Centri di raccolta A.M.A., commissione Ambiente - 19 ottobre, videoconferenza

Centri di raccolta A.M.A., commissione Ambiente - 19 ottobre, videoconferenza

Redazione

Buongiorno lettori e buon inizio di settimana. Siamo entrati da poco nella videoconferenza, e restiamo in attesa dell'inizio. Intanto vi ricordiamo che la commissione Mobilità di oggi verrà trasmessa in differita.


Assessore ai Rifiuti ed al Risanamento Ambientale, Katia Ziantoni: "Sui centri di raccolta abbiamo fatto una riunione con i dipartimenti e Ama, per fare un punto della situazione su tutti i centri di raccolta per comprendere le varie situazioni. Questo è un tema che ho già accennato nel Consiglio di venerdì. Ci sono due canali: Delibera Tronca, approvata senza che ci fossero conferenze di servizi che dessero pareri sulle idoneità delle aree individuate; e c'è la Delibera Botta che dovrà arrivare in approvazione in Aula, e che è frutto di questa Amministrazione. 

Nella Delibera Tronca l'unica area cantierabile è nel Municipio VI. 

Poi ci sono altre cinque aree di raccolta, non presenti nella delibera Tronca che avevano visto concludersi le conferenze di servizi in maniera positiva. Due di queste, di cui una è Virgilio Guidi, sono state approvate ma ci sono problemi legati al tema di esondazione e ci sono altre prescrizioni. Per questo il valore dell'opera aumenta di parecchio e abbiamo chiesto un nuovo parere per comprendere la fattibilità economica."

"Poi c'è il centro di Tor Bella Monaca che ha superato tutti i pareri, ma c'è un problema legato alla proprietà e quindi c'è un contenzioso aperto, che dubito riusciremo a risolvere. Sarebbe potuto essere cantierabile, ma così non è. 

Faremo una riunione con Ama per capire se nelle altre due aree è possibile partire con i cantieri. In conclusione i centri di raccolta con conferenze di servizi chiuse sono 6, di cui una è cantierabile e si trova a via Casale Cerroncino, Municipio VI."


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Abbiamo poco da aggiungere a quello già detto dall'Assessore. Confermiamo che ci sono questi 6 procedimenti chiusi. Le conferenze in tutto erano 8, e quindi due si sono chiuse negativamente. 

Su Virgilio Guidi (Mun V) sono state chiesti degli approfondimenti all'Autorità di Bacino Portuale, viste le prescrizioni venute fuori. Ed è stato chiesto anche un aggiornamento di fattibilità economica, per capire quanto verrebbe a costare tutto l'intervento, visti i rischi ambientali. 

Il centro di via del Cerroncino è quello che si trova allo stato più avanzato. La delibera dovrebbe essere pronta per andare in Giunta."

"Le altre tre aree sono ex strutture di Ama, e si sta verificando con il Patrimonio se è possibile effettuare un accesso preventivo all'area. Non fanno parte della Delibera Tronca. Sono siti che faranno parte del deliberone nel quale sono state individuate nuove aree condivise con i Municipi. E quindi si chiede l'accesso provvisorio per Ama, per effettuare i rilievi preliminari, in attesa dell'arrivo del deliberone appunto."

"Qualsiasi altro progetto che Ama predisporrà dovrà necessariamente attendere l'approvazione della delibera di individuazione delle nuove aree."


AMA, Servizio Patrimonio: "Come richiesto in quella riunione fatta precedentemente in merito al centro di via Cerroncino, noi abbiamo dato il via alla progettazione esecutiva. La conferenza approva il progetto, da parte di Ama viene stilato il progetto esecutivo, a quel punto l'Amministrazione Comunale tramite una delibera di Giunta lo approva. Da quel momento Ama fa partire i lavori. In attesa dell'approvazione della delibera, Ama ha già dato il via alla stesura della progettazione esecutiva. Da qui ad un mese Ama potrebbe dare il via ai lavori."

"Per il centro di raccolta a Virgilio Guidi la differenza è che rispetto ad una ipotesi di costruzione del centro di raccolta di 350mila €, con gli interventi richiesti dall'Autorità di Bacino e quindi con la costruzione di una sorta di diga arriveremmo a spendere oltre 1 milione di euro. E' un onere eccessivo per un centro di raccolta."

