Il serraglio DMT e oltre

Il serraglio DMT e oltre

Des Tramacchi - Traduzione: Benway

Le entità incontrate durante un viaggio DMT possono variare da esseri simili a fate che sembrano appena usciti da un libro per bambini di Enid Blyton fino ad altri che sembrano strisciare fuori da un racconto di H.P.Lovecraft. C'è una grande varietà tra queste entità, ma ci sono anche alcune creature che si ripetono con frequenza sorprendente. Un inventario di base includerebbe enormi amebe e orrori tentacolati; felini; insetti (soprattutto mantidi); rettili; robot, "meccanoidi" e androidi; alieni; e umanoidi (inclusi elfi, clown, folletti, divinità, "Antenati", "elementali", "piccoli personaggi simili a dei cartoni animati e demoni). Gli umanoidi o gli esseri con attributi principalmente umani sono molto comuni - probabilmente la più comune delle entità visionarie descritte - e saranno trattati separatamente di seguito (sotto il titolo di Facce e maschere). Un informatore ha riferito di essere stato assalito da "orsetti del cuore" dai colori vivaci. Per ora l'attenzione è rivolta alle entità non umanoidi. Alcuni degli esseri DMT sono creature abbastanza esotiche. Esistono numerose segnalazioni di creature blu o viola, luminescenti, ondulate, tentacolari che ricordano le meduse phylum e la Cnidaria d'acqua dolce. Come la Cnidaria sono radialmente simmetrici nel piano generale del corpo, ma possono avere scanalature ciliate ai bordi delle bocche che li rendono perfettamente divisibili in soli due piani. I loro volti (se questo è un'espressione appropriata) sono generalmente difficili da discernere, anche se un'illustrazione (non inclusa qui) mostra due concentrazioni di nervi o fibre quadrate che possono essere occhi. A differenza dei Cnidaria abitano una specie di media sospensione, o forse un ambiente a bassa gravità. Sono state anche riportate creature con geometria simile, ma composte da un gas o liquido a incandescenza blu. Alcune delle creature DMT sono più telluriche. I gatti svolgono un ruolo evidente. Considerando l'antica reputazione dei felini legata al soprannaturale, così come il loro genio selvaggio per l'adattamento ecologico, non dovremmo essere troppo sorpresi di trovarli nell'iperspazio. Il giaguaro è importante nello sciamanesimo del Nuovo Mondo e spesso compare nell'immaginario e nella cosmologia connesse all'ayhuasca:

In molte tribù, lo sciamano diventa un felino durante l'intossicazione, esercitando i suoi poteri come un gatto. Gli uomini di medicina yekwana imitano i ruggiti dei giaguari. Chi assume ayahuasca fra i Tukano può sperimentare incubi che includono fauci di giaguaro che li divorano oppure enormi serpenti che si avvicinano e si avvolgono attorno ai loro corpi.” (Schultes & Hofmann, 1992: 122)

Il gatto domestico ha una vecchia associazione con la magia in occidente e nella coscienza popolare può apparire come un imbroglione/mago ultraterreno, ad esempio si veda Lewis Carrol (1950 [1862]) con il gatto di Alice nel paese delle meraviglie e il miracoloso e misterioso "Gatto col cappello" del dottor Seuss (1957). Nelle visioni DMT i gatti possono essere benigni o di buon auspicio, ma possono anche essere estremamente spaventosi come nel seguente resoconto di un'iniezione intramuscolare di DMT:

E poi, si profilava davanti a me, un orrore devastante, un gatto cosmico di diamante. Ha riempito il cielo, ha riempito tutto lo spazio. Non c'era nessun posto dove andare. Era tutto ciò che era. Non c'era posto per me in questo: il suo universo. Mi sono sentito livellato (sic) sotto il crudele bagliore del suo splendore cristallino. La mia mente, il mio corpo, la mia traccia di autostima perirono nel duro luccichio delle sue celle di diamante ... Si muoveva in ritmi spasmodici come un giocattolo demoniaco; e c'era sempre la sua voce: una monotonia accanita e acuta che mise fine alla speranza. Non ci dovrebbe essere una tale voce! Mi ha devastato i nervi riecheggiando follemente da un corridoio buio della mia mente ad un altro. Me-e-e-e-yow-ow-ow-ow me-e-e-e-yow-ow-ow-ow me-e-e-e-yow-ow-ow-ow - continuava l'incessante, insaziabile staccato. Non sarebbe stato così male se fosse stato solo un rumore diabolico. La cosa agghiacciante era che sapevo cosa stava dicendo! Mi disse che ero una cosa miserabile, polposa, flaccida; un verme squishy-squashy. Ero una specie di interiora morbide e fluidi viscidi ed ero disgustoso per il dio calcificato. Aprii gli occhi e balzai dalla sedia urlando: - Non ti avrò! Non avrò un simile Dio! Qual è l'antidoto a questo? Dammi l'antidoto! - ” (Masters & Houston, 2000: 163)

Il soggetto [27] mi ha fornito una trascrizione superbamente dettagliata di un'esperienza DMT che aveva registrato su nastro. Questa è stata la prima esperienza del soggetto con la DMT e, oltre a presentare un lato più attraente dei gatti, fornisce anche un'eccellente prospettiva sulle complessità che affronta un utente DMT mentre ritorna dall'esperienza visionaria e prova a formulare un resoconto verbale . Il numero +12.14 indica che erano trascorsi 12 minuti e 14 secondi da quando il soggetto ha inalato la sua dose di DMT:

[ASSISTENTE passa carta e penna]

SOGGETTO: Oh grazie, fantastico ... e comunque, questo ...

