parte loro.


Innanzitutto, gli Stati Uniti forniscono alla Giordania un regolare sostegno finanziario di $ 1,3 miliardi all'anno, mentre i sauditi e gli Emirati Arabi Uniti hanno recentemente stanziato 2,5 miliardi per aiutare il governo a reprimere l'ondata di proteste che è avvenuta a giugno. Se i giordani sono testardi, il paese potrebbe non ricevere nulla in futuro. E questo può causare nuovi sconvolgimenti sociali.


In secondo luogo, ci sono altri metodi di pressione. Un analista politico, Maria Al Makahleh, osserva che "nel settembre 2018, l'Arabia Saudita ha vietato ai palestinesi di entrare nel paese con passaporti giordani temporanei. La decisione riguarda 634 mila palestinesi, che non potranno più andare al hajj. L'Arabia Saudita li sta costringendo a ottenere passaporti annuali dall'Autorità palestinese, che nel caso dei residenti di Gerusalemme Est, possono addirittura finire nella loro espulsione dalla città."


Date le voci sull'affare del secolo di D. Trump e l'opposizione dura e di principio contro questo accordo in Giordania, data l'attitudine del paese allo status di Gerusalemme, si dovrebbe prestare attenzione alla recente proposta dei politici dell'opposizione israeliana di trasferire i santuari musulmani di Gerusalemme alla giurisdizione saudita. Questo sta accadendo sullo sfondo di crescenti contatti informali tra Israele e Arabia Saudita.

Se la Giordania venisse privata dello status di "guardiano" dei santuari di Gerusalemme, perderebbe un ruolo molto importante nel mondo musulmano. I palestinesi, privati ​​dell'opportunità di fare pellegrinaggi, diventerebbero uno strato esplosivo della società giordana ... Il "Settembre nero" è già fallito una volta nei confronti dei palestinesi, ma questo non significa che non possa essere ripetuto. La Giordania è diventata un ostacolo nel cammino di Israele, l'Arabia Saudita, e in un certo senso, un ostacolo ai piani dell'amministrazione di D. Trump.


Probabilmente i timori dei leader giordani sono giustificati. Dopotutto, "l'accordo del secolo", a sua volta, può destabilizzare la Giordania. E questo può portare a conseguenze indesiderabili; ad esempio, potrebbe emergere un nuovo governo palestinese orientato verso l'Iran o inizierebbe una guerra civile, come in Siria.


Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump gioca a dei giochi molto rischiosi. Ma la verità è che i piccoli paesi poveri hanno difficoltà a resistere a questi giochi.


Fonte:https://stmegi.com/opinions/posts/63394/blizhniy-vostok-gotovitsya-sdelka-veka/