"Per il centro di raccolta Pontina metteremmo anche una sede Ama, e arriveremmo ad avere il centro più grande di Roma. Daremmo alla città un punto assai significativo per questo servizio. Il fascicolo ormai è un anno che viene rimpallato tra il Segretariato e il Dipartimento Urbanistica. Si deve velocizzare l'iter. Considerando i tempi, se riuscissimo a concludere questa pratica, il cantiere potrebbe partire già per l'inizio del prossimo anno."

"Sugli altri centri è stato detto tutto, e quindi aspettiamo l'approvazione della famosa delibera. La Delibera Tronca riguardava solo tre siti come Cerroncino, Virgilio Guidi e Pontina. Quelle aree erano oltre trenta, e a seguito di un confronto con i Municipi erano rimaste esattamente sette aree. Gli altri fanno parte del famoso "deliberone"."


De Priamo (FdI): "Purtroppo devo rilevare che viene fuori un quadro molto negativo. E' vero che abbiamo avuto nella delibera Tronca una serie di problemi e superficialità, perché non si affrontavano determinati nodi. L'attuale Amministrazione ha dovuto riprogrammare alcuni aspetti. Pur dando tutte le attenuanti, non possiamo arrivare a fine consiliatura con tutte queste complicazioni. Non sta a me entrare nelle singole responsabilità, anche se sul tema dell'ex campo nomadi sulla Pontina è stato forse il Segretariato che ha preso troppo tempo. 

Per me il tema è politico. L'Amministrazione ha sempre parlato di economia circolare e di un lavoro capillare sulla raccolta, di ampliare i punti di raccolta, ma non si può arrivare a fine consiliatura senza aver aperto nemmeno un cantiere."

"Se andiamo a vedere statisticamente le precedenti consiliature, almeno due, tre aree di raccolta venivano sempre aperte per i cittadini. 

Io non ne sono contento, e sono preoccupato. Mi chiedo come possiamo parlare di economia circolare o centri di raccolta se non si riescono ad aprire nemmeno i cantieri. Non siamo qui a chiedere le promesse, anche perché siamo alla fine. Vorrei capire se questa Amministrazione pensa di riuscire ad avviare almeno i lavori per qualcuna di queste aree?"

"Portiamo in Aula il cosiddetto deliberone e proviamo ad aprire almeno qualche cantiere, altrimenti Roma rischierà grossi problemi per il futuro, e chi governerà si troverà in difficoltà."


Di Palma (5S): "Chiedo ad Ama che tempi ci sono per la cantierizzazione di Cerroncino. Se tutto dovesse andare bene, tra un mese potrebbe aprire il cantiere? Quanto si prevede che potrebbe durare? 

Sinceramente siamo a qualche mese dalle elezioni, e non c'è tempo per fare promesse su quello che si può fare in generale. vedremo i fatti strada facendo. Adesso abbiamo queste nuove informazioni, e saranno gli eventi a dirci a che punto riusciremo ad arrivare. La Delibera Tronca non andava bene, e oggettivamente ci si è messo troppo tempo per proseguire. 

Aspettiamo con ansia questa nuova delibera, sperando che sblocchi la situazioni e che permetta di arrivare alla realizzazione di nuove aree di raccolta."


Assessore ai Rifiuti ed al Risanamento Ambientale, Katia Ziantoni: "Non sono solita fare promesse, ma impegni. Con molta concretezza si sta spingendo in maniera prioritaria per velocizzare gli iter dei cantieri che si possono aprire prima di altri. Prima di tutto dobbiamo far partire i lavori nelle aree che hanno avuto pareri positivi nelle conferenze di servizi. Ama ha un accordo quadro, che è uno strumento chiesto tempo fa, per cui adesso lo possiamo utilizzare per poter andare avanti e far partire i lavori. Si deve andare velocemente sulle aree che consentono di poter far partire i lavori."

"Seguirò l'iter della delibera per farla arrivare il prima possibile in Giunta. La nuova delibera sarà lo strumento per andare ad operare sulle nuove aree. La Delibera Tronca non era uno strumento ma individuava solo delle aree, e non è stata utile alla città. Le difficoltà più grandi si sono sempre riscontrate nelle risposte del Dipartimento PAU."