[SOGGETTO disegna su carta]

+12.14 SOGGETTO: Solo facendolo molto velocemente riesci ad arrivare lì, e c'era questo ... [risate euforiche] ... c'era questo, quindi è così che appariva, nel modo più semplice, quella è la tua faccia, e c'era questo ... ed erano così ... ehm ... nastri rossi intrecciati che si muovevano in cerchio. La cosa veramente importante era quello che avevo visto prima, e non riesco a ricordarmelo esattamente, ma c'era qualcosa ... Potevo vedere cuori, come cuori d'amore, e di nuovo questi nastri rossi, questi nastri rossi intrecciati ... [sospiro pesante] ... e c'era questo ragazzo, era un maschio, e c'erano gatti, e c'erano anche femmine, forse i gatti erano le femmine, e c'erano cuori d'amore, suona davvero come una canzone dei Cure [risate], ma era sia visivo che ... ehm ... e c'era qualcuno che comunicava con me, era questo sciamano, quest'uomo di medicina... e mi stava mostrando qualcosa, ma mi stava solo mostrando la sua mente, penso, ed era davvero spaventoso perchè ciò significa che le cose erano nella sua mente ... era come un regno infernale, c'era qualcosa di infernale in esso ma anche qualcosa d'incredibilmente seducente, nel senso che c'era questa cosa femminile lì, tutto arancione e rosso... un tipo di gatto, gatto femmina ... um ...

ASSISTENTE: era un grosso gatto?

SOGGETTO: Um ... la mia idea era che c'erano molti gatti domestici e non era un grosso gatto come un giaguaro, e non avevo nemmeno pensato a un giaguaro fino a quando non l'ho detto ora, ovviamente potrebbe aver costituito una sorta di aspettativa, perché avevo letto dei giaguari ... ma questa era una persona che comunicava... era come se qualcuno stesse comunicando con me nella sua forma spirituale, che è esattamente ciò che dovrebbe essere l'esperienza sciamanica ... Me lo ricordo ...

La prima cosa che ho visto è stata incredibile, ma non riesco a ricordare cosa fosse ... Posso vederlo, posso vedere gli schemi ed è stato come se stessero entrando nel mio corpo, stavano circolando come una ventola ed entrando dentro di me, era davvero ... il suo arancione, stava cambiando da rosso a giallo, e se puoi immaginare che la nausea sia espressa visivamente, è stata come la nausea, ma poi c'era questa coscienza lì, che era una femmina, che sembrava un gatto ... Ho visto molti gatti, erano in una stanza buia, e all'interno della stanza c'erano questi nastri rossi di luce che si muovevano in cerchi e onde, molto serpentini ... ma quello che ho visto allora, quello era ... non posso dire cosa fosse ... Soggetto [27] (2002)


Anche i rettili sono segnalati con una certa regolarità, in particolare rettili perfettamente neri e lucenti che sono spesso bipedi e antropomorfi. I serpenti sono spesso segnalati, come nel caso dell'informatore menzionato in precedenza che ha sperimentato il braccio diventare un serpente e sempre i serpenti appaiono come elementi in una serie di immagini che raffigurano esperienze con la DMT, alcune delle quali verranno discusse in seguito. I serpenti sono significativi in molte cosmologie indigene amazzoniche dove sono strettamente associati con l'ayahuasca enteogeno contenente DMT. A rischio di semplificare grossolanamente un simbolo molto complesso gli aspetti del serpente che sono più rilevanti per la DMT nel caso di questi sistemi amazzonici sono il movimento, la trama (il pattern) e la capacità del serpente di rinnovare i suoi disegni attraverso il cambio della pelle: questi sono i segni metaforici di tutte le qualità percettive (Lagrou, 2000). I serpenti e la liana dell'ayahuasca sono intimamente correlati:

"... ciò che unisce entrambi gli elementi è proprio quel disegno che si offre sulla superficie del serpente e attende all'interno della vite ..." (Saéz, 2000: 39).

