Commissione Mobilità, esame progetto linea tranviaria veloce Termini-Giardinetti-Tor Vergata - 3 luglio, Aula Consiliare Municipio VI

Commissione Mobilità, esame progetto linea tranviaria veloce Termini-Giardinetti-Tor Vergata - 3 luglio, Aula Consiliare Municipio VI

Redazione DirettamenteRoma

Cari amici di #DirettamenteRoma siamo in attesa del raggiungimento del presidente della commissione Stefàno per il via ai lavori.

Stefàno (5S): "Chiedo scusa per il ritardo. Sono molto contento di presentare oggi questo progetto, che parte dal basso e valorizza le idee del territorio. Ricordo la chiusura totale nel marzo 2017, che determinò impatti notevoli sulle metro A, B e C.

Questa tramvia veloce consentirà la connessione a Termini, all'altezza del vero scambio con le metro, e a Tor Vergata. Io stesso da ex studente universitario ho sofferto enormemente la mancanza di un collego su ferro. Ma questo progetto comprende l'agenzia spaziale italiana (ASI) e il policlinico di Tor Vergata.

La connessione tra Tor Vergata e il policlinico Casilino consentirà di agevolare gli spostamenti tra i due ospedali. Cercheremo altresì di correre verso l'uscita A1.

Ringrazio quindi le associazioni, il team del PUMS, l'agenzia per la mobilità, Roma Metropolitane e Risorse per Roma. Oggi abbiamo 213,8 milioni dal ministero. Ora correremo per la progettazione definitiva, la firma della convenzione col Ministero e la conferenza dei servizi.

Lascio la parola al VI Municipio."

Fabrizio Tassi (Presidente Commissione Mobilità VI Municipio): "Questa ristrutturazione era nelle nostre linee programmatiche. Nel settembre 2016 abbiamo espresso la criticità della chiusura della Roma-Giardinetti, che solo in parte è stata colmata dalle linee su gomma. Abbiamo partecipato a novembre 2016 alla commissione che inseriva la linea nelle invarianti del PUMS, con la rimodulazione delle fermate necessaria a dare maggiore capillarità al servizio.

In questa sala abbiamo poi presentato questo progetto del PUMS, coinvolgendo con soddisfazione la cittadinanza. Vi ringrazio per essere qui per questa presentazione, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale.

Passiamo alla presentazione dei nostri tecnici".

Agenzia per la Mobilità di Roma: "Noi abbiamo presentato questo progetto alla fine del 2018 nell'ambito della legge Delrio sul Trasporto Rapido di Massa. Dotandoci del PUMS ci siamo potuti avvalere di questi fondi. Insieme alla Giardinetti abbiamo avuto finanziamenti per 6 opere.

Noi avevamo presentato il progetto lasciando lo stesso scartamento per dare continuità di esercizio. Il Ministero ha rigettato questa scelta, imponendo la scelta dello scartamento normale dei tram".

Nel dettaglio i fondi disponibili per Roma.

Per scartamento si intende la distanza tra le due rotaie.

Agenzia per la Mobilità di Roma: "Questa scelta, sebbene comporterà la chiusura della linea, ci ha permesso di migliorare il progetto che sarà integrato alla tramvia Togliatti.

Adesso questo progetto preliminare sarà sottoposto a conferenza dei servizi, che consenta di avviare le procedure di impatto ambientale. Contiamo di terminare queste procedure entro ottobre.

La legge ci vincola di sottoscrivere i contratti entro il 31/12/2022, pena il ritiro dei fondi. Noi contiamo quindi di concludere pure la progettazione definitiva, quindi quella esecutiva. Dopodichè ci sarà la gara e l'affidamento lavori.

A Termini ci sarà un'integrazione con le linee 5 e 14, nonchè la TVA il tram Termini-Vaticano-Aurelio la cui istanza di finanziamento sarà presentata a ottobre di quest'anno".

Insieme alla TVA presenteremo l'istanza aggiornata per il tram dei Fori Imperiali, che quest'anno non ci è stato finanziato.

Questo è lo schema completo previsto dal PUMS: due linee G Termini-Tor Vergata, H Anagnina-Torre Angela.

Questa è la linea G nella configurazione completa da PUMS da Termini al parcheggio scambiatore con l'autostrada A1."

La linea che ha ottenuto i 213,8 milioni di euro va da Termini fino a Tor Vergata. Le altre connessioni riguardano futuri prolungamenti ancora da finanziare.

Agenzia per la Mobilità di Roma: "Sebbene avessimo simulato lo scenario togliendo i binari da via Giolitti, questo ha avuto esito negativo a causa del sovraccarico di Porta Maggiore. Per tale ragione abbiamo confermato il tracciato attuale su via Giolitti.

Il cambio dello scartamento si porta appresso il cambio di armamento, consentendo di eliminare completamente le vibrazioni.

Ci sarà una riqualificazione di via Casilina, eliminando il guard rail separatore, anche se la linea resterà comunque segregata.

Incrementando la frequenza ed il numero di tram contiamo di installare nuove sottostazioni elettriche che alimenteranno la linea. Altri elementi della progettazione definitiva sarà la scelta se fare con alimentazione a filo oppure scegliere mezzi con batterie".

Alcuni dettagli del progetto per tratte.

Pagàno (Assessorato Mobilità): "Abbiamo scelto lo standard della rete tramviaria romana, che sebbene non abbia gli standard internazionali, è risultata la più conveniente. Oltre alla linea G avremo altri servizi tramviari, come potrebbe essere un allungamento del 14.

Il deposito è stato dimensionato per ospitare 35 nuovi mezzi, che in parte saranno dedicati alla linea per la Togliatti.