"Roma è una città strutturata a livello dipartimentale come un elefante e lo sanno tutti. Ci sono municipi che non hanno nemmeno un centro di raccolta, e queste situazioni perdurano da anni. Dobbiamo intervenire su questi territori, dando subito delle risposte.  La nuova delibera sarà uno strumento utile e importante per far arrivare nuove aree di raccolta in futuro."


AMA, Servizio Patrimonio: "Prendendoci qualche giorno in più per stare sicuri, per la fine di novembre il progetto esecutivo di Casale Cerroncino sarà pronto, e potremo aprire il cantiere per i primi del mese di dicembre. I tempi di costruzione saranno tra i 5 e i 6 mesi. Potremmo ritrovarci a maggio con la partenza delle attività di raccolta."


Baglio (PD): "Siamo ormai alla scadenza del mandato e ci è stato raccontato fin dagli inizi che l'obiettivo dell'Amministrazione era puntare sulla chiusura del ciclo dei rifiuti, aumentare la differenziata e puntare sulle isole ecologiche. Sinceramente sono contenta che il sito di Cerroncino possa vedere la luce tra 5/6 mesi, me lo auguro. Ne avremmo dovuti fare molti di più di centri di raccolta. Siamo molto lontani dall'obiettivo prefissato ad inizio mandato. Arrivano inoltre molte segnalazioni di disservizi dei centri di raccolta già attivi."

"Tolti i tempi di realizzazione e il sito di Cerroncino, il deliberone quante aree prevede? Se sta al Segretariato, potremmo riuscire ad approvarlo entro il 2020, se non addirittura scavallare l'anno. E' evidente in ogni caso che difficilmente riusciremo a mettere in cantiere nuovi progetti. E' stato fatto poco e male. Sono contenta che possa vedere la luce una nuova isola ecologica. Per le tre aree che erano presenti nella Delibera Tronca come siamo messi?"


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Le tre aree in questione della Delibera Tronca sono Cerroncino, che dovrebbe essere quella cantierizzabile a breve; Pontina ex Campo Nomadi; e Virgilio Guidi. Le altre aree sono ex depuratori e fanno parte di un'altra partita. C'erano anche Ortolani e Casal Selce che hanno ricevuto parere negativo. Sempre nella Delibera Tronca ci stava Largo Langosco e via Baceno che hanno riscontrato problemi. La Delibera Tronca aveva individuato appunto delle aree, ma non erano state fatte tutte le verifiche tecniche di conformità con lo strumento urbanistico. Nel cosiddetto deliberone verranno individuate 40 aree. Noi abbiamo 14 centri di raccolta operativi attualmente, e quindi un centro ogni 200mila abitanti. Con questo deliberone faremmo un importante salto in avanti. Sono comprese nuove aree che aree su cui si è lavorato già in precedenza."

"Sono state individuate aree disponibili di Roma Capitale. Inizialmente si era partiti da 93 aree, e mano a mano si è proceduto con lo scartare quelle non idonee. Riteniamo che le conferenze dei servizi andranno più veloci, senza incontrare particolari criticità."


Montella (Misto): "Quali erano le motivazioni dei pareri negativi delle conferenze dei servizi? E possono essere superati?" 


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Su Casal Selce era riferito a problemi idraulici. Potrebbe essere superato, ma bisogna vedere la sostenibilità economica, come per Virgilio Guidi. Potrebbe rientrare in corsa. Sta nel deliberone. E' previsto anche un impianto di compostaggio, approvato recentemente dalla Regione Lazio. 

Per Ortolani c'era stato un parere contrario che impediva di reiterare la procedura. E' proprio uscito dalla rosa dei centri di raccolta. Il Municipio X ne ha già una, e alla fine si è anche scelto di procedere verso municipi che oggi non ne hanno uno."


Assessore Ambiente Mun XV, Pasquale Annunziata: "C'è un atto municipale che abbiamo fatto nel 2017, con il quale abbiamo chiesto a Cesano un'isola ecologica con un centro di raccolta Ama. Il nostro territorio non ha alcuna isola ecologica, ed è il municipio più grande di Roma, con un'estensione maggiore del Comune di Roma. E' assurdo pensare ad un territorio così grande senza inserirci un'isola ecologica. 

Dovete immaginare che il grosso quartiere di Cesano dista molti km dalla Cassia, dove ogni giorno partono decine di mezzi Ama, inquinando la città. Avere lì un centro zona è importante per venire incontro alla cittadinanza."