Le lucertole sono un'altra forma di vita con una pelle riccamente modellata di cui si liberano periodicamente. Più tardi parlerò del dipinto "Diosa Madre Tierra" (che è un acronimo di "DMT") di Carey Thompson che presenta un grande drago alato. Le visioni di draghi, dinosauri e coccodrilli non si limitano affatto alle visioni della DMT e possono essere trovate in descrizioni di visioni psichedeliche ed enteogeniche prodotte da altri agenti, come l'ibogaina e l'ayahuasca, entrambe le quali, come la DMT, comprendono derivati della triptamina (Shulgin & Shulgin, 1997). In generale, le lucertole giganti sembrano collegate a impulsi e istinti che molti umani e mammiferi in generale potrebbero considerare altamente antisociali o persino psicopatici. In quanto tali, possono nella migliore delle ipotesi, contribuire alla comprensione delle nostre tendenze represse e nevrosi. Il seguente resoconto di una sessione psicoanalitica in cui alla cliente è stata somministrata ibogaina dimostra un'applicazione clinica della dinamica:

“... la donna impersonando un enorme sauro con la pelle simile a un coccodrillo rimprovera il mostro e urla a squarciagola:

Sono orribile, nera, grigia, dura!

Vivo in questa orribile grotta sotterranea. Vorrei essere sola.

Non voglio la vita intorno a me.

Voglio essere sola, sola.

Una regina, potente in questa solitudine.

Sono la regina delle tenebre.

Io sono la bestia!

Voglio strillare, ruggire, ululare, distruggere.

Voglio uccidere, rompere, perforare, schiacciare, grattare, distruggere, frantumare, strappare.

Sono implacabile!

Sono implacabile!!

Sono implacabile!!!

Sono implacabile con me stessa.” (Naranjo, 1973: 210-211)

L'ibogaina, a dosi più basse, produce spesso un senso di entusiasmo potenziato che consente all'utente di "affrontare" esperienze difficili. Ayahuasca e DMT, in generale, non fanno simili concessioni al coraggio. Un incontro con rettili ctoniani durante un'esperienza DMT o con ayahuasca può essere terrificante. All'inizio degli anni '60, Michael Harner ha bevuto l'ayahuasca mentre viveva con gli Untsuri Shuar delle Ande ecuadoriane. Il suo resoconto della sua visione è molto dettagliato ed esplicito, e consiste in gran parte di comunicazioni con grandi creature simili a draghi, dalle quali forse possiamo ricavare una certa comprensione di come il cervello dei mammiferi possa reagire male quando si risvegliano gli antichi draghi:

Prima mi hanno mostrato il pianeta Terra com'era eoni fa, prima che ci fosse vita su di esso. Ho visto un oceano, una terra sterile e un cielo blu brillante. Poi a centinaia di granelli neri caddero dal cielo e atterrarono di fronte a me nel paesaggio sterile. Ho potuto vedere che i "granelli" erano in realtà grandi, lucenti, creature nere con ali tozze simili a pterodattili ed enormi corpi simili a balene ... Le creature poi mi hanno mostrato come avevano creato la vita sul pianeta per nascondersi all'interno delle forme molteplici e mascherare così la loro presenza ... Ho iniziato a lottare contro il ritorno degli antichi, che stavo cominciando a sentire sempre più alieni e forse malvagi ... Sono riuscito a malapena a pronunciare una parola agli indiani: "Medicina!”. Li ho visti correre intorno a me per preparare un antidoto e sapevo che non potevano prepararlo in tempo. Avevo bisogno di un guardiano che potesse sconfiggere i draghi e ho cercato freneticamente di evocare un essere potente per proteggermi dalle creature rettiliane aliene. Uno apparve davanti a me; e in quel momento gli indiani mi hanno forzato ad aprire la bocca e mi hanno versato l'antidoto.” (Harner, 1990: 4-5)


Harner si riprese presto da questo incontro traumatico, e successivamente discusse l'esperienza con i missionari che sottolinearono la somiglianza dei rettili visionari con il "drago" del Libro dell'Apocalisse, capitolo 12. Harner discusse anche dei rettili intimidatori con un anziano sciamano che spiegò che questo era un comportamento tipico per quelle creature giganti simili a pipistrelli. Harner in ayahuasca incontrò entità malevoli, ma ricevette un salvataggio tempestivo. La velocità d'insorgenza e la frequenza delle visioni della DMT sono molto più veloci di quelle dell'ayahuasca. Se si incontrano ostilità visionarie ci sono poche possibilità che lo psiconauta ottenga assistenza esterna per intervenire nell'esperienza visionaria (ad esempio, fornendo una calma rassicurazione o migliorando in altro modo il "set" psicologico del soggetto). Contrariamente a quanto afferma Harner ciò che segue è un'infusione endovenosa ad alte dosi di DMT somministrata ad un volontario in un contesto clinico. La parte in grassetto è quella del volontario, la narrazione è quella di Rick Strassman:

A 14 minuti sembrando scosso, ma mantenendo un po 'di calma, ha iniziato a dire: C'erano due coccodrilli. Sul mio petto ... È stato terribile. La cosa più spaventosa che abbia mai visto in vita mia. Volevo chiedere di tenerti per mano, ma ero bloccato così fermamente che non potevo muovermi e non potevo parlare. Gesù! La sua esperienza era finita, quindi c'erano pochi consigli che potevo dare sul lasciar andare o sul cercare di superare i suoi aggressori rettiliani.” (Strassman, 2001: 252)

