ESPLORANDO GLI INCONTRI CON ENTITÀ ENTEOGENE

ESPLORANDO GLI INCONTRI CON ENTITÀ ENTEOGENE

Anton Bilton - Traduzione: Benway

Entità, Dio, gli alieni ... non sono certamente nuovi per noi umani. Per millenni l'uomo ha comunicato con questi esseri e le nostre principali religioni, sbagliate o no, si basano su queste comunioni. Oggi siamo tecnologicamente avanzati e possiamo esaminare queste visite con maggiore intensità rispetto ai nostri antenati. Possiamo creare esperimenti che provocano la comunione, che ci permettono di vedere la correlazione nelle esperienze, di raccogliere prove, di chiedere alle entità risposte, per accedere ai loro regni e per agire secondo i loro consigli.  Per me questo è il lavoro più importante che possiamo fare. Perché spendere miliardi con la NASA nella ricerca della vita extraterrestre quando possiamo spendere molto meno e sperimentare presenze senzienti attraverso pratiche di espansione della coscienza alternativa, come hanno fatto i nostri antenati?

A cosa serve la vita? Riteniamo un corpo biologico e materiale un imperativo. Tuttavia, il nostro sé cosciente può esistere ben oltre la sua occupazione del nostro corpo. In un modo o nell'altro molte persone credono che questo sia vero. Una notte, viaggiando nell'astrale provocato da un momento particolarmente sacro di una cerimonia, dalla mia bocca uscirono spontaneamente parole di umile gratitudine: "Grazie per la mia esistenza". Mi ha scioccato. Non la mia vita; ma la mia ... esistenza; e ho visto la differenza. Ho avuto molte esperienze di entità, la prima fu in una fase molto triste e difficile della mia vita quando avevo quindici anni. È arrivata senza essere provocata, a metà mattina durante una pausa scolastica e in un modo Saul-on-the-road-to-Damascus, ed è stata l'esperienza più profonda della mia vita.  Ha suscitato il mio interesse per questi messaggeri dagli dei e da allora ho trascorso gran parte del mio tempo al di fuori dei miei affari e problemi familiari cercando modi per contattarli. A volte sono benigni, a volte apatici e talvolta malevoli. Ma la percezione è tutto e spesso ciò che uno percepisce come demoniaco è anche il più grande insegnante. Temere di meno ed essere senza paura sembra essere la chiave per capire. Un esempio di ciò fu quando un demone mostruoso, cornuto, alto dieci piedi, con enormi muscoli che si increspavano sotto la sua pelle rossa e coriacea, mi urlò:

"Tu, fottuto umano, pensi davvero che vada così? ... Sei così dannatamente arrogante. Lascia che te lo dica; proprio come una formica è Dio per un'ameba, come un cane è un Dio per una formica, come un uomo è un Dio per un cane, allora questo succede in molti, molti più strati dall'uomo prima che si raggiunga la Divinità.  La formica può distruggere l'ameba; il cane può pisciare su tutto il nido delle formiche, l'uomo può tagliare la gola del cane e io posso ucciderti. In questo ordine, è così semplice.  E sì, alla fine c'è la Mente Cosmica; pura coscienza, il "Dio" di tutto e siamo tutti Uno, ma tra questo e te ci sono strati e strati di ciò che chiami Dei e io sono solo uno di quelli.  Gli antichi egizi, i greci, i romani, tutti i pagani; avevano ragione nelle loro credenze multi-Dio ma tu, tu hai sbagliato tutto con la tua singola teoria di Dio. Ora lascia che ti mostri cosa faccio come distruttore."

Mi rivoltò completamente e mi fece volare via attraverso un cielo di pianeti per vedere il caos che Shiva aveva scatenato. Wowzers! Un'introduzione al concetto di "stratificazione" che non solo sembrava più reale che reale, ma ha anche modificato l'intuitivo pulsante "verità" che giace nel proprio intestino. "Stratificazione"; livelli diversi di esseri intelligenti molto più evoluti di noi. Dei! Non Dio. Strati di divinità. Alcuni più potenti di altri. Tutti più potenti di noi. Eppure tutti, in qualche modo, alla fine o nel sempre presente ora, tutt'uno con la mente cosmica di tutti.

Cos'è che fa sentire così reali questi insegnanti demoniaci ed i loro sermoni? La loro malvagità percepita e la nostra risposta alla paura associata sembrano intenzionalmente progettate per scuotere uno dei giudizi basati sull'ego ed aiutare uno a muoversi nello stato di testimonianza senza paura.

Cos'è in tutti gli incontri di entità che rende l'incontro così profondo?  Che si tratti di una visione profetica, un'esperienza di quasi morte; un rapimento alieno o un viaggio di medicina vegetale/psichedelica investigativa, l'interazione con una presenza senziente alternativa o un'entità è sempre in grado di sorprendere. Dalle minuscole "infermiere" volanti simili a delle fate, fino agli angeli traslucidi; illuminazioni geometriche; figure di plastica senza volto bidimensionali; serpenti; esseri vegetali; giaguari; alieni grigi; elfi meccanici; umanoidi dalla fronte enorme dalla bocca piccola; succubi sexy; piante simili a coralli; giganti scheletrici; fiamme ardenti blu; fino al furioso demone carnale incontrato sopra, queste entità sono intenzionali, autonome e intelligenti. Sanno cosa stanno facendo.

