Conferenza stampa di patologia: decesso per vaccinazione / componenti non dichiarati dei vaccini Covid-19 e corpi estranei rilevati - Parte 1

Conferenza stampa di patologia: decesso per vaccinazione / componenti non dichiarati dei vaccini Covid-19 e corpi estranei rilevati - Parte 1

L'Ancora


Il 20 settembre 2021 si è svolta una conferenza stampa dell'istituto patologico di Reutlingen, in Germania.

I patologi Prof. Dr. Arne Burkhardt e Prof. Dr. Walter hanno presentato i risultati delle autopsie di otto persone decedute in seguito a vaccinazione COVID-19.

In aggiunta, sono state presentate nuove analisi microscopiche di un gruppo di ricerca austriaco sugli ingredienti dei vaccini.

A seguire una sintesi dei punti salienti. Tutte le slide in questo articolo sono tratte direttamente dalla videoconferenza.


Link e riferimenti

L'intera videoconferenza, censurata quasi subito da Youtube, è visionabile in lingua originale a questo link:



A questo link la videoconferenza in italiano
Link originale presentazione Prof. Dr. Arne Burkhardt "Causa di decesso secondo vaccinazione Covid-19
Link file tradotto automaticamente presentazione Prof. Dr. Arne Burkhardt "Causa di decesso secondo vaccinazione Covid-19
Link originale "Componenti non dichiarati dei vaccini COVID-19 - Analisi di microscopia elettronica a scansione da un'università tedesca
Link file tradotto automaticamente "Componenti non dichiarati dei vaccini COVID-19 - Analisi di microscopia elettronica a scansione da un'università tedesca
Link sito Conferenza di patologia

Prof. Dr. Arne Burkhardt

Il Prof. Dr. Arne Burkhardt guarda indietro a molti anni di insegnamento presso le università di Amburgo, Berna e Tubinga, nonché alle cattedre ospiti/visite di studio in Giappone (Nihon University), USA (Brookhaven National Institute), Corea, Svezia, Malesia e Turchia. Ha diretto l'Istituto di Patologia di Reutlingen per 18 anni e poi ha lavorato come patologo . Il Prof. Burkhardt ha pubblicato oltre 150 articoli in riviste specializzate e come contributi a manuali. Ha anche certificato istituti patologici.


Prof. Dr. Walter Lang

Il Prof. Dr. Walter Lang ha lavorato come patologo alla Hannover Medical School dal 1968 al 1985. In seguito, ha diretto un istituto privato di patologia ad Hannover, da lui fondato, per 25 anni, specializzandosi in patologia dei trapianti, citologia extraginecologica, tumori della tiroide, patologia polmonare/pleurica. Ha effettuato diagnosi di consultazione per 12 grandi cliniche polmonari e ha eseguito esami di patologia epatica per numerose cliniche. Nel periodo 1985-2020 ha eseguito esami di consultazione per il dipartimento di patologia della clinica polmonare di Herner.


Prof. Dr. Werner Bergholz

Il Prof. Dr. Werner Bergholz è un ex professore di ingegneria elettrotecnica con un focus sulla qualità e la gestione del rischio presso l'Università Jakobs di Brema. Prima della sua nomina, il Prof. Bergholz ha lavorato per 17 anni nella gestione della produzione di chip alla Siemens.


Alla conferenza stampa saranno presentati anche i risultati dell'analisi dei campioni di vaccino COVID-19 da parte di un gruppo di ricerca austriaco, che coincidono con le scoperte di scienziati del Giappone e degli Stati Uniti. Nel vaccino sono stati trovati componenti contenenti metallo non dichiarati. Visivamente, i componenti dei vaccini si distinguono per la loro forma insolita.

I risultati degli studi portano a pretese legali e politiche, così ad esempio, quella per la raccolta immediata di informazioni da parte delle autorità per poter valutare il rischio per la salute della popolazione rappresentato dai vaccini COVID-19. Per esempio, i segnali precoci di compromissione della fertilità dei vaccinati possono essere controllati consultando i registri della FIV. Attraverso il registro delle malattie da cancro, può essere acquisita la conoscenza sullo sviluppo del cancro a causa delle modifiche genetiche dell'RNA virale. Dovrebbe essere presa in considerazione la sospensione delle vaccinazioni COVID-19.