I due precedenti racconti descrivono le entità rettiliane mettendole in cattiva luce. Mi dispiacerebbe non menzionare il seguente resoconto di un incontro visionario positivo con un rettile alieno, in cui, tuttavia, il soggetto [37] aveva sniffato il DPT (Dipropyltryptamina) analogo alla DMT, piuttosto che fumare o iniettare DMT:

"L'esordio è stato rapido, la luce sembrava immergersi nel regno degli ultravioletti e la stanza quadrata si trasformava in una giostra girevole con profonde "crepe" nel tessuto del tempo (il tempo era dilatato nelle crepe). Il sangue nelle mie vene sapeva di liquirizia. Sono diventato consapevole degli alieni interdimensionali e sono diventato ansioso. Un amico mi ha rassicurato dicendo - E' proprio come l'ecstasy ... solo più cattiva! - A questo punto ho iniziato a divertirmi davvero. Ho comunicato con l'alieno più vicino (nero, fine, agile, femmina, rettile; usando hardware alieno nel suo mondo natale per raggiungere il contatto) ci siamo scambiati consapevolezza del corpo, ognuno danzando nella carne dell'altro. Wow.” Soggetto [37] (2001)

Gli psiconauti della DMT riportano comunemente anche visioni di insetti e, come per i rettili, queste entità sembrano essere eterogenee in termini di condotta ed intenti. Ho anche sentito notizie di persone che hanno preso l'ayahuasca in Australia (soggetti [6], [31] e [40]) che hanno avuto visioni terrificanti di essere divorati da piccoli insetti simili a gioielli con prominenti mandibole seghettate. Cinguettii simili a cicale, ronzii e suoni di schiocco a volte accompagnano queste visioni di insettoidi (va notato che queste esperienze sono state fatte nel bush dell'Australia orientale dove gli insetti orchestrano le sere d'estate e che l'ayahuasca aumenta la sensibilità al suono). L'insetto, in occidente, è un simbolo ambiguo e intermedio tra le tradizionali forme diaboliche e angeliche. Combinando elementi di entrambi, gli insettoidi DMT sono un amalgama fra dei demoni duri e squamosi (convenzionalmente rettili in accordo con l'idea del diavolo come drago o serpente) e il coro gloriosamente pigmentato, rapido ed aereo del paradiso. Le antenne ricordano le corna che sono caratteristiche dei diavoli. Eppure l'insetto non è né angelo né demone. Non è affatto umano. Non c'è pietà in quegli occhi composti; né c'è malizia. Il male e il bene sono sensazioni puramente umane. L'insetto è più simile alla tecnologia che abbiamo creato. Per la moralità degli artropodi, lo schiocco delle sue parti della bocca è come un codice binario applicato all'azione nutritiva. L'insetto, quindi, è il messaggero del sacrificio in un'era utilitaristica del relativismo morale totale: un processore quasi meccanico di carne iniziatica. La mantide, in particolare, collega l'idea di devozione religiosa (come implica la sua posizione di "preghiera") con l'idea di erotismo sadomasochistico, o forse l'erotismo della preda che costituisce il tema principale dell'erotismo di Bataille (1986). La mantide femmina è famosa per decapitare il maschio nel momento culminante dell'atto sessuale con i suoi avambracci seghettati e cibarsi del cadavere contorto del suo amante come un delizioso ristoro post-coitale. Questo trattamento disumano e amorale dell'amato delinea la mantide come un amalgama trascendente di Eros e Thanatos. La repulsione umana per le abitudini generative e dietetiche della mantide è catturata in un cartone di Gary Larson, in cui una mantide femminile rifiuta l'offerta di un vassoio pieno di snack con le parole "Oh, buon cielo, no, Gladys - non per me ... ho mangiato i miei piccoli solo un'ora fa”. La mantide è intellettualmente e moralmente aliena, eppure distinta da un atteggiamento religioso di contemplazione orante delle sue vittime. È un santo predatore. Il simbolismo della mantide esprime in modo eloquente il grande paradosso dell'esperienza numerica di Rudolf Otto, secondo cui l'intensità spirituale è allo stesso tempo affascinante, seducente e un tremendamente sbalorditiva. Le visioni delle mantidi DMT iniziarono a essere riportate a metà degli anni '90. La mantide si fa strada in una serie di visioni. Illuminated Adventures (Davis, Potenza, Frangipanni, e Rae, 1998), un libro prodotto a Mullumbimby, Australia, presenta poesia psichedelica ed arte di un certo numero di psiconauti e mistici locali e forse allude alla DMT, come sulla copertina posteriore dove c'è una fotografia di un'Acacia obtusifolia: la principale fonte di DMT in Australia, mentre le dediche all'interno del libro includono una a "cara madre albero" ("Dear Mother Tree" ndt), che ovviamente è l'acronimo di "DMT". Il personaggio della mantide compare in gran parte di questo testo e numerose illustrazioni di mantidi ed insetti dai colori vivaci e riccamente decorati adornano le pagine:

" SÌ; Sono una mantide.

Ecco i tasti per cercarti dentro e fuori.

