L'OMS e le “cospirazioni” dell'influenza pandemica | dal British Medical Journal 4 giugno 2010

L'OMS e le “cospirazioni” dell'influenza pandemica | dal British Medical Journal 4 giugno 2010

L'Ancora



Scienziati chiave che consigliavano l'Organizzazione mondiale della sanità nella pianificazione di una pandemia influenzale avevano svolto un lavoro retribuito per le aziende farmaceutiche che avrebbero tratto vantaggio dalla guida che stavano preparando. Questi conflitti di interesse non sono mai stati divulgati pubblicamente dall'OMS e l'OMS ha respinto le indagini sulla sua gestione della pandemia di A/H1N1 come "teorie del complotto". Deborah Cohen e Philip Carter indagano.

L'OMS ha cambiato la definizione di pandemia influenzale. Cohen e Carter affermano che l'OMS ha cambiato la definizione di pandemia influenzale escludendo il riferimento alle parole "con un numero enorme di morti e malattie".

Ciò che l'articolo non afferma è che l'OMS ha apportato due modifiche; il secondo cambiamento è stato quello di eliminare la richiesta di un nuovo sottotipo con un semplice virus riassortito,il che significa che molti virus dell'influenza stagionale potrebbero essere classificati come influenza pandemica.

Una ricerca negli archivi web online rivela che il sito web dell'OMS aveva cancellato la definizione utilizzata almeno dal gennaio 2003 fino a luglio 2008.

"Una pandemia influenzale si verifica quando appare un nuovo virus influenzale contro il quale la popolazione umana non ha immunità, provocando diverse epidemie simultanee in tutto il mondo con un numero enorme di morti e malattie. ... Quando un cambiamento importante ​​si verifica spontaneamente, nessuno avrà un'immunità parziale o totale contro l'infezione perché è un virus completamente nuovo. Se questo nuovo virus ha anche la capacità di diffondersi da persona a persona, allora si verificherà una pandemia ".

Un nuovo studio scientifico mostra il pieno effetto dell'influenza pandemica H1N1 in Nuova Zelanda nel 2009. Lo studio commissionato dal ministero, condotto da Environmental Science and Research (ESR), stima che 1,26 milioni o il 29% dei neozelandesi era immune al virus dell'influenza pandemica prima di marzo di quest'anno.

Circa 480.000 persone avevano una certa immunità prima dell'ondata di pandemia dell'anno scorso , per lo più nelle fasce di età più avanzata. Si stima che altri 780.000 siano stati infettati nel 2009. Il tasso più alto di infezione durante il

2009 è stato tra i bambini in età scolare, dove è stato colpito un bambino su tre . Quasi la metà dei contagiati non ha mostrato sintomi evidenti. Il 14% dei bambini neozelandesi in età scolare aveva anticorpi preesistenti contro il virus H1N1 del 2009.

Se le linee guida dell'OMS in vigore nel momento in cui il virus dell'influenza H1N1 del 2009 fossero state identificate negli Stati Uniti nell'aprile 2009, non sarebbe mai stata dichiarata una pandemia in quanto non si trattava di un nuovo sottotipo, non stava causando un numero enorme di morti e malattia e un numero significativo di persone era già stato esposto a un virus immunogenico simile. 

11 giugno 2009 la dott.ssa Margaret Chan, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha annunciato ai media di tutto il mondo: “Ho conferito con i maggiori esperti di influenza, virologi e funzionari della sanità pubblica. In linea con le procedure stabilite dal Regolamento sanitario internazionale, ho chiesto guida e consulenza a un comitato di emergenza istituito a tale scopo. Sulla base delle prove disponibili e di queste valutazioni esperte delle prove, i criteri scientifici per una pandemia influenzale sono stati soddisfatti... Il mondo è ora all'inizio della pandemia influenzale del 2009".

È stato il culmine di 10 anni di pianificazione della preparazione alla pandemia per l'OMS: anni di riunioni di comitati con esperti provenienti da tutto il mondo e moltissime bozze di documenti che offrono indicazioni ai governi. Ma un anno dopo, i governi che hanno seguito i consigli dell'OMS stavano sciogliendo i loro contratti sui vaccini, e miliardi di dollari di scorte di oseltamivir (Tamiflu) e zanamivir (Relenza) – acquistate dai bilanci sanitari già sottoposti a rigidi vincoli – giacciono inutilizzate nei magazzini nel mondo. Un'indagine congiunta del BMJ e del Bureau of Investigative Journalism ha scoperto prove che sollevano interrogativi preoccupanti su come l'OMS ha gestito i conflitti di interesse tra gli scienziati che hanno consigliato la pianificazione della pandemia.


▶️ Link British Medical Journal


Telegram t.me/lancoraitalia