10 autopsie, 8 valutazioni - Slide tradotta in inglese
  1. Donna 82 anni, vaccinazione Moderna (1a e 2a dose) > deceduta 37 giorni dopo l'iniezione
  2. Uomo 72 anni, vaccinazione Comirnaty (1a dose) > deceduto 31 giorni d.i.
  3. Donna 95 anni, vaccinazione Moderna (1a e 2a dose) > deceduta 68 g.d.i.
  4. Donna 73 anni. vaccinazione Comirnaty (1a dose)
  5. Uomo 54 anni, vaccinazione Janssen (1a dose) > deceduto 65 g.d.i.
  6. Donna 55 anni, vaccinazione Pfizer-BioNTech (1a e 2a dose) > deceduta 11 g.d.i.
  7. Uomo 56 anni, vaccinazione Comirnaty (1a e 2a dose) > deceduto 8 g.d.i.
  8. Uomo 80 anni, vaccinazione Pfizer-BioNTech (1a e 2a dose) > deceduto 37 g.d.i.
  9. Donna 89 anni, vaccinazione sconosciuta (1a e 2a dose) > deceduta ca. 6 mesi d.i.
  10. Uomo 62 anni, vaccinazione tipo e dosi sconosciuti > deceduto 20 g.d.i.


Sommario - testo tradotto in inglese

Decessi associati a vaccinazione Coronavirus

  • Associazione molto probabile > 5
  • Associazione probabile > 2
  • Associazione non chiara / possibile > 1
  • Correlazione piuttosto coincidente > 1
  • Non ancora valutato > 1
testo tradotto in inglese

Principali risultati

  • tipico per infezione virale
  • macroscopicamente difficilmente riconoscibile
  • istologicamente spesso erroneamente interpretato come infettivo (granulociti!)
  • tipicamente piccola focale-multifocale, quindi spesso non rilevata
  • effetto sulla capacità di pompaggio (attenzione: peso cardiaco critico)
  • insufficienza cardiaca dell'organo del ritmo quando il sistema di conduzione è interessato; "morte cardiaca improvvisa", rilevamento difficilmente possibile (circa 15.000 sezioni)

Tessuto con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Il tessuto è infiammato. Esempio 1.

Tessuto con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Il tessuto è infiammato. Le fibre muscolari vengono distrutte. Esempio 2.


Tessuto con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Il tessuto è infiammato. Esempio 3.


Tessuto con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Il tessuto è infiammato. Linfociti allineati. Esempio 4.


Tessuto (epicardio) con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Il tessuto è infiammato. Esempio 5.


Tessuto (epicardio) con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Il tessuto è infiammato. Esempio 6.


Alveolite con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Il tessuto è infiammato. Esempio 7.


Effetti collaterali sospetti - testo tradotto in inglese


Sospetti effetti collaterali del vaccino coronavirus con potenziali conseguenze fatali:

  • fenomeni autoimmuni (attacco self-to-self)
  • riduzione della capacità immunitaria
  • influenzatore sulla crescita del cancro
  • danno vascolare "endotelite", vasculite, perivasculite
  • aggregazione di eritrociti


Distacco di cellule endoteliali dalla parete del vaso. Esempio 1.


Distacco di cellule endoteliali dalla parete vasale. Esempio 2.


Eritrociti agglomerati all'interno di un vaso. Trombosi. Esempio 1.


Eritrociti agglomerati all'interno di un vaso. Trombosi. Esempio 2.


Vaso con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Esempio 1.


Vaso con infiltrazione linfocitaria. (Punti blu: linfociti). Esempio 2.


Corpi estranei, contaminanti, adiuvanti nel vaccino. Esame microscopico di particelle di natura sconosciuta. Esempio.


Corpi estranei nel tessuto polmonare infiammato. Simile all'embolia del midollo osseo dopo frattura ossea. Sono visibili cellule giganti infiammatorie.


Tessuto polmonare altamente infiammato con un corpo estraneo.


Immagine al microscopio in campo oscuro del tessuto con il corpo estraneo. Il corpo estraneo è del vaccino?


I problemi con la registrazione degli effetti collaterali in seguito a decesso post vaccinazione

Registrazione degli effetti collaterali della vaccinazione con conseguenze fatali


  • i dati del certificato di morte senza informazioni obbligatorie sullo stato vaccinale non hanno valore
  • le persone colpite e i parenti tacciono perché sono influenzati
  • medici e pubblici ministeri coinvolti non sono motivati a farlo
  • le autopsie negli istituti di medicina legale senza esami istologici di routine sono metodologicamente inadatti a priori
  • si rifiutano in parte le autopsie negli istituti patologici; spesso manca la conoscenza del "nuovo" modello di malattia
  • un'autopsia interdisciplinare e una valutazione da parte di medici legali e patologi con esame istologico obbligatorio di tutti gli organi e le lesioni è l'unico modo giustificabile per affrontare questo problema (modello Heidelberg)


SEGUE QUI: Conferenza stampa di patologia: decesso per vaccinazione / componenti non dichiarati dei vaccini Covid-19 e corpi estranei rilevati - Parte 2



Telegram t.me/lancoraitalia