Ti esprimo.

Apro il manto per estendere i tuoi orizzonti trascendentali

Ti vedo per il tuo vero sé ” (Davis, 1998: 5)


Figure 1 Mantises from “Illuminated Adventures” by Floyd Davis,Skeeta Power, Mango Frangipanni and Nina Rae (1998)


La mantide del libro Illuminated Adventures è un gerofante-arlecchino dinamico che conferisce amore e versa benedizioni dalle cornucopie ai mandala di integrità e integrazione psichica. Qui gli aspetti più angelici del suo personaggio sono in ascesa. “Insect God of the Mantoids” (2002) di John W. Allen (disponibile su Erowid) raffigura una mantide molto più austera e sinistra. Qui la mantide - seduta in una posizione meditativa - è una forma del divino come altro, un essere che supera le possibilità dell'umanità e porta la coscienza oltre i nostri abituali limiti, un idolo alieno e un guru dagli occhi di insetto. La mantide religiosa potrebbe anche aver svolto il ruolo di psicopompo nell'antica religione funeraria egiziana:

"Nel diciannovesimo Capitolo del Libro dei Morti viene menzionato un insetto chiamato Abit ... o Bebait ... che si dice che conduca il defunto nella "Casa del Re" e che lo porti "a vedere i grandi dei che sono negli Inferi” ; questa creatura probabilmente deve essere identificata con la mantide religiosa su cui sono presenti così tante leggende.” (Budge, 1969 [1904]: 378)

La mantide è associata in alcune visioni alla rivelazione trascendentale, ma non necessariamente come il gerofante che istruisce e guida, ma piuttosto come temibile protettore dei misteri, come nel seguente resoconto di una visione del 1975, che combina il simbolo del disco volante (che Carl Jung equiparava all'idea di Dio e all'archetipo del Sé) con quello delle mantidi:

Ha notato che proprio sopra di lei c'era un disco di luce e colore, un gigantesco assemblato simile ad un giocattolo composto da luce delicatamente incandescente, con connettori simili a gioielli che emanavano ogni colore. - Ho capito -, mi disse, che le relazioni dei luoghi, le loro lunghezze, i loro angoli l'uno con l'altro sono infinitamente complessi e anche l'incarnazione della perfetta verità. Vedendolo, capivo tutto ... ma c'erano creature dentro un veicolo, simili a delle mantidi e fatti di luce, che non volevano che io sapessi. Più osservavo il loro pannello di controllo, più capivo, più mi bruciavano con il loro raggio. Non riuscivo a smettere di guardare, ma stavo vaporizzando. Ti ho sentito venire a prendermi e, mentre mi portavi via ho pensato: - Spero che si affretti. Sto diventando una nuvola ... -" (McKenna, 1993b: 220)

Il simbolo della mantide ebbe un'ampia risonanza all'interno della comunità psichedelica e si presentò persino, insieme a piante carnivore stilizzate dei generi Nepenthes e Dionaea, su un volantino splendidamente aerografato per una grande festa, "Creation", tenutasi all'Arena in Brisbane nel 2000. Mentre le piante carnivore enfatizzavano l'aspetto predatorio della mantide, la qualità religiosa dell'insetto era accentuata da macchie di porpora episcopale e da una strana sporgenza chitinosa dell'esoscheletro sulla testa dell'insetto che assomigliava a una mitra vescovile o alla corona di Osiride . Questa confluenza di simbolismo non è unica per l'immaginazione religiosa psichedelica, ma è anche un tema sviluppato indipendentemente da qualsiasi droga psichedelica da M.C. Escher. In "Dream", un'incisione su legno del 1935, Escher raffigura uno scenario surreale incentrato su una mantide religiosa più grande della norma che si erge sulla forma di pietra di un vescovo morto scolpito nel coperchio del sarcofago di quel vescovo stesso ( Escher & Locher, 1971: 65).


M.C. Escher - "Dream"


Mentre un precedente studio di Escher sulla tomba del vescovo lo raffigura tra le catacombe, nel sarcofago in "Dream" giace sotto un portico che si apre su un cortile sotto un cielo notturno costellato di stelle. Dall'altra parte del cortile coperto di pietra lastricata si erge una struttura composta da due volte ad arco che si intersecano formando un incrocio con quattro ingressi. Questa congiunzione di quattro porte, possibilmente allineata con i punti cardinali, è posizionata al centro della composizione, una posizione che condivide con le parti anteriori della mantide, che gira la testa per guardare direttamente lo spettatore. L'immagine è del tutto enigmatica. Altrove nell'opera di Escher troviamo peculiari creature simili al millepiedi, sia come una moltitudine di millepiedi che si snodano e si dipanano attraverso l'architettura impossibile come nella serie "House of stairs” (1971: 112-113), o come un singolo millepiedi arrotolato in una striscia di Moebius (ricordando il serpente Uoroboros che si divora da sé).


