EXARCHIA OCCUPATA MILITARMENTE DALLA POLIZIA

EXARCHIA OCCUPATA MILITARMENTE DALLA POLIZIA

Auroraccblog


Il famoso quartiere ribelle e solidale di Atene è completamente circondato da un ingente spiegamento di forze di polizia: molti autobus del CRS (MAT), jeep della polizia antiterrorismo (OPKE), soldati (DIAS), membri dei servizi segreti (asfalitès), così come un elicottero e diversi droni.

Un luogo unico in Europa per la sua alta concentrazione di squat e altri spazi autogestiti, ma anche per la sua resistenza contro la repressione e la sua solidarietà con i precari e i migranti, Exarcheia è nel mirino del governo di destra fin da quando è stato eletto lo scorso 7 luglio. Il nuovo primo ministro Kyriakos Mitsotakis ne aveva fatto una questione personale, soprattutto perché era stato deriso all'inizio di agosto per non aver raggiunto il suo obiettivo di "pulire Exarcheia in un mese", come aveva annunciato con grande clamore.

Questa mattina sono stati sgomberati 4 squat: Spirou Trikoupi 17, Transito, Rosa de Fon e Gare. L'offensiva riguarda attualmente la parte nord-occidentale del quartiere, con la notevole eccezione dello squat Notara 26, considerato più autodifeso e simbolicamente molto importante per il quartiere, in quanto è il primo squat storico della "crisi dei rifugiati" nel centro di Atene.

Ad ora sono fatti circa 100 arresti e si reprimono con attacchi brutali le persone che cercano di filmare l’operazione. Solo i media mainstream al servizio del governo sono autorizzati a coprire mediaticamente l'evento.

In totale, ci sono 23 squat a Exarcheia in aggiunta ad altri 26 vicini al quartiere, per un totale di 49 squat concentrati in un'area relativamente piccola. 49 squat a cui si aggiungono altri tipi di posti autogestiti, alcuni dei quali in affitto (Espace Social Libre Nosotros, negozio gratuito Skoros, etc.) e decine di appartamenti in cui abitano gruppi di militanti, spesso vicino a delle terrazze per consentire il passaggio al di sopra le strade.

Degli squat che si trovano proprio all'interno di Exarcheia, 12 sono squat abitativi per rifugiati e migranti e gli altri 11 sono squat di collettivi politici anarchici e antiautoritari (anche se la maggior parte degli squat dei rifugiati sono ovviamente molto politici, a cominciare da Notara 26 e Spirou Trikoupi 17 organizzati in assemblee dirette e con molti legami con il resto del movimento sociale).

Negli squat di Spirou Trikoupi 17 e Transito (ora murati dai servi del potere), più di 15 bambini sono stati strappati ad un'esistenza pacifica e felice per essere improvvisamente mandati in dei campi. Questi campi sinistri sono malsani e sovraffollati, in cui i migranti sono malnutriti e soffrono temperature folli, umiliazioni e talvolta torture. Mitsotakis chiede che tutti i migranti e rifugiati vi vengano adeguatamente rinchiusi e, in futuro, completamente isolati dal resto del territorio.

Il volto dell'Europa sta diventando sempre più duro, come sta accadendo anche in altri continenti. Questa evoluzione sempre più autoritaria del capitalismo ci porta a mettere in discussione ciò che l'era attuale preannuncia: l'offensiva contro le sacche di utopie e il confinamento dei capri espiatori ricorda tempi bui della storia.

Il mondo intero sta diventando fascista e la Grecia ne è, ancora una volta, uno dei laboratori.

Ma non è finita. Settembre sta arrivando. I lavori stagionali stanno finendo. Il movimento sociale si raccoglie e si organizza di nuovo. Luoghi come Notara 26 e K*Vox sono sotto alta sorveglianza. Le risposte sono in fase di preparazione, così come diversi grandi eventi di mobilitazione. L'autunno sarà caldo ad Atene.

Resistenza!

Yannis Youlountas



#exarchiaresist #aurora #atene #exarchia #solidarity