A mio avviso gli alieni e le entità che vediamo oggi sono gli Dei dei nostri antenati, ed è solo la nostra maggiore comprensione della tecnologia che fa la differenza, poiché la tecnologia di oggi è la magia degli anni passati. Proprio come i Conquistadores erano percepiti come divinità dagli indiani, così tutte le descrizioni di divinità e alieni risiedono unicamente nell'onniscienza percepita dall'osservatore. Se sono percepiti come onniscienti, allora sono un Dio; Se c'è qualche idea di possibile vulnerabilità sono un alieno. Potremmo passare tutto il giorno a discutere sull'esistenza o meno di queste entità. Sono state reali per me come io sono reale per me stesso mentre sono seduto qui a scrivere questa prefazione. Certo, forse, il senso della mia stessa realtà potrebbe essere fuori luogo, ma questo sarà discusso più avanti in questo simposio quando ascolteremo idee sulla natura della realtà soggettiva e il nostro posto al suo interno.  Per ora seguiamo il flusso. L'uomo ha cercato la comunione con il suo creatore o i suoi servitori da tempo immemorabile. Le scritture religiose e i libri di storia sono pieni di incontri con entità.  Probabilmente non c'è una persona sulla terra che non abbia avuto o che conosce qualcuno che abbia percepito la presenza di un'entità di un tipo o di un altro. Loro sono qui! E non è altro che la nostra mancanza di un'indagine senza paura sulla loro esistenza e scopo che ci sta trattenendo dalla piena comunione. Nient'altro che la loro stessa complicità.


Sono benevoli, malevoli; interessati; disinteressati o semplicemente vogliono condividere il palco? Forse siamo noi dal futuro; umani altamente evoluti che hanno dominato il tempo e lo spazio e stanno ritornando nel tempo in una forma eterea non materiale per influenzare il nostro sviluppo. Forse sono Dei e angeli che realizzano i desideri del loro Creatore. Forse sono una specie aliena alternativa super sofisticata che ci osserva scientificamente nel laboratorio che chiamiamo Terra così come osserviamo le nostre sottospecie nei laboratori e negli zoo. Forse sono agricoltori pronti al raccolto! Data la vastità dell'universo sembrerebbe ridicolo non accettare la possibilità di altre entità viventi e che la loro forma potrebbe essere tanto diversa dalla nostra quanto lo siamo noi per alcune delle creature viventi sulla nostra stessa terra. Basta confrontarsi con una medusa gigante o il più piccolo dei batteri. Siamo intrappolati per sempre dai nostri sensi e dai confini percepiti del nostro ambiente temporale e spaziale.


E se esistessero universi paralleli e l'accesso tra questi universi e il nostro fosse dominato da esseri non vincolati da corpi materiali? Se la materia è solo il brufolo sulla pelle dell'esistenza, allora immagina la libertà quando non vincolata dai suoi limiti. Immagina la libertà di operare nello spazio; mente-spazio. 


Così; Dove siamo adesso? Gli antichi fecero ogni sforzo per comunicare con queste entità; non c'era lavoro più grande che dedicare la propria vita al sacro focus della comunione con gli Dei ed i loro emissari.


Il monoteismo ha messo fuorilegge queste pratiche con pene di morte. Lo scientismo riduzionista li ha ridicolizzati (eppure, stranamente, la scienza accetta la nozione dei sogni senza prove empiriche). Ma troppe persone avvertono presenze. Che si tratti di default o di preghiera. Troppe persone sanno che sono lì nell'ombra. Il nostro ruolo è accendere coraggiosamente questo processo, non con dogma né giudizio, ma con un'indagine di mentalità aperta come i grandi esploratori del passato. Dopotutto, sicuramente, quegli avventurieri che hanno navigato su galeoni oltre l'orizzonte apparentemente piatto alla ricerca di un nuovo mondo non possono essere più coraggiosi del nostro esploratore della coscienza sperimentale che prende una dose eroica di DMT per via endovenosa o un cuore che interrompe le sue pulsazioni con un'iniezione di fenobarbital per effettuare 60 secondi di NDE prima della rianimazione! Dobbiamo esplorare questa area. Dobbiamo testare ogni condotto e percorso a nostra disposizione. Dobbiamo ascoltare le persone che hanno contatti, dobbiamo cercare correlazioni nelle comunioni e nelle visite. Dobbiamo essere di mentalità aperta e speriamo non cinici. Per quello che può essere più importante della comunione con intelligenze senzienti alternative come cercare una soluzione quando la nostra intelligenza ci sta portando alla distruzione ecologica. Gli antichi lo sapevano e comunicavano direttamente per cercare un consiglio. Dobbiamo resuscitare questo processo, oggettivamente e con riverenza, rispetto e mente aperta. Sono questi pensieri che mi hanno spinto a lavorare con David Luke e Rory per stabilire il simposio su Ententiogenic Plant Sentience e Divine Molecule Talks at Tyringham, dove grandi menti scientifiche senza paura potrebbero condividere teorie su cosa potrebbero essere queste entità e da dove potrebbero provenire. Spero che le spiegazioni e le idee potranno essere sorprendenti, rinfrescanti e strabilianti.

È tempo di accettare che qualcosa stia succedendo ... e poi umilmente chiedere aiuto.


Link all'originale