Uoroboros


Il millepiedi si trova anche in una visione DMT che mi è stata segnalata da un informatore [7] che ha incontrato un millepiedi ondulato che stava cercando di esprimere o "comunicare" attraverso le sue rapide contorsioni che erano "una specie di linguaggio dei segni". Ugualmente enigmatici sono gli appartenenti alla prossima classe di entità da considerare: i pagliacci. Il personaggio comico o simil-clown è una figura che si trova molti rapporti di viaggi con la DMT. La parola "arlecchino" è stata usata da un certo numero di utenti DMT per descrivere esseri di colore molteplice, acrobatici, simili a Joker, molto simili al personaggio bizzarro della commedia italiana del 16 ° secolo. Qui abbiamo un'altra curiosa congiunzione di significati: la variante liminale, totalmente diversa del clown con distintivi, variegati, colori vivaci, che alternano triangoli o motivi diamantati molto simili alle 'costanti di forma allucinatoria', simili a scacchiere (Klüver, 1966), ai "fenomeni entoptici" dell'arte paleolitica (Lewis-Williams & Dowson, 1988). Va notato che questo non è il costume originale di Arlecchino, ma rappresenta un raffinamento postumo dell'abito sfilacciato originale (Halliday, 1863). Le origini religiose e demoniache di Arlecchino sono suggestive, il nome deriva dal francese antico Herliquin, Helliquin, capo di una truppa di demoni che cavalca di notte, probabilmente tratta dall'inglese antico "Herla cyning", re Herla, una figura mitica che è stata identificata con Woden (Wotan, Odino)” (Morris, 1975: 601).

Il mondo visionario della DMT sembra pieno di personaggi simili a clown, come riportato qui da un volontario di una ricerca medica dopo un'iniezione:

Erano come pagliacci o burloni o giullari o imbroglioni. Erano così tanti e facevano la loro piccola cosa divertente”(Strassman, 2001: 192)

Uno psiconauta di Brisbane, in Australia, ha riferito di essersi trovato in presenza di un essere simile a un pagliaccio dopo aver fumato DMT:

“… Sono in una specie di scatola (non una bara). Galleggia sopra di me l'essere più strano che abbia mai visto. Sembra androgino e indossa un lungo abito bianco o una tunica. Ha i capelli biondi e freddi raccolti in un mucchio sopra la sua testa. Gli occhi sono di un blu intenso. Ho la sensazione che sia più maschio che femmina, quindi mi riferirò quindi a "lui". Ha uno sguardo folle sul viso e inizia a lanciarmi delle stelle! Stanno volando su di me e atterrando su entrambi i lati, raccogliendosi in pile tra me e i lati della scatola poco profonda. Sono stelle molto colorate, un po 'metalliche. Mi sta solo lanciando stelle e ridendo. Non si sente malevolo, solo birichino. Mi ricorda un pagliaccio.” Informatore [10] (2006)


Spesso nelle visioni un aspetto comico o infantile compensa paradossalmente alcuni argomenti trascendentali gravi o seri, come con la sensazione di "subire un elettroshock" dai "pagliacci con la faccia da teschio" (Turner 1994: 55), le visioni di "...l'Eone [è come] un bambino che gioca con palline colorate” (McKenna 1991: 36), oppure il racconto di soldati simili a cartoni animati distruttivi per l'ambiente, come indicato in un report scritto da una donna di 34 anni in un“ viaggio spirituale ”, in cui ha usato DMT nel 1996:

Sono in un contesto molto ambientale. Terrorismo nell'ambiente umano. Ego maschile distruttivo, piccole entità simili a personaggi dei cartoni animati, cadetti spaziali, mostri pelosi X con soldati macho armati con vecchie pistole a pompa che fanno esplodere le cose ecc. Coloratissimi, entusiasti in rapido movimento continuo ... Questi piccoli ragazzi non erano spaventosi perché erano felici e in mostra. Divennero fastidiosi perché non mi avrebbero lasciato in pace. Mostrando la loro distruttività ... Nelle ultime fasi dell'esperienza, visto che ero piuttosto stanca, mi sono rilassata con un bagno caldo. Focalizzata sulla respirazione sono diventata consapevole che la respirazione è una scelta. Sento questo potenziamento liberarsi momento per momento. Molto intenso, molto presente. Sicuramente è stata un'esperienza adatta per chi cerca, non per chi si vuole solo divertire” Soggetto [42] (2002)