"Recentemente c'è stato un Consiglio straordinario visto che ancora siamo privi di isola ecologica. Quelle che avevamo proposto non erano state approvate dal SIMU, che a sua volta ci voleva proporre aree per le quali avevamo finanziato la realizzazione di parchi. 

Con questa carenza di strutture, segnalo che da mesi non funziona il ritiro a casa degli ingombranti. I cittadini che telefonano non possono nemmeno usufruire di questo servizio inserito nel contratto di servizio. Io stesso mi sono messo a chiamare svariate volte, per vedere la linea telefonica cadere. I cittadini non sanno dove buttare i rifiuti ingombranti. In un quadro del genere credo che la priorità delle isole ecologiche nel Mun XV dovrebbe essere portata avanti dalla commissione."


Assessore Ambiente Mun XII, Maria Novella Terribili: "Anche noi non abbiamo un centro di raccolta, e quindi andiamo in quello vicino di Corviale dell'XI. Spesso e volentieri si fa la fila, per poi non riuscire a poter conferire. Il fatto che non ci sia un centro di raccolta rende il Municipio indifendibile. Lo scorso anno abbiamo fatto delle riunioni, e anche a noi il SIMU ha fornito aree impraticabili."

"Abbiamo trovato siti diversi, abbiamo chiesto la disponibilità della fattibilità che però non ci è giunta e quindi ci siamo fermati così. Siamo dunque senza area di raccolta. Purtroppo nel nostro, o per fortuna, abbiamo un quadrante dove si può fare che è a Massimina. Le persone accetterebbero con molta gratitudine un'area di raccolta. Siamo disposti a girare dalla mattina alla sera per inquadrare un'altra area, se quella non dovesse andare bene."


Presidente Commissione Ambiente Mun V, Cosimo Puliti: "Ho fatto svariate commissioni sul sito di Virgilio Guidi. I problemi sono sempre venuti fuori, e sono legati ai vincoli idrogeologici dell'Autorità di Bacino. Via Virgilio Guidi è uno dei tre centri più avanzato, che ha ricevuto subito l'idoneità. Ha delle caratteristiche importanti, non presenta abitazioni nelle vicinanze, ci si può accedere tranquillamente, si trova al centro di tre municipi. Vorrei sensibilizzare gli uffici verso questi aspetti, che non sono trascurabili. I vincoli idrogeologici per noi erano deboli, ma non vogliamo entrare in temi tecnici."


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Su Virgilio Guidi siamo sì nei tre centri della Delibera Tronca. Sono state fatte molte riunioni in municipio. C'erano delle prescrizioni date dall'Autorità di Bacino a cui Ama ha ottemperato, presentando degli interventi che andrebbero a sanare i problemi idraulici. Si devono garantire che non ci saranno problemi. Ama ha dunque presentato uno studio idraulico sulla base delle prescrizioni ricevute, e l'Autorità a fine settembre ha dato parere favorevole. Poiché l'intervento che dovrebbe fare Ama è un rilievo per poter realizzare il centro di raccolta con dislivello, si è chiesta una nuova fattibilità economica per capire quanto lieviterebbe il costo dell'opera."


AMA, Servizio Patrimonio: "A fronte di un preventivo di 350mila €, ottemperando alle prescrizioni dell'Autorità di Bacino il costo salirebbe a 1,15 milioni di euro. Per questo abbiamo chiesto alla parte politica come intendiamo procedere, se continuare o fermarci."


Assessore Ambiente Mun XV, Pasquale Annunziata: "Al territorio servono delle risposte in merito alla realizzazione di un'area di raccolta, siamo senza centri. Il servizio per il ritiro degli indifferenziati non funziona. Quando lo riattiverà AMA?" 


AMA, Servizio Patrimonio: "Prendo nota di quanto denunciato, e trasmetteremo all'Amministratore Unico la segnalazione." 


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Per quanto riguarda i centri di raccolta anche lì rimandiamo al deliberone, perché lì sono previste anche per il Mun XV aree come Olgiata, che oggi si occupa solo del verde. Lì ci sarà scritto tutto." 


Assessore Ambiente Mun XV, Pasquale Annunziata: "Quindi in conclusione il Municipio XV in questa consiliatura non vedrà nessuna isola ecologica o centro di raccolta. Credo si dovrebbero pensare anche soluzioni alternative, più light, che non richiedano questi iter così lunghi."