La linea porterà 70mila passeggeri al giorno, numeri comparabili con la tratta urbana della Roma-Viterbo".

Altri dettagli, stavolta sul prolungamento della linea a Tor Vergata.

Cittadino: "Nella zona di Torrenova ci sono presenze archeologiche, come intendete di risolverle? Lo stesso vale per via degli Ingegnoli che non è proprietà del comune di Roma".

RSM: "Sono state studiate delle alternative, che sono in corso di approfondimento per la scelta finale".

Risorse per Roma: "Il tracciato che si stacca dalla Casilina si pone al limite dall'ambito archeologico, interessandolo minimamente".

Pubblico: "Attualmente al ponte Casilino il binario è unico, è un problema?".

RSM: "No, perchè il binario interlacciato la frequenza minima è 2,5 minuti".

Maurizio Compagnone (ex assessore Mobilità VI municipio): "Ho seguito con molta attenzione questo progetto. Mi duole sottolineare che questa commissione arriva un po' tardiva e ripete informazioni già note.

Perchè non si è pensato di passare per viale dei Romanisti, visto che il procedimento si è resettato?

Io penso avremo molti problemi in conferenza dei servizi, soprattutto su via degli Ingegnoli. Avremmo potuto raggiungere Tor Vergata in maniera più semplice.

Secondo me ci bloccheremo col fosso di Carcaricola".

Stefàno (5S): "Il tema è che in 4 mesi concessi dal ministero non avremmo mai potuto cambiare il tracciato, quindi il progetto intero.

L'assessore capitolino inoltre sta per incontrare l'assessore regionale, stiamo cercando di rimettere in moto la tratta esistente.

Se ci sarà una riapertura, sarà con le risorse umane attuali."

Pubblico: "C'è un equivoco che non ho capito.  La linea a Giolitti sarà con presa a terra o linee aree?".

RSM: "Noi abbiamo escluso la soluzione della presa a terra su tutta Roma perché quella soluzione richiede una manutenzione dai costi altissimi.

Quindi o batteria o filo tradizionale".

Tortorelli (Odissea Quotidiana): "Sono molto contento dell'appuntamento di oggi e lo colgo per aprire da parte del nostro blog a valorizzare l'archeologia interessata dalla linea, creando un vero e proprio museo del trenino. Chiedo dunque: a che punto è il passaggio dalla Regione al Comune per la proprietà? Come sarà fatta la cantierizzazione".

Stefàno (5S): "Sulla proprietà abbiamo dato un indirizzo in aula. Il tema riguarda il contratto di servizio con Atac: dobbiamo ricalcolare integralmente il corrispettivo d'esercizio. Riusciremo ad affrontarlo in sede di conferenza dei servizi".

RSM: "Sulla cantierizzazione avremo una progettazione per lotti. Stiamo valutando se iniziare con la tratta più esterna Centocelle-Giardinetti e poi proseguire verso il centro o altrimenti fare tutto insieme sempre lottizzando.

La tratta più interna è comunque una manutenzione straordinaria, quindi potrebbe essere più veloce".

Stefàno (5S): "Certamente il tema più urgente è la ridefinizione del costo standard con Atac. Essendo una questione interna al Comune vorrei risolverlo prima della conferenza dei servizi, a dire il vero".

Nicodemi (Ass. Trasportiamo): "Noi da tempo portiamo avanti il tema di riaprire la tratta esistente.

Noi abbiamo fame di trasporti e pungoliamo affinché la tratta sia riaperta il prima possibile.

In un sopralluogo con la Regione abbiamo constatato che la linea gode di buona salute, nonostante il passare degli anni. Il problema principale è del personale è vero, ma Atac sta chiudendo un accordo per formare nuovi macchinisti. Perché non passare 3-4 macchinisti sulla linea?.

Io mi aspetterei da lei, Stefàno, una commissione congiunta a riguardo".

Stefàno (5S): "Io ho rappresentato le difficoltà nel riaprire. Le commissioni arrivano fino ad un certo punto, poi ci sono le responsabilità degli altri. Io ho scritto all'assessore, che ha confermato l'appuntamento a breve con l'assessore regionale".

Ci si avvia verso la conclusione della commissione. 

Dopo il cambio di scartamento richiesto dal Ministero dei Trasporti, il Comune di Roma ha ottenuto 213,8 milioni di euro per l'ammodernamento della Roma-Giardinetti ed il prolungamento di 3 km verso Tor Vergata e 500 metri verso Termini. Dal progetto di fattibilità economica presentato il 6 aprile in Ministero, si proseguirà durante quest'anno con la progettazione definitiva e l'apertura della conferenza dei servizi (prevista per Marzo 2021). Con la conclusione di tale fase, che definirà i caratteri principali della linea, si procederà con la progettazione esecutiva. Conclusa la conferenza dei servizi anche sul progetto esecutivo, si potrà proseguire con l'appalto in uno o più lotti funzionali, quindi l'affidamento dei lavori che dovrà avvenire necessariamente entro il 31/12/2022, pena il ritiro dei fondi.

Tutto ciò dovrà tenere conto della nuova consiliatura e il voto del nuovo Sindaco per giugno 2021.

Ma questa è un'altra storia che vi racconteremo.

Intanto grazie per averci seguito, buona Roma a tutti!


Stream mandato in onda da #DirettamenteRoma: https://t.me/direttamenteroma

Contenuto rilasciato in licenza Creative Commons 4.0 attribuzione-non commerciale-non opere derivate. Se ne fai uso, per favore cita la fonte: #DirettamenteRoma