Un'altra categoria comune di esseri incontrati dagli utenti DMT è l'alieno, nel senso contemporaneo della parola. Vedere "piccoli uomini verdi" è ovviamente ampiamente considerato un sintomo cliché di incompetenza mentale ed è interessante notare, come ha fatto Erich Fromm (1971: 121), che l'alienazione significava pazzia non molto tempo fa e che secondo Hegel e Marx la maggior parte delle persone oggi soffre di alienazione a vari livelli, vale a dire, sperimentano se stessi come non se stessi (sicuramente, ciascuno in misura diversa), ma piuttosto come qualcuno (una persona falsa) o qualcosa (un ruolo o una funzione). Quindi chi o cosa sono questi alieni DMT? Carl Jung (1959) era dell'opinione che i dischi volanti fossero un fenomeno psicologico, indipendente da qualsiasi grado di realtà oggettiva che potevano possedere, una posizione che sembra essere supportata dalla tendenza della DMT a indurre visioni di astronavi e alieni. Alcuni ricercatori si sono spinti al punto di proporre che gli UFO e i rapimenti alieni, insieme alle esperienze di pre-morte e alla maggior parte delle esperienze mistico-religiose siano causate da una stimolazione elettrica insolita, ma naturale, del lobo temporale (Persinger, 1987, 1989). Rick Strassman (2001) ha provvisoriamente postulato un'ipotetica sovrapproduzione di DMT endogena come possibile spiegazione di "incontri ravvicinati". Indipendentemente dall'eziologia, le esperienze di contatto con gli UFO si sovrappongono in alcuni dei loro particolari simbolici con esperienze estatiche di natura religiosa, in modo da poterle considerare para-religiose:

L'esperienza di rapimento è una condensazione di strano e sconosciuto. Come gli incontri con l'Altro, i rapimenti UFO sono essenzialmente religiosi. L'umanità sembra separare in modo innato il prosaico dal non familiare e il sacro dal profano. Le cose che non rientrano nelle definizioni dell'umanità familiare tendono diventare sacre. Il sacro, il numinoso, è ciò che è "completamente altro", completamente al di là dell'esperienza umana come normalmente considerata. I rapimenti da parte di alieni rientrano sicuramente in quella categoria e questa è forse la ragione della tendenza dei rapiti a interpretare le loro esperienze all'interno di una sorta di quadro religioso.” (Whitmore, 1995: 79-80)

Rick Strassman, che ha condotto la ricerca biomedica approvata dalla DEA somministrando DMT a volontari umani negli Stati Uniti tra il 1990-1995, traccia uno stretto confronto tra le esperienze di rapimento di UFO e le esperienze di incontro riportate dai suoi soggetti. Entrambe le esperienze iniziano spesso con una luce intensa, seguita da una particolare sensazione fisica come ronzii e formicolio ad alta frequenza che sembrano penetrare nelle cellule o addirittura far vibrare gli atomi stessi del soggetto. Questo è seguito da paralisi, impotenza o torpore, occasionalmente esperienze fuori dal corpo, intuizioni mistiche o filosofiche e confronto con entità così inaspettate o bizzarre da indurre uno stato di shock da lieve a grave. Le entità istruiscono o studiano il soggetto, talvolta eseguendo esami medici, psicologici o scientifici (dissezione, intrusione, suscitare metodicamente risposte emotive o prelevare campioni dal corpo del soggetto), la comunicazione intuitiva o telepatica è comune; spesso c'è qualche perdita di memoria. A volte viene eseguita la guarigione. La gamma di forme di vita si estende da umanoidi, rettili, insetti, campi di energia senzienti, robot e così via. Il senso dell'odissea nello spazio che la DMT può talvolta suscitare è illustrato dal seguente resoconto:

C'era una stazione spaziale sotto di me e alla mia destra. C'erano almeno due presenze, una su entrambi i lati, che mi guidavano su una piattaforma. Ero anche a conoscenza di molte presenze all'interno della stazione spaziale: automi, creature simili ad androidi che sembravano un incrocio tra manichini e le truppe dell'Impero di Star Wars tranne per il fatto che erano esseri viventi, non robot. Sembravano avere schemi a scacchiera su una parte dei loro corpi, in particolare sulla parte superiore delle braccia.” (Strassman, 2001: 189)

A volte l'addotto o lo psiconauta che usa DMT sentono una connessione speciale con uno degli alieni. Strane tecnologie e visite a mondi alieni sono riportate sia nelle visioni da DMT che nei rapimenti alieni. Entrambi i tipi di esperienza sono spesso descritti come iperrealisti piuttosto che onirici o allucinatori. Entrambi i tipi di esperienze possono lasciare un'impressione fortemente "trasformativa o spirituale" (Strassman, 2001: 219) ai soggetti e la paura della morte viene talvolta ridotta notevolmente, il che implica forse un'affinità non mappata tra i territori alieni e quelli della morte. Strassman compie il passo logico successivo e ipotizza che, poiché esiste una correlazione nota tra le visioni DMT e i recettori 5HT 2A, potrebbe esserci anche una base neurologica simile per i rapimenti alieni, una spiegazione elegantemente semplice e che si adatta perfettamente ai modelli scientifici, ma che, sfortunatamente, è improbabile rompa il ghiaccio con le persone che affermano di essere state rapite dagli alieni. Ho suggerito l'ipotesi a un giovane che ha affermato di aver avvicinato un UFO e si è arrabbiato perché, secondo lui, non credevo che la sua esperienza fosse oggettivamente reale. Naturalmente, tutte le esperienze sono mediate dai neurotrasmettitori e quindi sono esperienze soggettive e in questo le neuroscienze confermano ampiamente i principi dell'idealismo filosofico su cui si fondano i metodi della fenomenologia; ma è importante fare la distinzione perchè gli utenti DMT non hanno la stessa probabilità di insistere sul fatto che le loro esperienze possano essere confermate da un osservatore.