Assessore Ambiente Mun VIII, Centorri: "Ci sono aggiornamenti sull'VII?" 


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Oggi abbiamo parlato delle aree di raccolta per cui sono aperti i procedimenti con le conferenze, e non sono in VIII." 


Montella (Misto): "Dal 2016 cosa è stato programmato?" 


Assessore Ambiente Mun VIII, Centorri: "Il territorio è privo di isole ecologiche. L'unica attiva è stata trasformata in centro di trasbordo per altri dispositivi."


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Tutte le proposte fatte dai Municipi si trovano nel deliberone, che deve andare in Aula."


Montella (Misto): "Nel 2016 si comprende che la Delibera Tronca non era adeguata, e si è fatto un controllo del territorio. Dopo lo studio di fattibilità, cosa è stato individuato in Municipio VIII? Perché stiamo individuando adesso le aree, nel 2020? E non prima? Sono fondamentali per la raccolta."


Baglio (PD): "Tecnicamente i quaranta centri che saranno nel deliberone, faranno parte di tutti i municipi?" 


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Il deliberone prevede almeno un centro per ogni Municipio. Non c'è, ma per motivi di urbanistici, il Municipio I. Non dovrebbe esserci anche il Municipio XIII che ha già delle aree. Gli altri ci sono tutti. E' un documento importante, che resterà all'Amministrazione. Se poi dovessero venir individuate nuove aree, integreremo."


Presidente Commissione Ambiente Mun IX, Alessandra Cristicchi: "Abbiamo già chiesto al responsabile di zona, ma gli squaletti quando vanno a depositare la raccolta non coprono il furgone, quindi il mezzo. Ci è stato detto che gli operatori, nel momento del trasferimento, sono tenuti a coprire il mezzo. Questa mattina mi è capitato di vedere sulla Cristoforo Colombo uno squaletto che perdeva un sacco, finito a bordo strada. Sarebbe adeguato mandare una circolare gli operatori in questo senso. Molti cittadini ci hanno segnalato questo fenomeno."


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Ci correggiamo, solo il Municipio I sarà escluso dalle aree presentate nel deliberone. Gli altri territori ci saranno tutti, lo confermiamo."


Assessore Ambiente Mun XII, Maria Novella Terribili: "E' possibile sapere i siti precisi individuati nel nostro territorio, per fare un sopralluogo?"


Dipartimento Ambiente, Direzione Rifiuti: "Nelle bozze di lavoro so che per quanto riguarda il Mun XII è previsto in zona Massimina."


La commissione procede verso la chiusura. Delle aree individuate nella Delibera Tronca ad oggi solo tre si trovano in uno stato avanzato, e fra queste una sola è prossima alla possibile cantierizzazione. Parliamo delle aree di Casale Cerroncino (Mun VI); Virgilio Guidi (Mun V), Pontina ex Campo Nomadi (Mun IX). La prima area si trova allo stato più avanzato, e secondo AMA potrebbe vedere partire il cantiere per i primi mesi di dicembre, rendendo operativa l'area verso maggio 2021. Per l'area di Virgilio Guidi ci sono state dei vincoli posti dall'Autorità di Bacino Portuale, che hanno portato ad una nuova progettazione da parte di AMA. Questa nuova progettazione però, ha portato a richiedere una nuova fattibilità economica, perché adeguando l'opera dal punto di vista idrogeologico i costi lieviterebbero oltre il milione di euro (rispetto ai 350mila€ previsti inizialmente). Attualmente gli uffici stanno lavorando su una nuova Delibera che andrà a contenere tutte le nuove aree e non dove potranno essere inseriti centri di raccolta. Prossimamente dovrà essere approvata in Giunta, e vedrà al suo interno un elenco di 40 aree. Chiudiamo la diretta, e vi ricordiamo che a breve pubblicheremo la diretta della commissione Mobilità che si è tenuta questa mattina alle 11. Buona Roma a tutti! 


Stream mandato in onda da #DirettamenteRoma: https://t.me/direttamenteroma

Contenuto rilasciato in licenza Creative Commons 4.0 attribuzione-non commerciale-non opere derivate. Se ne fai uso, per favore cita la fonte: #DirettamenteRoma