Gli alieni incontrati in DMT non sono necessariamente extraterrestri, ma forse potrebbero essere descritti come ultradimensionali. Sebbene gli psiconauti riferiscano d'incontrare sicuramente esseri di altri mondi e viaggino su altri pianeti mentre sono sotto l'influenza della DMT, le entità sembrano provenire anche da mondi separati dai nostri in modi più esoterici, sia per "vibrazione", "frequenza", strani "angoli", o altre stranezze della fisica. Alcuni utilizzatori della DMT hanno razionalizzato questi cambiamenti percettivi come differenze quantistiche tra le proprietà fisiche della DMT rispetto al più comune ligando recettoriale della serotonina. Hanno sperimentato un Umwelt alieno in virtù dei loro strumenti di percezione modificati. Alcuni alieni sono estremamente estranei: tanto fatati quanto alieni. Questi esseri sono descritti in vari modi come "tykes", "elfi", "folletti" e "bambini". Di solito sono intensamente curiosi, gioiosi, spesso lucenti, amichevoli e spesso appaiono dolci e innocenti. Si dice che giochino in un mondo pieno di giochi e macchine stravaganti. Sebbene spesso simili a bambini, cambiano forma continuamente e sembrano naturalmente più selvaggi, stupefacenti e sconcertanti:

È completamente paradigmatico. Voglio dire, sai, l'unione con la luce bianca che potresti gestire. (risate) Un'invasione del tuo appartamento da parte di palloni da basket auto-dribblanti dall'iperspazio che parlano greco demotico *non* è qualcosa che hai anticipato e che potresti gestire.”(McKenna, 1992b)

Concludo questa sezione con un'analisi di una composizione intitolata "DMT" di Danny Gomez (vedere la Figura 2 di seguito). Il dipinto incorpora una serie di elementi che ricorrono in altri resoconti delle esperienze con la DMT, inclusi alcuni motivi altamente specifici che saranno esaminati più dettagliatamente nella sezione successiva. Di particolare interesse è la gamma di modi in cui viene trattato il simbolo dell'occhio. Nel centro superiore del dipinto c'è una grande farfalla o un insetto simile a una libellula - questo motivo si presenta anche in un altro dipinto "Diosa Madre Tierra" (2003) di Carey Thompson, che tratterò più dettagliatamente in seguito. La libellula nella pittura di Gomez ha motivi a forma di occhio sulle ali e tutta la sua faccia è un unico grande occhio che fissa direttamente il pittore/spettatore - questo occhio è il principale punto focale nella composizione. Intorno a questo insetto, su uno sfondo quasi nero, c'è un serraglio di esseri dipinti con linee molto fluide, come se fossero in procinto di varie metamorfosi.


Figure 2 “DMT” (2002) by Danny Gomez


Uccelli simili ad una colomba congiunti fra loro formano le zampe di un essere verticale la cui testa ricorda un pappagallo scheletrico con una bocca simile ad un artiglio e che produce una bolla di qualche tipo dalle ventose all'estremità delle dita. Altrove occhi sporgenti generano macabri orifizi foderati di zanne. Una figura umanoide dinamica in primo piano scuote la criniera e alza il braccio con enfasi verso il cielo, o forse verso la libellula. Questo umanoide ha, oltre a una serie regolare di occhi, un grande terzo occhio che copre gran parte della sua fronte. Le gambe dell'umanoide hanno organi peculiari che sembrano coinvolgere idraulicamente protesi di qualche tipo: forse lei/lui è una specie di "cyborg" - dopo tutto, c'è un certo sapore di fantascienza in molte esperienze DMT. La gamba destra della figura si trova in un cilindro vorticoso di energia. Tre dei miei informatori hanno riportato vortici e si verificano anche in un'altra immagine. Due figure a testa larga con estensioni del braccio a forma di falce si trovano nel cilindro rotante e sembrano avere le gambe unite. Altre figure sono, per me, troppo ambigue per tentare la descrizione, ad eccezione di due volti che sono straordinari. Il primo di questi ha una bocca ampiamente in una smorfia dove mostra molti denti rettangolari ampiamente distanziati. Gli occhi sono interessanti in quanto vi è una seconda serie di occhi immediatamente sopra l'insieme regolare di due occhi comuni alla maggior parte dei vertebrati. La seconda faccia è blu con quella che mi sembra la metà superiore di un feto di lama che si proietta dalla corona della sua testa, ma per il resto è un volto umano, tranne per il fatto che ha due serie aggiuntive di occhi e sopracciglia direttamente sopra: ci sono sei occhi in totale, che formano tre serie parallele. Questo è intrigante come simbolo a sé stante, ma più notevole in quanto è un'immagine altamente specifica che si presenta anche in un'immagine apparentemente non correlata alla DMT. Affronteremo questo strano volto più da vicino nella prossima sezione, ma in primo luogo potrebbe essere necessaria una revisione della rappresentazione dei volti nell'arte DMT.


Link all'originale